Roma-Inter. Una partita sentitissima lo è sempre stata, ma stasera sarà diverso. Nainggolan e Spalletti da una parte, Zaniolo e Santon dall’altra, tutti ex che in un modo o nell’altro nella loro ex squadra hanno lasciato qualcosa. A condire il tutto c’è la crisi di risultati della Roma, da opporre all’ottimo periodo di forma dell’Inter: Di Francesco pare essere quasi alla porta, mentre Spalletti punta al 2° posto in classifica.

Sarà un grandissimo spettacolo sportivo e noi, per cerebralo, ricordiamo i cinque incontri più spettacolari tra le due degli ultimi anni.

toni

Roma-Inter 2-1 2009/2010

Con ogni probabilità l’annata 2009/2010 fu una delle migliori sia per la Roma che, ovviamente, per l’Inter (che quell’anno vinse lo storico Triplete). A Roma c’era odore di scudetto, la città era in visibilio, Claudio Ranieri stava facendo vivere un sogno ad una squadra che non vinceva il tricolore da 10 anni.

Ecco allora la 31′ giornata di Serie A: è Roma-Inter all’Olimpico, è scontro scudetto.

Parte bene la Roma e al 16′ del primo tempo arriva il gol dell’1-0 siglato da Daniele De Rossi, un abitudinario tra i marcatori nelle partite contro i neroazzurri. Esplode lo stadio. I giallorossi sembrano poter essere addirittura in grado di raddoppiare, ancor di piu’ quando John Arne Riise sfiora il gol al 31′ con una cannonata su punizione dal limite.

Poi l’Inter inizia a giocare e sfiora il pareggio piu’ volte; la Roma deve ringraziare Julio Sergio. Al 41′ Walter Samuel fa tremare la traversa e su ribattuta Lucio sfiora di poco il gol.

Al ritorno in campo dopo l’intervallo al Roma si riaffaccia in attacco, ma al 20′ arriva il gol del ”principe” Milito.

Al 27′ chiude tutto Luca Toni, la Roma vince lo scontro scudetto, scudetto che poi perse rovinosamente in casa contro la Sampdoria formato Champions.

Roma-Inter 0-1 Coppa Italia 2009/2010

Lo ricordiamo tutti il calcione di Totti a Balotelli: una follia. Il capitano della Roma ebbe poi tutto il tempo di spiegarsi e di chiedere scusa, ma al di là del gesto scorretto che portò ad una giustissima espulsione, la partita resta tra le più nervose degli ultimi anni, tramutatasi in una caccia all’uomo.

Per il 3° anno consecutivo la Finale di Coppa Italia si svolge all’Olimpico di Roma, ma a differenza degli anni passati, i capitolini non riescono a sfruttare il fattore campo e cadono miseramente per 1-0 con gol di Diego Milito. La partita per gli uomini di Ranieri non sarebbe stata facile e si sapeva, ma a Roma si respirava aria di rivalsa, dopo lo scudetto perso poco prima e vinto proprio dai Neroazzurri.

Partita equilibrata e bella da vedere, poi il gol del Principe Milito e la partita diventa più simile ad incontro di arti marziali miste. 90′, 1-0 e tutti a casa; l’Inter alza la coppa al cielo ed è Triplete.

mirko-vucinic-roma-inter.jpg

Roma-Inter 1-0 2010/2011

Ormai sembra ben esplicitato come gli anni che vanno dal 2009 al 2011 fossero prevalentemente a due tinte: giallorossa e neroazzurra.

Ciò che è successo la stagione prima ormai è alle spalle e la Roma non ha cominciato con il piede giusto: è penultima a 5 punti, mentre l’Inter si gode l’ormai usuale posto da capolista a 10 punti. Il sorteggio ha parlato chiaro, è Roma-inter già alla 5° e allora quale occasione migliore per Ranieri e i sui per cambiare marcia?

La partita però non è quella che ci si aspettava, i ritmi inizialmente non sono altissimi, meglio nella seconda parte ed il gol arriva nel più spettacolare dei modi: i giallorossi ci provano fino all’ultimo e al 92′ il solito De Rossi la butta al centro quasi alla disperata. Mirko Vucinic spunta tra Chivu e Lucio che non possono nulla; inutile descrivere la gioia dell’Olimpico.

Roma-Inter 4-2 2014/2015

Sono passati 4 anni; sulla panchina della Roma c’è Garcia al suo secondo anno, reduce da uno spettacolare 2° posto, mentre l’Inter si trova in piena ricostruzione sotto la guida di Mancini bis.

Sulla carta non era un match di difficile pronostico: la Juventus aveva vinto, seppur faticando, il derby della Mole e i giallorossi non potevano lasciare i piemontesi prendere il largo al primo posto.

Detto fatto, partita dominata in lungo ed in largo dagli uomini di Garcia: prima Gervinho ed Holebas, poi Ranocchia e Osvaldo pareggiano, prima di crollare sotto i colpi di un favoloso Miralem Pjanic che sigla una doppietta.

Mancini espulso per proteste e game over all’Olimpico.

Inter-Roma 1-3 2016/2017

L’unica giocata a San Siro in questo elenco; non è un Roma-inter, ma è impossibile non citarla. Il motivo? Un solo nome: Radja Nainggolan, immenso. Impossibile non pensare che quella di stasera sarebbe potuta essere sarà un pó la “sua” partita, la certezza è che però lo è stata quella del 2016/2017.

Per l’Inter si mette subito male, Radja tira da qualsiasi posizione e ne mette una a giro al 12′ poi una botta imparabile dalla trequarti al 56′, prova a riaprirla Icardi all’81’, ma la chiude Perotti all’ 85′ con il suo solito rigore.

Non ci resta che attendere stasera a questo punto, per un’altra grande pagina di questo scontro spettacolare.