L’Italia si ferma in semifinale. I sogni azzurri sbattono contro il Var, che toglie ai ragazzi capitanati da mister Nicolato, la gioia del pareggio. Appuntamento con la storia di fatto rimandato, in finale ci va l’Ucraina, vera rivelazione di questo campionato mondiale Under-20.

Decide un gol di Buletsa al 65′, dopo un match dai ritmi blandi e compassati. Poche occasioni da ambedue le parti: l’Italia copre bene il campo e imposta la manovra mantenendo il pallino del gioco, l’Ucraina si mette sulla difensiva ma è costantemente pronta a ripartire sfruttando la velocità dei suoi esterni offensivi, un vero e proprio fattore nel cammino dei ragazzi di Petrakov.

Nella seconda frazione di gara, nel momento migliore degli azzurri, irrompe come un fulmine a ciel sereno il gol degli ucraini: non perdona Buletsa lasciato libero di agire nel cuore dell’area, che capitalizza un cross di Konoplia dalla corsia di destra.

Poi la grande illusione: la splendida rete in girata di Scamacca, viene annullata dal Var per un presunto controllo di mano. Gli azzurri non riescono ad approfittare nemmeno della superiorità numerica, a seguito dell’espulsione di Popov per doppia ammonizione.

Termina come peggio non poteva, dopo un cammino stellare destinato a concludersi il prossimo Sabato, quando si disputerà la finale. I ragazzi di Nicolato dovranno invece accontentarsi di battersi per il podio, fronteggiando la vincente tra Ecuador e Corea del Sud.

Onore in ogni caso agli azzurri, autori di un percorso coi fiocchi, interrotto in maniera brutale dalla mancanza di cinismo e una buona dose di sfortuna. Il futuro si prospetta comunque, più roseo che mai.

(Fonte immagine di copertina: Profilo Twitter Nazionale Italiana)