Paolo Montero è ricordato come uno dei picchiatori più ostici che siano mai passati dal campionato italiano. Il difensore uruguayo ex Juventus e Atalanta è sempre stato avversario temibile per ogni attaccante della Serie A di fine anni ’90, che si ritrovava davanti un arcigno nemico da affrontare, e che non aveva nessun problema ad intervenire sulla gamba in caso di impossibilità di raggiungimento del pallone.

Terminata la sua carriera da giocatore, Montero ha intrapreso come molti suoi colleghi quella di allenatore: partito nel 2014 con il suo Peñarol, è poi andato ad allenare in Argentina, prima in seconda divisione con il Boca Unidos, poi al Colón di Santa Fé ed infine il Rosario Central. Terminata l’avventura con la squadra gialloblu di Rosario, è tornato in Italia per completare il suo percorso da allenatore, arrivando a prendere il patentino UEFA A.

Oggi Paolo Montero ha trovato squadra: la Sambenedettese ha scelto di ripartire da un allenatore pieno di motivazioni e pronto per lanciarsi nuovamente in Italia, seppur in vesti diverse da quelle che lo videro trionfare in maglia bianconera. La Samb riparte dall’Uruguay per tentare ancora una volta la scalata dalla Serie C alla B, dopo una serie di fallimenti societari prima e calcistici poi, che non hanno mai riportato la squadra abruzzese e la sua splendida tifoseria in un palcoscenico che meriterebbe.

E chissà che non riesca a farlo con un allenatore pieno di motivazioni come Montero.

View this post on Instagram

Paolo Montero è il nuovo allenatore della Samb Paolo Montero è il nuovo allenatore della Samb. L'accordo è stato raggiunto nel pomeriggio odierno al termine di un incontro con il patron Franco Fedeli e il direttore sportivo, Pietro Fusco. Paolo Montero, uruguagio, classe 1971, da calciatore ha vestito la casacca della Juventus per 9 stagioni, dal 1996 al 2005, totalizzando 277 presenze e vincendo: quattro campionati, tre supercoppe italiane, una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa europea e una Coppa Intertoto. Nel 2014 ha intrapreso la carriera da allenatore esordendo sulla panchina del Penarol (seriea A Uruguay), squadra che, giovanissimo, lo lanciò nel calcio professionistico. L'anno successivo passa la Boca Unidos (Serie B uruguaiana), poi due esperienze in Argentina come tecnico del Colon e del Rosario Central. E oggi il ritorno in Italia con il nuovo incarico sulla panchina della Samb (contratto annuale). La proprietà, la dirigenza e tutta la Sambenendettese augurano al neo allenatore rossoblu le migliori soddisfazioni rivolgendogli un grande in bocca al lupo per questa nuova avventura. Nei prossimi giorni l'allenatore verrà presentato alla stampa.

A post shared by Sambenedettese Calcio (@sambenedettesecalcio) on