Potrebbe trattarsi di una grande rivoluzione per il mondo del calcio quella che vedrebbe l’Eredivisie olandese e la massima lega belga, la Jupiler Pro League, unirsi in un unico campionato. L’idea di raggruppare sotto la stessa categoria alcune delle squadre più forti di diverse leghe è in orbita da molto, soprattutto sotto il nome di Superlega europea. L’ idea, nata da alcune delle squadre più prestigiose del Belgio, è però radicalmente diversa da quella della “nuova Champions “, e si tratterebbe infatti non di una competizione parallela, bensì un vero e proprio nuovo campionato.

Il Logo delle BeNe League di hockey sul ghiaccio (Fonte: sito ufficiale BeNe League)

L’IDEA “BeNe LEAGUE”

Come quanto riportato da Het Nieuwsblad, tra i più prestigiosi quotidiani belgi, l’idea di una BeNe League di calcio sarebbe ispirata dal successo della BeNe League di hockey sul ghiaccio.

Il progetto di un campionato di hockey unico per Belgio ed Olanda, partito nel 2015, ha infatti portato grandi benefici alle squadre partecipanti, sia in termini di fama che di introiti monetari.

Su questa base, il disegno presentato al Ceo dell’ associazione calcistica belga assicurerebbe una crescita esponenziale in termini di visibilità e di un aumento proporzionale dei costi per i diritti televisivi.

Logo della Jupiler Pro League belga (Fonte: sito ufficiale della lega)

RIVOLTA POPOLARE

Nonostante all’apparenza la proposta sembra poter portare solo benefici alle squadre dei campionati in questione, non è stata ben accolta da gran parte del pubblico.

I punti di dibattito sarebbero fondamentalmente due: in primis la questione “piccole”, ovvero tutte le squadre che verrebbero automaticamente escluse dalla nuova lega (conseguenza diretta e problema quindi probabilmente irrisolvibile). In secondo luogo il problema che riguarda le trasferte internazionali. Insomma, quella di una Lega unica Be-Ne resta per il momento solo un’idea che però, con il tempo, potrebbe rivelarsi più concreto di quanto sembri.