Con la corsa scudetto terminata ancor prima di iniziare ed un secondo posto che difficilmente non si riuscirà a mantenere, il Napoli sta già progettando la prossima stagione. Tutto passa per il mercato di gennaio, una finestra di occasioni low cost ma anche di pianificazione. Con la crescita esponenziale della rosa, la società di Aurelio De Laurentiis dovrà far fronte alle offerte che perverranno dai top clubs europei. Ragione per cui, il ds Cristiano Giuntoli è già all’opera per la prossima estate. Oltre ai nomi caldi di Kouamè e Barella, nelle ultime ore è spuntato un nuovo profilo che potrebbe fare al caso degli azzurri: Jeremiah St. Juste.

Il ventiduenne difensore del Feyenoord ha attirato l’attenzione di diverse squadre, fra cui lo Shakhtar Donetsk e lo Zenit. Proprio in riferimento all’interesse suscitato all’estero, il giovane talento olandese ha detto ai microfoni dell’emittente RTV Rijnmond:

“Napoli e Zenit su di me? Per ora penso al Feyenoord e non alle voci che stanno circolando ma non escludo nulla per il futuro. Adesso devo risollevarmi dopo un periodo “no”.

St.Juste, che segnò proprio contro il Napoli nella sventurata disfatta per 2-1 che sancì l’eliminazione dalla Champions League 2017/18, è un difensore molto duttile. Nasce come centrale ma in questa stagione ha giocato solo da esterno basso a destra; inoltre, può disimpegnarsi all’occorrenza come mediano. Nello schieramento tattico di Ancelotti potrebbe facilmente trovare spazio accanto all’insostituibile Koulibaly, oppure sulla fascia, dove potrebbe scalzare Maksimović grazie alle ottime doti tecniche possedute. Per lui, ADL dovrebbe sborsare circa 15 milioni, una cifra certamente non proibitiva.