Tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio gli sviluppatori di FIFA, come ogni anno, rilasceranno un aggiornamento riguardante il valore dei calciatori presenti nel database. Se nelle scorse edizioni la Serie A è stata sempre “snobbata”, quest’anno il massimo campionato italiano ha stretto una partnership con la EA, casa produttrice del più famoso titolo videoludico di stampo calcistico. Ragion per cui è probabile che, in linea con il successo riscosso dalla Serie A in questi primi mesi dall’uscita del gioco, ai migliori calciatori di questa prima metà di stagione venga concesso un sostanzioso upgrade.

Quello di oggi è il secondo episodio di una breve serie a tema upgrades che potrete trovare sul nostro sito ogni settimana. Partiamo con due difensori, due centrocampisti e due attaccanti, tutti militanti nella massima serie del calcio italiano.

NIKOLA MILENKOVIĆ

Dopo una prima stagione di ambientamento nel calcio italiano condita da 15 presenze, quest’anno Nikola Milenković è partito davvero forte. Ha dimostrato, partita dopo partita, che la fiducia che mister Pioli ripone in lui è più che meritata. Arrivato a Firenze da centrale di difesa, l’allenatore ex Lazio lo ha traslato sulla destra, rendendolo uno dei migliori terzini di questa prima metà di campionato. Nikola si sta disimpegnando con grande semplicità nel suo nuovo ruolo, garantendo una grande predisposizione al lavoro in copertura (aiutato anche dalla sua straordinaria altezza, 195 cm) e una discreta qualità in fase di spinta (2 gol stagionali). La sua carta su UT andrebbe incontro a un cambio ruolo che ne comporterebbe un limitatissimo uso. Infatti, l’upgrade di +3 non gli assicurerebbe un massiccio utilizzo in game.

image3.jpeg

HANS HATEBOER

Nel 3-4-3 su cui Gasperini ha plasmato la sua Atalanta, Hans Hateboer rappresenta una pedina fondamentale. Con la maglia dei Bergamaschi, Hateboer ha trovato continuità di rendimento, a tal punto da meritare anche la chiamata della Nazionale oranje. In questa stagione è riuscito, addirittura, a siglare 3 reti e 2 assists: niente male per un esterno come lui. Abbiamo ipotizzati per lui un upgrade di +2 e un cambio ruolo che potrebbe rendere la sua carta molto utile. Infatti, il passaggio da ED ad ADA permetterebbe agli utenti di applicare un consumabile che possa renderlo TD. Da terzino, Hans avrebbe ben pochi rivali, se non i classici Cancelo e Florenzi, di cui potrebbe incarnare il ruolo di controfigura.

image6.jpeg

ALLAN

Allan Marques Loureiro, per gli amici semplicemente Allan. Il centrocampista del Napoli sta lasciando tutti a bocca aperta a suon di prestazioni clamorose. Oltre ad aver fatto benissimo in campionato, nell’amara avventura dei partenopei in Europa è stato tra i migliori. Sfigurare dinanzi agli attacchi atomici di PSG e Liverpool era cosa ovvia per tutti, non per Allan. Il brasiliano si è ormai confermato come uno dei migliori incontristi al mondo, ragion per cui l’EA deve assolutamente concedergli un sostanzioso miglioramento. Se già la sua card 82 è tra le più utilizzate in Serie A, una nuova versione 85 non farebbe altro che confermare questa tendenza (oltre ad aumentare il suo prezzo d’acquisto).

image4.jpeg

NICOLÒ BARELLA

La Nazionale di Mancini ha dato il via alla rinascita del movimento calcistico italiano. Il ct azzurro ha improntato la rivoluzione soprattutto sul piano del cambio generazionale. Nicolò Barella è uno di quei giovani talenti che fa parte del progetto e che, se le attese venissero rispettate, sarà uno degli elementi fondamentali del futuro della Nazionale. Con la maglia del Cagliari, di cui è spesso fieramente capitano, Nicolò sta stupendo gli addetti ai lavori per la sua poliedricità: quantità e qualità sono i suoi diktat. L’upgrade di +3 che abbiamo previsto lo renderebbero una carta interessante – soprattutto come base per un futuro In-Form – ma nulla di clamoroso. Purtroppo, nel suo ruolo la Serie A ha alternative migliori e non molto costose, come il sopracitato Allan.

image2.jpeg

FABIO QUAGLIARELLA

Quagliarella è come il vino, invecchiando migliora“. Nessuno può smentirlo. L’attaccante della Sampdoria dovrebbe aver intrapreso la fase finale e calante della sua carriera. Invece, sta smentendo tutti mettendo a segno reti su reti, alcune davvero straordinarie (il tacco al volo contro il Napoli). I blucerchiati non possono proprio fare a meno di lui e c’è chi si chiede perchè Mancini non lo abbia ancora preso in considerazione per la Nazionale. Per quanto riguarda Ultimate Team, la sua controparte videoludica, con o senza upgrade, soffre la scarsa velocità. Sebbene sia dotato di un tiro eccezionale, Quagliarella non ha le caratteristiche che il gioco richiede. Per cui, il suo utilizzo è relegato alla speranza di una presenza del Team of the Season. Allora sì che parleremmo di una carta molto interessante.

image1.jpeg

PATRICK CUTRONE

Così come Barella, Patrick Cutrone è uno delle migliori promesse del calcio italiano. Il “pungiglione”, come lo chiama l’eterno Carlo Pellegatti, ha quella cattiveria agonistica e quel killer instinct negli ultimi metri che da anni stavamo cercando. Oltre a ben figurare in Serie A, Patrick è stato i capocannoniere del Milan in questa edizione dell’Europa League (4 reti). Inoltre, è stato inserito fra i candidati per il premio Kopa, il Pallone d’Oro Under 21. Per quanto riguarda FIFA, Cutrone non rappresenta un card particolarmente utilizzabile, ma utilissima in modialità Carriera, su questo non ci piove.

 

image5.jpeg

Restando in tema FIFA: se volete provare questi giocatori ma anche altri più costosi, vi segnaliamo gli amici di FUTitalia.it per consigli efficaci sulla compravendita in Ultimate Team.