Si è svolto ieri notte, alle ore 3, il sorteggio degli ottavi di finali di Copa Libertadores. Effettuato a Luque, terra paraguayana di Guaranì e del mandi’o chyryry, la pura formalità si è già trasformata in sentenza, perché il tabellone ha sancito che sarà impossibile, a Santiago del Cile, rivedere il clasico Boca Juniors-River Plate.

Resultado de imagen de libertadores 2019 final

Lo stadio Nacional Julio Martínez Prádanos, scelto per la prima finale secca di Copa Libertadores.

IL TABELLONE

Nel tabellone è già duello Argentina-Brasile: da una parte River-Cruzeiro e Boca Juniors-Atlético Paranaense (che già si sono affrontate nella fase a gironi) saranno sicuramente le partite più interessanti dal punto di vista tecnico-tattico, mentre dall’altra Palmeiras-Godoy Cruz vede i verdi di San Paolo leggermente favoriti sul tomba di Mendoza. Una tra LDU Quito e Olimpia Asuncion potrebbe essere la mina vagante del tabellone una volta giunti ai quarti, mentre Gremio-Libertad, San Lorenzo-Cerro Porteño e Flamengo-Emelec appaiono partite più leggibili e prevedibili a favore delle tre ex vincitrici del torneo.

VINTAGE

Imagen relacionada

Questo non è un paese per giovani, verrebbe da dire contraddicendo la famosa pellicola tratta dal libro di Comac McCarthy. In effetti, ciò che più salta all’occhio di quest’edizione, è che siano i cosiddetti vecchi a dettare le vere sentenze: Fred è il mattatore del Cruzeiro alla veneranda età di 35 anni, così come Marco Ruben (32, goleador con 6 gol in 6 partite per l’Atlético Paranaense), mentre Rafael Sobis (33 anni) vive una seconda giovinezza sulle coste di Porto Alegre (Internacional), tutto condito dalla qualità di Everton Ribeiro (30), che sta trascinando il Flamengo.

BLOC NOTES

Imagen relacionada

Anderson Julio, colombiano rivelazione della fase a gironi di Libertadores.

Pur risultando un campionato complicato per i giovani, i nomi da tenere sott’occhio non mancano: alcuni, come il giovane difensore Marcos Senesi, classe 1997 del San Lorenzo, o come Agustin Almendra (2000, centrocampista, Boca Juniors), Julian Alvarez (2000, attaccante, River Plate) sono chiamati alla consacrazione definitiva. Altri invece, come Bruno Guimãraes (1997, difensore, Atlético Paranaense) Anderson Julio (1996, ala sinistra, LDU Quito), Nonato (1999, CC, Internacional) o Kevin Gutierrez (1997, centrocampista, Godoy Cruz), potrebbero essere delle vere e proprie rivelazioni, con un occhio puntato su Gabriel Barbosa, che a 22 anni ha ritrovato concretezza e gol nel Flamengo. Un’altra possibilità europea sarebbe immaginabile per lui? Solo un torneo così imprevedibile potrebbe rivelarcelo.

Resultado de imagen de gabigol flamengo libertadores