Dove trovarci
Champions League

Archivio generico

10 buoni motivi per cui il 2022 sarà indimenticabile

10 buoni motivi per cui il 2022 sarà indimenticabile

 

1- Supercoppa italiana. Pronti, via. Il primo grande appuntamento di un anno che si preannuncia indimenticabile è il Derby d’Italia più importante degli ultimi 10 anni. L’anno scorso il 2-0 casalingo inflitto dagli uomini di Conte alla vecchia signora ha spianato la strada verso il titolo nerazzurro, eliminando dalla corsa la concorrente più temibile e temuta. Più di 12 mesi dopo, però, la sfida mette in palio un trofeo, il primo della stagione e del 2022. La Supercoppa, senza dubbio alcuno, non avrà mai il fascino di un campionato o di una kermesse europea. Tuttavia, sfoggiare un trofeo in bacheca non fa mai male, soprattutto se soffiato all’eterna rivale.

2- Coppa d’Africa. Dopo il rinvio dell’anno scorso e la possibile cancellazione di quest’anno, finalmente la competizione per nazionali più importante del continente nero è pronta a prendere forma. Ai blocchi di partenza le favorite sembrano essere, nel bene e nel male, le solite. Il Senegal di Koulibaly, positivo al Covid, l’Algeria di Mahrez e Bennacer e l’Egitto di Salah. Tante outsider, come la Nigeria, priva di Osimhen, i padroni di casa del Camerun e la solita Costa d’Avorio. Tanta Italia, tanti fenomeni e, si presume, uno spettacolo unico da vivere, emozionandosi.

3- Minaccia Covid. Nonostante siano trascorsi 24 mesi, la pandemia incombe ancora minacciosa sul calcio. Gli stadi tornano a chiudersi, la capienza a ridursi e, soprattutto, le squadre si ritrovano dimezzate per via dei contagi in continuo aumento. Le partite vengono rinviate tra mille proteste, senza trovare una soluzione comune e portando allo scontro tra leghe e autorità sanitarie. L’anno è appena cominciato. Il calcio riuscirà a sopravvivere?

4- Svincolati d’oro. Il 2022 sarà l’anno dei parametri zero più preziosi degli ultimi tempi. A meno che non avvengano rinnovi dell’ultima ora che possono cambiare le carte in tavola improvvisamente, la prossima estate sarà un pullulare di talenti e campioni affermati che sono liberi di cambiare squadra gratis. Kylian Mbappé, su tutti. Il fenomeni francese doveva lasciare Parigi in estate per trasferirsi a Madrid. Tuttavia le offerte non sono state accettate. L’approdo è rimandato di qualche mese, quando potrà andare via dalla Ville Lumière a costo zero. Oltre a lui compaiono in questa lista Paul Pogba, Angel Di Maria, Ibrahimovic, Isco, Suarez e Dembelé. Insigne, ha affrettato i tempi, accettando l’offerta faraonico di Toronto. Sarà un mercato stellare.

5- Serie A. Negli ultimi anni non c’è mai stato un campionato così equilibrato e combattuto. Quattro squadre a contendersi il titolo, ovverosia Inter, Milan, Napoli e Atalanta, con la Juve in lenta ma inesorabile risalita che potrà dire la sua. Il titolo sembra in bilico, così come le qualificazioni alle prossime coppe europee, con Fiorentina, Bologna, Empoli e Verona pronte all’assalto. La lotta retrocessione è più aperta che mai, con l’unica eccezione rappresentata da una Salernitana sempre più a fondo.

6- Champions, Europa League, Conference League. Non più due, bensì tre. I trofei ambiti a livello europeo sono aumentati, garantendo un palcoscenico maggiore anche alle realtà più piccole del vecchio continente. Al contempo, la scrematura dei club ha permesso di aumentare il prestigio e il livello di Champions League e, soprattutto, Europa League, in cui figurano squadre come Napoli, Barcellona e Borussia Dortmund. Tanti campioni pronti a darsi battaglia fino alle finali di San Pietroburgo, Siviglia e Tirana.

7- Spareggi mondiali. Dopo la vittoria storica dell’Europeo, quasi nessuno avrebbe potuto immaginare un futuro prossimo senza l’Italia ai mondiali, come nel 2018. Eppure, gli azzurri hanno concluso al secondo posto il girone di qualificazione, alle spalle della Svizzera, costringendo il paese a soffrire ancora una volta. Gli spareggi, mai così competitivi, prevedono la semifinale casalinga contro la Macedonia del Nord e un’eventuale finale da disputarsi in Turchia o in casa di Cristiano Ronaldo, in Portogallo. Non si può parlare di miracolo, la nazionale è pur sempre campione europea in carico, tutto sommato sarà necessario andare oltre i propri limiti per ottenere il tanto sospirato pass per Qatar 2022. Un altro mondiale senza Italia non può essere una realtà, solo un brutto pensiero da scacciare via a marzo.

8- Qatar 2022. La Coppa del Mondo è l’evento calcistico più atteso e seguito del pianeta, capace di avvicinare anche chi non si professa amante del gioco. Unità, passione, commozione, dolore e gioia. Emozioni contrastanti che si mescolano dando vita allo spettacolo più grande di tutti. Quest’anno, per la prima volta, la kermesse di terrà tra novembre e dicembre, in pieno inverno, per evitare il caldo insopportabile del paese ospitante. Un mondiale sorto in mezzo a tante polemiche che non accennano a diminuire. Tuttavia, non vediamo l’ora di assaporare il calcio allo stato puro.

9- Messi e Sergio Ramos di nuovo al Bernabeu. Parlando della pulce, il suo ritorno nel regno blanco potrebbe non destare troppo stupore, semmai tanta curiosità per vedere cosa potrà fare nella tana del suo eterno rivale. La notizia, indubbiamente, è che Sergio Ramos torna a casa, dove è cresciuto come uomo e calciatore, vincendo tutto il possibile e rappresentando l’anima del Real Madrid in tutte le sue sfumature. Se dici madridismo, dici Sergio Ramos. Come sarà accolto l’ex eroe andaluso?

10- Parola agli arbitri. Passata in sordina, una delle tante novità del 2022 sarà una piattaforma online attraverso la quale gli arbitri potranno spiegare le decisioni prese in campo, provando a fugare dubbi e incertezze. Il Var non sta aiutando come si sarebbe sperato, basterà dare la parola agli arbitri per placare le polemiche?

 

Fonte immagine in evidenza: Licenze Creative Commons

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico