Il portiere per definizione dovrebbe evitare i gol, ma quando stanno scadendo gli ultimi secondi della partita, quando tutto sembra ormai perduto, ci si aggrappa all’ultima chance: ci si dimentica di avere i guantoni e si sale in area avversaria cercando di cambiare un risultato che sembra ormai già scritto.
Oggi 10 agosto 2017 è il compleanno di Michelangelo Rampulla, prima di cominciare la sua vita da secondo alla Juventus, Rampulla difendeva i pali della Cremonese. Lo faceva bene, ma non si accontentava. Così, in una partita contro l’Atalanta del campionato 1991/92, decise di tentare la fortuna in attacco. Svettò sul corner e fece centro, pareggiando la partita. Non il primo né sicuramente l’ultimo direte voi, ma la curiosità dietro questo rete è che il portiere della Cremonese fu il primo nel suo ruolo a segnare un gol su azione in Serie A.

Oggi andremo a vedere non i portieri che hanno segnato di più nella storia del calcio, ma quelli autori di gol importanti, curiosi, decisivi o quantomeno spettacolari.

 

TAIBI

Dopo Rampulla, Taibi. A nove anni dall’incornata di Michelangelo, un altro portiere fu capace di andare in rete. Massimo Taibi giocava nella Reggina, nel 2001, quando segnò di testa contro l’Udinese. Da calcio d’angolo, Taibi si fece trovare pronto sul primo palo, girando in rete il gol del pareggio.

TOLDO

Non si può non menzionare il gol-non gol di Toldo contro la Juventus nell’ottobre 2002. Inizialmente il gol fu attribuito al portiere nerazzurro, successivamente però, grazie ai vari replay venne deciso di assegnare il gol a Vieri. Nel cuore dei tifosi interisti però il gol rimane del portiere azzurro.

AMELIA

Ultimo gol italiano fu quello di Marco Amelia. Il palcoscenico fu addirittura la Coppa Uefa. Con la maglia del Livorno segnò in casa del Partizan Belgrado, permettendo ai toscani di pareggiare una partita che si sarebbe rivelata decisiva per il passaggio del turno. Un gol stilisticamente più brutto rispetto a quelli dei suoi colleghi, ma ugualmente fondamentale.

ANDRES PALOP

Stesso anno e stessa coppa portafortuna dei portieri a quanto pare. Durante la Coppa Uefa del gol di Amelia, ci fu un altro gol da parte di un portiere e forse fu addirittura più importante. Se, infatti, il Siviglia vinse la Coppa Uefa nel 2007, lo deve soprattutto al suo portiere Andrés Palop. E non solo per i tre calci di rigore parati nella finale contro l’Espanyol. Qualche mese prima, nel ritorno degli ottavi di finale contro lo Shakhtar Donetsk, Palop segnò il gol del 2-2 in pieno recupero, portando la sfida ai supplementari che si sarebbero chiusi poi con la vittoria degli spagnoli.

HANSEN

Tutti noi ricordiamo il bellissimo gol in scorpione di Mkhitaryan, nella scorsa Premier League, entrato nella top 3 dei gol più belli dell’ultima stagione. Qualche anno prima però, esattamente l’ 11 agosto 2015, il portiere del Den Haag Martin Hansen, decise di pareggiare contro il PSV in questa maniera. Un gol meraviglioso, realizzato a 30 secondi dalla fine.

BEGOVIC

Come dicevamo all’inizio, generalmente i gol dei portieri arrivano sull’ultima mischia in area di rigore a tempo ormai scaduto. Eccenzion fatta per Asmir Begovic. Quando giocava nello Stoke City, il portiere bosniaco segnò con un rinvio lungo dopo 13 secondi dall’inizio della sfida col Southampton. La curiosità su questo gol? È stato il più rapido della storia nel suo ruolo.

ROGERIO CENI

Come ultimo portiere goleador abbiamo tenuto il vero portiere goleador. Rogério Ceni. È lui il bomber dei portieri. 120 gol in carriera: numeri da attaccante.
Rogério Ceni, storico estremo difensore del São Paulo, li ha realizzati soprattutto su punizione e rigore. Un destro vellutato, quasi magico. Numero 1 per posizione in campo, ma numero 10 per piedi e gol.
Scegliere una sola rete è un’impresa troppo difficile. E quale miglior modo di chiudere l’articolo se non con le sue migliori punizioni? Buona visione.