“I giocatori saranno tutti italiani, dovranno avere i capelli in ordine, niente barba, tatuaggi e orecchini. Daremo giovani calciatori alla Nazionale”

Questo l’intento che il neo-patron del Monza, Silvio Berlusconi, vorrebbe attuare nella squadra lombarda. Atleti che prima di essere calciatori sono persone, con determinati valori etici. Ecco quindi subentrare la proibizione del tatuaggio o dell’orecchino. Tutti i giocatori devono dare l’esempio tramite un rigore formale della propria persona con nessuna eccentricità. Altro punto fondamentale nel progetto berlusconiano è la crescita di talenti made in Italy. Stanco oramai di vedere squadre sempre più piene di giocatori stranieri, l’obbiettivo dell’ex premier italiano è quello di portare nuova linfa vitale alla Nazionale nei prossimi 3/4 anni. In questo periodo, d’altronde, l’Italia non brilla di certo per nascita di talenti. Pochi i calciatori che riescono a compiere il definitivo salto di qualità già in tenera età.

Una Nazionale con giocatori giovani, senza tatuaggi, orecchini e pochissima barba è difficile da pensare, anche se non totalmente irrealizzabile. Ecco a voi l’undici più competitivo e completo possibile.

PORTIERE: ALESSIO CRAGNO

Risultati immagini per CRAGNO

Il portiere toscano sta facendo parlare molto di sé. Guadagnatosi la porta del Cagliari da oramai due stagioni, nell’ultimo periodo sta regalando prestazioni davvero superbe, tanto da guadagnarsi la chiamata da parte di Mancini. Mai una parola fuori posto e sempre un comportamento impeccabile. In 8 partite già 3 cleen sheet per il ragazzo che si candida ad essere uno dei giovani portieri più interessanti del campionato, avendo solamente 24 anni.

TERZINO DESTRO: ANDREA CONTI

Risultati immagini per andrea conti

Tanta sfortuna per il ragazzo lecchese. Arrivato al Milan lo scorso anno, era dato da tutti gli addetti ai lavori come il titolare dell’out di destra. Poi l’infortunio in allenamento, il 15 settembre 2017. Rottura del crociato anteriore del ginocchio sinistro. Una volta tornato sui campi da gioco, un’altro infortunio, sempre nella stessa zona, con conseguente secondo intervento chirurgico. Ad oggi ha ripreso ad allenarsi coi compagni anche se per il rientro bisogna ancora attendere un po’, intorno a metà dicembre o inizio gennaio. Nell’Atalanta, però, aveva dimostrato numeri di alta classe ed una propensione offensiva notevole. Chissà che tra qualche mese non potremmo vederlo davvero nella nostra Nazionale.

DIFENSORE CENTRALE: ANDREA RUGANI

Risultati immagini per RUGANI

Il bravo ragazzo juventino. Da anni oramai è considerato uno dei panchinari di lusso della Vecchia Signora. Rugani, stagione dopo stagione, sta garantendo ad Allegri un ottimo ricambio per i titolari. Purtroppo, per esplodere definitivamente il calciatore ex Empoli, dovrebbe avere più minutaggio, altrimenti resterà un eterno incompiuto. Il suo standard non è quello di un panchinaro. Allegri però lo tiene in alta considerazione. È difatti lui il prescelto per sostituire, in futuro, un difensore del calibro di Giorgio Chiellini. Piccolo difetto, quella leggera barba che, sicuramente, taglierebbe volentieri per un posto da titolare nella compagine nazionale.

DIFENSORE CENTRALE: FILIPPO ROMAGNA

Risultati immagini per romagna cagliari

Ex Juventus, Filippo Romagna è arrivato lo scorso anno in terra sarda. Con il Cagliari la scorsa stagione ha conseguito 23 presenze, mentre 6 in questo avvio di stagione. Data anche la giovane età, spesso non mancano degli svarioni difensivi che possono mandare in seria difficoltà anche i compagni. Essendo inoltre un faro della nazionale U21, potrebbe compiere un salto in prima squadra non indifferente, che tanto gradirebbe Berlusconi nel suo romantico progetto.

TERZINO SINISTRO: ANTONIO BARRECA

Immagine correlata

Nella stagione 2016/2017, era considerato uno dei giocatori italiani più promettente del panorama calcistico nostrano. Nella stagione successiva, però, progressivamente ha perso il posto, sino a dover compiere un’intera stagione accomodandosi in panchina. Questa sessione di calciomercato estiva, è passato al Monaco, squadra che può rilanciarlo ancora nel calcio che conta. Brutto inizio di stagione, complice anche le prestazioni negative della squadra monegasca in campionato. È stato però utilizzato in ben 6 occasioni, evidenziando quindi la fiducia che l’ex allenatore, Leonardo Jardim, riponeva in lui. Sta al ragazzo, adesso, farsi notare anche dal neo-tecnico del club, Thierry Henry.

CENTROCAMPISTA: MANUEL LOCATELLI

Immagine correlata

Circa due anni fa il Milan ha lanciato nel grande calcio due giocatori di assoluta qualità tecnica, Gianluigi Donnarumma e Manuel Locatelli, a cui si è aggiunto, successivamente, Patrick Cutrone. Locatelli ha fatto davvero pensare di poter essere uno dei gioielli più intriganti del nostro calcio e, al tempo, i paragoni si sprecavano. Adesso il giocatore ex Milan si è assestato su livelli più bassi ma comunque assai competitivi. Quest’estate è passato al Sassuolo, dove dirige la cabina di regia. Non ottimo il suo inizio, spesso lento nelle giocate e parecchie volte non in posizione. Si tratta, tuttavia, di un ottimo calciatore che ha ancora molto da dimostrare nel suo futuro.

CENTROCAMPISTA: ROBERTO GAGLIARDINI

Immagine correlata

Gagliardini è il classico giocatore proveniente dalla scuola di Gasperini. Ottimo durante la sua militanza nell’Atalanta ma in seria difficoltà in compagini lontane da Bergamo. Roberto, difatti, ha trovato vari ostacoli durante il suo periodo all’Inter, anche se sta piano piano superando il periodo di assestamento. Si parla di un incontrista puro, che abbina ottime doti fisiche e tecniche ad una buona capacità di lettura del gioco. Con la maglia azzurra ha già disputato 5 presenze, quindi, in questa speciale formazione, potrebbe ritenersi addirittura un veterano.

CENTROCAMPISTA: MARCO BENASSI

Risultati immagini per marco benassi

Inizio ottimo per il giocatore modenese. Già 3 gol in 8 presenze per lui. Numeri che non hanno lasciato indifferente il c.t. azzurro Roberto Mancini, che lo ha convocato nella scorsa pausa destinata alle nazionali. Il calciatore della Fiorentina spicca per qualità nell’inserimento e per l’inesauribile resistenza. Inoltre ha dimostrato già in parecchie occasioni di avere qualità da leadership, avendo capitanato il Torino e la nazionale U21. Sarebbe il giusto uomo di esperienza che tanto necessiterebbe questa ipotetica nazionale.

ALA DESTRA: RICCARDO ORSOLINI

Risultati immagini per riccardo orsolini bologna

Riccardo Orsolini, temporaneamente in prestito al Bologna dalla Juventus, è un giocatore molto tecnico, dotato di un ottimo dribbling e che fa della fascia destra il suo ruolo naturale. Questa stagione, da Filippo Inzaghi, è spesso usato a partita in corso, anche se è tenuto parecchio in considerazione. Si tratta infatti di un profilo che la squadra romagnola non possiede e, quando buttato in mischia dal mister ex Milan, brilla spesso. Probabile che, nello sviluppo della stagione, Orsolini conquisti la titolarità, data anche la poca qualità offensiva offerta dai bolognesi.

ALA SINISTRA: FEDERICO CHIESA

Risultati immagini per FEDERICO CHIESA

Bravo ragazzo dalle qualità tecniche micidiali. Così potrebbe riassumersi Federico Chiesa, probabilmente il giovane più interessante del nostro calcio. La Fiorentina se lo coccola ed il figlio di Enrico continua a sfornare prestazioni di alto livello. Il ragazzo, ad appena 19 anni, aveva già conquistato la titolarità indiscussa a Firenze e, ad oggi, è conteso non solo da tutti i top club italiani, ma anche da squadre europee di vertice. Inoltre è evidente quanto, pur il successo immediato, rimanga un giocatore umile, legato ancora fortemente ai valori familiari. Iconico è l’abbraccio col fratellino, Lorenzo, a seguito del gol realizzato ai danni della Spal. Calciatore che, per distacco, sarebbe il più forte di questa squadra.

CENTRAVANTI: ANDREA PINAMONTI

Risultati immagini per pinamonti

Purtroppo i giovani attaccanti sbarbati e senza tatuaggi scarseggiano in Italia. Ecco perché ci si ritrova a schierare come terminale offensivo Andrea Pinamonti, indubbio talento che però ancora non ha dimostrato nulla in Serie A. Con la Primavera dell’Inter i suoi numeri sono eccelsi, ha tenuto una media di quasi un gol a partita. La scorsa stagione la compagine milanese ha deciso di trattenerlo per affidargli il ruolo di vice-Icardi. Ha faticato però a trovare il campo, vedendogli preferito Eder. Questa stagione la dirigenza ha deciso di mandarlo in prestito a Frosinone, dove ha totalizzato 2 presenze in partite però, non di certo facili, contro Atalanta e Roma.

Il sogno di Berlusconi è forse destinato a rimanere tale. Nulla toglie che, però, con una seria programmazione alle spalle e con le risorse adeguate, i vari profili potrebbero crescere in casa propria e, quindi, arrivare in maglia azzurra tramite, magari, proprio il Monza.