Mancano appena cinque giorni al via, ma in Inghilterra ancora molte squadre stanno cercando di piazzare dei colpi last-minute per rinforzare la loro rosa per l’imminente stagione di Premier League. In questa sessione estiva abbiamo potuto notare le grandi trattative in casa Liverpool, che ha portato ad Anfield Alisson e Naby Keita su tutti, per provare a far suo un titolo nazionale che manca dal 1990. Non sono venuti a mancare nemmeno gli acquisti in casa Chelsea, City e United, pronti a darsi nuovamente battaglia sul campo per trionfare nuovamente o per confermare la vittoria dell’anno passato.
Nonostante ciò anche altre compagini britaniche sono molte attive in questo giorni a poche ore dalla chiusura del mercato. Tra queste svettano Fulham, Everton e Leicester, di cui ora andremo a parlare.

QUESTIONE D’IMMAGINE

Craven Cottage, uno degli impianti storici del calcio inglese, tornerà ad ospitare le partite del Fulham in Premier dopo ben quattro stagioni. Sebbene la campagna abbonamenti stia andando a gonfie vele, la società per garantirsi l’entusiasmo dei suoi tifosi non sta badando a spese. Nella capitale è sbarcato già André Schürrle, che rivestirà il ruolo di pilastro per il prossimo campionato degli Whites. Nelle ultime ore il club sembra aver fatto le mosse decisive per aggiungere alla sua rosa Calum Chambers dall’Arsenal. Secondo quanto riporta Sky Sports Uk le due squadre avrebbero trovato un’intesa su un prestito, con i dettagli ancora da definire, per il 23 enne dei Gunners pronto a cambiare maglia nella prossima stagione. Il difensore garantirà alla truppa di Jokanovic esperienza, viste le molte presenze in Premier nonostante la giovane età, fisicità ed equilibrio ad un retroguardia, che sarà il reparto chiave per l’obiettivo salvezza.

VETRINA MONDIALE

La kermesse russa, così come quelle precedenti, ha dato la possibilità a molte giovani promesse di mettersi in mostra per fare il salto decisivo nella loro carriera. Un esempio chiaro sembra essere quello di Golovin; il talentino sovietico infatti è già partito in direzione Monaco , per vestire la maglia dei monegaschi nella prossima stagione. Il russo però non è l’unico ad aver fatto vedere tutto il suo potenziale nella competizione iridata. Infatti negli ultimi giorni l’Everton si è fatto avanti in maniera decisiva per Yerry Mina. Il difensore colombiano ha segnato ben tre reti con la maglia dei Cafeteros di Pekerman, dimostrando al mondo intero il suo valore, che si basa sulla capacità d’anticipo e la bravura nel leggere il gioco.
I Toffees dopo una settimana intensa di trattative con il Barcellona, sembrano aver trovato l’offerta giusta sulla base di 32 milioni di euro, anche se i relativi contratti non sono ancora stati firmati. Il centrale sudamericano aveva già da tempo espresso il desiderio di voler lasciare i blaugrana a causa del poco impiego. Se il club inglese dovesse farcela si garantirebbe un difensore con ottime doti di copertura e con frequente vizio del gol, cosa non da poco per un campionato come la Premier League.

PROVE DI RICAMBIO

Il Leicester City in questo mercato era chiamato a sostituire una delle pedine più importanti della sua rosa, nonché uno dei pilastri del titolo del 2016, targato Claudio Ranieri, ovvero Riyad Marhez. Anche uno degli ultimi tasselli pregiati fa le valigie, viste le precedenti partenze di Kanté e Drinkwater, in direzione Manchester alla corte di Guardiola.
La scelta delle Foxes è ricaduta su Rachid Ghezzal, esterno offensivo classe 92, la cui cifra d’acquisto corrisponde a 11 milioni di euro che finiranno nelle casse del Monaco. L’algerino è pronto a legarsi al club per i prossimi quattro anni, e ad iniziare la sua prima avventura fuori dai confini francesi, in cui ha espresso tutto il suo talento soprattutto nelle cinque stagioni a Lione, club che lo ha cresciuto e lanciato nel grande calcio. Il Leicester lo ha scelto per la grande capacità di saltare l’uomo, di giocare nello stretto e anche per la sua rapidità, tutte caratteristiche che lo rendono adatto ad una squadra inglese di Premier. Quello che sperano nel Leicestershire è di vederlo finalmente esplodere, evitando il più possibile la discontinuità che ne ha contraddistinto la carriera fino ad oggi.