Dove trovarci

10 curiosità

10 buoni motivi per cui Tonali è il giocatore più migliorato del campionato

10 buoni motivi per cui Tonali è il giocatore più migliorato del campionato

Il nuovo punto di riferimento del Milan di Pioli è Sandro Tonali. Dopo una prima stagione di rodaggio, piena di difficoltà, il centrocampista è finalmente esploso, mostrando tutto il suo sconfinato potenziale. Dove può arrivare?

1- Etichette. Sin dai primordi del suo debutto tra i grandi, Sandro Tonali ha dovuto convivere, facendo i conti, con la pesante etichetta di nuovo Pirlo. Le caratteristiche fisiche, i capelli lunghi, uno stile simile di muoversi, una corporatura coincidente e il comune legame con la città di Brescia non hanno agevolato il percorso di crescita del talento nato nel lodigiano. Tonali ha dovuto misurarsi con il peso di un paragone impossibile da sostenere per chiunque, specialmente per un ragazzo nato nel 2000 alle prime vere esperienze nel calcio professionistico.

2- Pressione e aspettative. Una delle dirette conseguenze del punto precedente è la pressione venuta a crearsi attorno al centrocampista rossonero. Le ottime stagioni disputate al Rigamonti, specialmente quella della cavalcata e promozione in Serie A, avevano fatto stropicciare gli occhi a esperti e tifosi, gridando al fenomeno. Le aspettative sono cresciute, moltiplicandosi, affidando la speranza di aver cresciuto in casa un nuovo crack del calcio europeo in lui. L’impatto con la prima categoria, prima, e con un palcoscenico come San Siro, poi, hanno ridimensionato il calciatore italiano. Qui, purtroppo, manca la cultura dell’aspettare, fiondandosi subito a giudicare e affossare con le critiche. Tonali ha dovuto adattarsi a un altro tipo di calcio e a un altro tipo di concorrenza nel Milan, ritrovandosi in una dimensione totalmente nuova, accelerando il percorso di crescita mentale che oggi lo ha portato a essere il futuro campione che si prospettava essere.

3- Pioli e la fiducia. Dopo una stagione piena di difficoltà, ostacoli e delusioni, mollare la presa sul talento cresciuto nel Brescia, evitando di dargli altre chance, sarebbe stata la cosa più facile da fare. Pioli, invece, lo ha aspettato, insistendo su di lui, lavorandoci quotidianamente e provando a incutere in lui la convinzione di poter essere il giocatore che tutti volevano vedere, mostrando il suo vero volto. Un passo alla volta l’allenatore parmigiano è riuscito a raggiungere il suo obiettivo, affidando le chiavi del gioco della sua creatura nelle mani di Tonali.

4- Statistiche. Come sempre, i numeri aiutano a capire e ottenere un panorama più chiaro di quello di cui si parla, sostenendo la tesi con dati concreti. Tonali, fin qui, ha giocato 22 volte, collezionando 1.448′ di gioco. Ha recuperato 105 palloni, quasi 5 per partita, ne ha intercettati 17, uscito vincitore da 83 contrasti e subito 28 falli. È il calciatore del Milan con la media voto più alta della rosa. Tocca molti più palloni rispetto all’anno scorso, circa 70, ha aumentato la mole di tiri, passando da 0,61 a 1,80. Esegue 38 passaggi a partita, completandone l’87%. Numeri di un cambiamento lampante.

5- Presenza difensiva. I numeri svelano una verità inconfutabile. Uno dei punti di forza di Tonali è la fase difensiva. In Serie A, pochissimi sono in grado di reggere il confronto. La velocità abbinata a una prestanza fisica notevole, lo rendono uno specialista dei recuperi. Corre per tutto il campo, inseguendo gli avversari, senza che abbiano il tempo di respirare. La posizione è sempre quella giusta, il modo di stare in campo anche. Guardandolo giocare, si ha l’impressione che si trovi ovunque in ogni momento, coprendo ogni porzione del rettangolo verde, senza mostrare segni di fatica o cedimento, tutt’altro.

Tonali non sembra stancarsi mai, provando piacere in quello che fa e mostrando una leggerezza senza eguali. I suoi recuperi non sono mai casuali, ma sempre orientati verso l’utilità e con un occhio all’azione successiva. Spesso, dopo aver recuperato palla, il centrocampista del Milan fa ripartire l’azione, creando più volte potenziali occasioni da rete. Esemplare, in questo senso, è la rete segnata a Bergamo contro l’Atalanta.

6- Presenza offensiva. L’anno scorso il numero 8 rossonero non è mai stato incisivo in zona offensiva. Non ha mai segnato né fornito un assist ai compagni in 37 partite totali, calciando raramente verso lo specchio della porta. Quest’anno, complice anche la partenza di Calhanoglu, il vero punto di riferimento tecnico del Milan del recente passato, Tonali si è incaricato di battere gli angoli e la maggior parte dei calci piazzati, trovando anche la via del gol su punizione nel debutto stagionale del diavolo. In poco più di metà stagione ha già raggiunto quota 2 reti e 2 assist. Tuttavia, la sua importanza in fase offensiva non si limita alla produzione dei numeri. Dai suoi piedi nascono le principali scorribande d’attacco dei rossoneri. Sandro ha intelligenza tattica, visione di gioco e qualità da vendere. La manovra del gioco passa dai suoi piedi. Passaggi brevi, lanci lunghi, dribbling, conduzione palla, inserimenti. Il suo bagaglio tecnico è illimitato, con ampi margini di miglioramento.
7- Completezza. Qualora non si fosse inteso, il vero punto di forza di Tonali è la completezza. Il repertorio del ragazzo di Sant’Angelo Lodigiano è profondo. Da mediano di quantità si sta trasformando in un centrocampista tuttofare box-to-box, in grado di abbinare e conciliare tutte le peculiarità che un giocatore dovrebbe avere in quel ruolo. Velocità, accelerazione, forza fisica, tecnica, senso della posizione.
8- Spontaneo. Tonali gioca con leggerezza. Non sembra preoccuparsi di cosa fa e come lo fa. Beninteso, non in senso negativo. Non pianifica, agisce e basta. Forse, è il vero segreto della sua crescita. Si è liberato mentalmente dei pesi e delle pressioni che lo avevano trascinato a fondo, incatenandolo. Oggi, non è più così.
9- Una grande famiglia. Indubbiamente, essere capitato all’interno di un gruppo affiatato come quello del Milan, è stato un punto a suo favore. Fare parte di un insieme di uomini e ragazzi perfettamente in sintonia, gli ha permesso di esprimersi al massimo livello possibile, sentendo la fiducia dei compagni, oltre che dell’allenatore.
10- Bandiera. La scorsa estate, Tonali ha deciso di ridursi l’ingaggio per aiutare le casse del club, passando da 1,6 a 1,2 milioni stagionali. Un gesto rarissimo nel calcio di oggi, sinonimo della passione che Sandro nutre verso i colori rossoneri, per i quali tifa sin da quando è bambino. Un’azione che ha acceso l’amore nei tifosi del Milan, rapiti dalla determinazione e dalla volontà di vestire la maglia del diavolo da parte del centrocampista. Gli ingredienti per trasformarsi in una bandiera ci sono tutti.

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in 10 curiosità