Il Sun attacca inaspettatamente nella prima pagina dello sport il Manchester City e il Manchester United  dopo le partite giocate ieri in Champions League. Dopo le due vittorie delle squadre di Manchester ci si sarebbe aspettati un’ovazione per la vittoria schiacciante di sir Pep Guardiola contro lo Shakhtar e la rimonta in extremis dello United nella tana della Juventus. Invece la testata inglese non le manda a dire focalizzandosi su due eventi avvenuti ieri. Il tutto è partito dalla prima pagina in cui prende la scena il titolo “No class”.

PROBLEMI DI UDITO

Il primo gesto è l’argomento di maggiore discussione dopo la partita dell’Allianz Stadium. Mourinho a fine partita si porta la mano all’orecchio sbeffeggiando quei tifosi juventini che lo hanno pungolato per 180 minuti. Una caduta di stile a cui il tecnico portoghese ci ha abituati. Una provocazione in risposta alle provocazioni, una strategia tanto sopraffina quanto rimproverabile. Perché in fin dei conti Mourinho ha raggiunto il suo scopo: distogliere l’attenzione da uno United incredibilmente “piccolo” rispetto alle aspettative che si porta con se la storia del club. Mourinho nelle difficoltà cerca sempre una via di fuga concentrando il più delle volte l’attenzione su di sé e non sulla squadra, basta ricordare la faida con Conte durante uno dei momenti peggiori del suo Manchester.

IL SUN COME IL VAR

Il Manchester City trasforma il prato dell’Etihad in quello di Wimbledon vincendo contro lo Shakhtar per 6-0. Il Sun però non ci sta e annulla sulla prima pagina un gol, riscrivendo il risultato come 5-0. Il perché è facilmente intuibile: la seconda rete è arrivata tramite un rigore inesistente. Sterling inciampa goffamente su se stesso ma l’arbitro clamorosamente ritiene che ci sia stato un contatto e assegna il calcio dagli undici metri che poi trasformerà Gabriel Jesus. Il risultato ottenuto, oltre all’accusa pungente del giornale inglese, è stato una standing ovation per l’arbitro dopo che non ha assegnato un altro rigore inesistente per una caduta di David Silva. Sterline ha poi chiesto scusa pubblicamente per ciò che ha fatto ma comunque il Sun ha risparmiato le parole al miele per lui.