902 presenze e 9 anni dopo Paolo Maldini ritorna a casa, dove tutto è iniziato nel lontano gennaio 1985: prima da calciatore, ora con un incarico operativo.

RUOLO

No, non sostituirà Bonucci, anche se per Maldini la voglia di tornare a giocare è tanta. Il 50 enne con il rossonero nel sangue ricoprirà il ruolo di Direttore Sviluppo Strategico area sport: si tratta di un lavoro esecutivo, di stretta collaborazione con Leonardo e con l’area marketing, dove la bandiera rossonera si occuperà dello sviluppo dell’area tecnica, dal settore giovanile fino alla prima squadra. Quindi niente ruoli di facciata o di semplice rappresentanza come voleva offrigli il Milan del corso cinese, con Mr Li intento a prendere Maldini in società soltanto come “parafulmine”, riparando così il Milan stesso da critiche e disapprovazioni.

NUOVO CORSO

Il passaggio del club nelle mani di Elliott è stato fondamentale nella scelta di Maldini, che avrebbe detto sì solo a un progetto concreto e serio nel quale poteva, agendo in prima persona, migliorare le sorti della sua squadra del cuore. Il fondo statunitense ha convinto l’ex capitano rossonero presentandogli un progetto a medio-lungo termine per rimettere subito il club sul mercato, assicurando alla bandiera rossonera che avrebbe fatto parte delle fondamenta su cui far rifiorire il club per farlo tornare dove merita.

IL COMUNICATO

L’orgoglio dei vertici societari e la felicità di poter contare su un campione è enorme per la società, come si può evincere dal comunicato stampa che ha ufficializzato il ritorno:

Il nuovo corso di AC Milan è ulteriormente rafforzato dalla nomina di Paolo Maldini a nuovo Direttore Sviluppo Strategico Area Sport. Paolo è una leggenda vivente nella storia rossonera per la sua eccezionale classe, per il talento, la leadership, la lealtà, e il suo record di successi, senza pari. Tali qualità giocheranno un ruolo determinante per far tornare il Milan alla grandezza che merita. Il cognome “Maldini” tocca il cuore di tutti i milanisti, simbolo di una dinastia di dedizione e successo.

Il ritorno di Leonardo così come quello di Maldini, con l’acquisto di Higuain a fare da spartiacque tra queste due operazioni: se le promesse sono queste, il diavolo sembra in paradiso.