Maggio è da sempre tempo di verdetti nel mondo del calcio. Se ormai tutti i maggiori campionati sono stati decisi – ad eccezione della Bundesliga – restano ancora apertissime le questioni che riguardano la promozione dalle seconde divisioni. Molte squadre si apprestano infatti ad affrontare spareggi o play-off per coronare una stagione di sacrifici. Ecco alcune delle sorprese e dei ritorni più romantici che potrebbero realizzarsi nei più importanti tornei europei.

ITALIA

Ovviamente si parte dalla nostra Serie B, dove tutto si deciderà come sempre ai play-off. Dopo le promozioni di Brescia e Lecce, squadre storiche della Serie A, e la triste vicenda del Palermo, c’è attesa per conoscere il nome della terza promossa. Ieri sera, nello scontro tra le due sorprese Spezia e Cittadella, sono stati i veneti a spuntarla. L’eventuale promozione degli uomini di Venturato sarebbe qualcosa di veramente storico. Il Cittadella infatti è una squadra nata negli anni ’70, nell’omonima città che conta solamente 20.000 abitanti. Il raggiungimento della massima serie sarebbe un traguardo di proporzioni incredibili per una realtà del genere. Va inoltre sottolineato che l’intera rosa dei granata è composta da soli giocatori italiani, altro motivo di vanto per questa squadra. Più romantico sarebbe invece il ritorno del Perugia, che questa sera è impegnato nello scontro con l’Hellas Verona, altra vecchia conoscenza della A. I perugini mancano dal massimo campionato dal 2003-2004, quando sotto la guida di Serse Cosmi vinsero l’Intertoto ma finirono in B dopo lo spareggio con la Fiorentina. L’Hellas cerca invece di tornare dopo la retrocessione maturata al termine della scorsa stagione.

INGHILTERRA

In Championship tutto si deciderà fra poco più di una settimana, il 27 maggio, a Wembley. Due club storici come Derby County e Aston Villa si giocheranno il tanto atteso ritorno nel campionato più prestigioso al mondo. Dopo aver conquistato la certezza dei play-off solo all’ultima giornata, la squadra allenata da Frankie Lampard è riuscita a superare il Leeds di Marcelo Bielsa nel doppio confronto, con un risultato complessivo di 4-3. Decisivo il 4-2 in trasferta ottenuto mercoledì dal Derby che ha ribaltato il risultato dell’andata. Hanno poi fatto il giro dei tabloid le immagini dei festeggiamenti e soprattutto del conto pagato dall’ex centrocampista del Chelsea dopo la grande vittoria: 2.800 sterline per birre, vino e quant’altro. I pub di Londra saranno pronti ad accogliere i Rams in caso di promozione dopo ben 11 anni di assenza. Dall’altra parte, nemmeno i Villans, che hanno eliminato il WBA in uno dei derby di Birmingham, hanno intenzione di scherzare, specialmente dopo la finale persa lo scorso anno con il Fulham. L’Aston Villa è sicuramente una delle più prestigiose squadre inglesi, con bene 7 Premier, 7 FA Cup e addirittura una Champions League nella sua bacheca. Sarà poi romantico lo scontro indiretto tra il già citato Lampard e John Terry, suo ex capitano, ora viceallenatore del Villa.

GERMANIA

La Zweite Liga, a differenza dei campionati italiano ed inglese, non è ancora terminata. Ad una giornata dal termine, il Colonia ha vinto il titolo ed è certo del ritorno dopo la retrocessione dello scorso anno. Una grande decaduta del calcio tedesco che è riuscita a riconquistarsi il posto che le spetta. Decaduta come l’Amburgo, che dopo 54 anni, 164 giorni, 2 ore, 50 minuti e 43 secondi – scanditi inequivocabilmente dal famosissimo orologio del Volksparkstadion – ha disputato la sua prima stagione nella B tedesca senza riuscire a raggiungere l’obiettivo di tornare fra le grandi. Ad impedire questo sogno è stato l’Union Berlino, club fondato nel 1906 che agli inizi del ‘900 era una delle squadre più importanti della capitale tedesca. A causa delle due guerre mondiali, della divisione della Germania e dei conseguenti problemi finanziari, la compagine berlinese ha subito numerose rivoluzioni, finendo nelle leghe inferiori. L’Union è certo del terzo posto, in virtù del successo arrivato proprio contro l’Amburgo (quarto) un paio di settimane fa, ma può giocarsi anche la promozione diretta superando il Paderborn. È bene ricordare che in Germania, la terza classificata della Zweite Liga disputa uno spareggio contro la terz’ultima della Bundes. Sarà quindi lo Stoccarda a vedersela con una delle due per evitare la retrocessione.

SPAGNA

Nella Segunda Division spagnola mancano addirittura quattro partite prima del termine della stagione. L’Osasuna, forte di 6 punti di vantaggio sulla seconda e 9 sulla terza, dovrebbe essere la prima a conquistarsi nuovamente la promozione. Il club di Pamplona vive infatti un periodo storico particolare, cominciato con la prima retrocessione dopo 14 anni nel 2014 seguito dal rischio di scendere addirittura in Tercera Division l’anno seguente. Più complicata è la situazione del Granada, ex squadra di proprietà della famiglia Pozzo, che deve difendere tre punti di vantaggio per evitare i play-off. A contendersi le posizioni valide per i sorteggi ci sono poi due squadre storiche come il Deportivo la Coruna e il Malaga. Gli andalusi sono precipitati in B lo scorso anno dopo essere stati sedotti e parzialmente abbandonati dallo sceicco qatariota Abdullah bin Nasser. Stessa sorte per i galiziani, piombati in Segunda dopo 4 anni. Sorprendente invece la stagione dell’Albacete, che potrebbe raggiungere la Liga per la seconda volta nella sua storia. Curiosamente, i castigliani detengono due record: sono stati la prima squadra spagnola a centrare due promozioni consecutive e la squadra neopromossa con il miglior piazzamento della storia del campionato, con un settimo posto alla prima apparizione.