Dall’ammutinamento di Bale a quello di Isco. La clamorosa eliminazione del Real Madrid dalla Champions League per mano dell’Ajax ha aperto crepe difficilmente sanabili all’interno della Casa Blanca.

Che il rapporto tra Isco e l’allenatore dei blancos Santiago Solari non sia dei migliori è cosa nota, con il centrocampista spagnolo che in occasione della gara di ieri sera al Bernabeu non ha fatto nulla per nascondere il proprio disappunto.

IL GESTO

Escluso dalla lista dei convocati per la decisiva gara contro l’Ajax, poi persa dal Real Madrid per 4-1, Isco ha infatti deciso di non presentarsi allo stadio, scegliendo di non restare al fianco della squadra nel momento più delicato di questa stagione.

Secondo quanto riportato da ‘Marca’, l’ex Malaga ha lasciato il centro di allenamenti del Real Madrid con la propria auto a poche ore dal match del Bernabeu, non unendosi così ai compagni che in quelle stesse ore si dirigevano compatti allo stadio.

Un gesto eloquente a dimostrazione della netta frattura che si negli ultimi mesi si è creata tra Isco e il resto del gruppo, in particolare con Solari.

IL CASO

Lo spagnolo sotto la guida del tecnico argentino non riesce infatti a trovare spazio, finito addirittura per collezionare solamente 15 minuti nell’ultimo Clasico di Liga perso contro il Barcellona.

Un minutaggio irrisorio per un calciatore della sua classe, per di più in un momento in cui il Real Madrid non sta esprimendo il suo miglior gioco. L’esclusione dalla lista dei convocati per quella che si è rivelata essere l’ultima gara in Champions League per i blancos in questa stagione è stata poi la fatidica goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Mentre il compagno Mariano Diaz, anche lui non convocato, ha scelto di unirsi ai compagni nella strada verso il Bernabeu, Isco ha preferito invece distaccarsi dal gruppo non presentandosi nemmeno allo stadio dopo una delle debacle più clamorose degli ultimi anni in casa Real Madrid.

Una rottura che preannuncia una probabile partenza del giocatore a fine stagione, anche se a cambiare tutto potrebbe essere un ormai probabile esonero di Solari nei prossimi mesi.