Connect with us
11 anni fa Macheda regalava la Premier allo United

Flash News

11 anni fa Macheda regalava la Premier allo United

Pubblicato

:

Era il 5 aprile 2009, quando all’Old Trafford il Manchester United ospitava l’Aston Villa in una più che decisiva sfida di Premier League. I Red Devils venivano da una sconfitta a Fulham, perciò quel giorno dovevano assolutamente conquistare i tre punti, se non volevano innescare la fuga del Liverpool in testa alla classifica.

Il match era partito bene per l’undici di Ferguson, con Cristiano Ronaldo che sbloccò il risultato al minuto 14. Una punizione in area che il fuoriclasse portoghese finalizzò nel migliore dei modi, infilando il pallone sotto l’incrocio. Poi però i Villans riuscirono a beffare i padroni di casa, trovando prima il pareggio con Carew, e dopo il vantaggio con Agbonlahor.

A 10 minuti più recupero dal fischio finale, lo United era sotto, mentre vedeva allontanarsi sempre più il titolo. Ecco però che a rimettere in piedi la situazione fu nuovamente Ronaldo, grazie a un diagonale da fuori area che superò Friedel.

Fonte immagine: sito ufficiale Manchester United

Più di qualche sostenitore presente sugli spalti dell’Old Trafford avrà mugugnato quel giorno, quando al 61′ Alex Ferguson aveva fatto esordire un attaccante 17enne, di cui in realtà pochi conoscevano il nome. Non era certo il momento di fare esperimenti quello, avranno pensato i tifosi. Eppure entrò in campo un centravanti dal fisico gracile, col numero 41 sulle spalle, che di lì a poco sarebbe diventato il teenager più chiacchierato d’Inghilterra. Il suo nome? Federico Macheda.

Nel corso della sua prima mezz’ora in campo, fu poco presente, andando ad alimentare le lamentele della gente allo stadio. Il 2-2 andava stretto ai Red Devils, che avevano imperativamente bisogno di una vittoria per sperare ancora nel trionfo in campionato. Il lampo arrivò solo al 93′, e da quel momento in poi nessuno a Manchester si scorderà più del nome del 41. Giggs gli serve un pallone in area di rigore, Macheda, spalle alla porta, si gira di tacco eludendo il difensore, e, scivolando, trova una conclusione di massima precisione, insaccando la sfera alla sinistra del portiere. 

Il giorno dopo, il quotidiano britannico Daily Mail titolò uno dei suoi articoli con la frase: “Mai sentito parlare di lui prima di ieri, mai ci dimenticheremo di lui in futuro”. Forse un po’ paradossalmente, la carriera di Macheda ha avuto come apice il suo punto iniziale, ma di lui rimarrà sempre un ricordo indelebile.

(Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @federicomachedaofficial)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Il ds dell’Empoli commenta la cessione di Bajrami: “Opportunità delle ultime ore”

Pubblicato

:

Bajrami

Il direttore sportivo dell’Empoli Pietro Accardi ha parlato ai microfoni in conferenza stampa. Tante le tematiche trattate: dal mercato appena concluso e, nello specifico, la cessione di Bajrami. Di seguito le dichiarazioni.

LE CAUSE DELLA CESSIONE DI BAJRAMI – ” La sua cessione nasce appunto da un’opportunità delle ultime ore, abbiamo deciso di accontentare il giocatore perché dopo lo scorso campionato sicuramente le sue aspettative erano diverse. Abbiamo ritenuto opportuno che questa fosse la giusta chiusura per un ragazzo che ha dato tanto“.

IL GIUDIZIO AL MERCATO APPENA CONCLUSO – “Abbiamo ragionato prettamente su questa stagione. C’è ancora tanta strada da fare e abbiamo cercato di mettere dentro giocatori funzionali per quello che è il calcio del nostro allenatore”.

Continua a leggere

Coppa Italia

Polemiche dopo Roma-Cremonese: la Sud rifiuta le scuse dei giocatori!

Pubblicato

:

Roma

A volte, scusarsi non basta. Chiedere conferma ai giocatori della Roma. Tutta la squadra, infatti, dopo la brutta eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Cremonese, si è diretta sotto la Curva Sud per scusarsi con i propri tifosi. Proprio a causa del match non particolarmente brillante, la tifoseria non ha accettato il tentativo di riavvicinamento da parte dei calciatori, che sono stati prontamente allontanati e cacciati.

Al termine di questo episodio, i tifosi hanno ricominciato a cantare il classico coro “Ale Roma Ale”. Il tutto per dimostrare il loro attaccamento alla maglia, anche dopo una partita così triste. A riportarlo è VoceGiallorossa.

Continua a leggere

Flash News

Rashford senza limiti: solo un giocatore ha fatto meglio di lui!

Pubblicato

:

Rashford

Marcus Rashford sta vivendo una stagione da sogno. Dopo alcune stagioni altalenanti, l’attaccante inglese si è ripreso il Manchester United a suon di gol e prestazioni sontuose.

In quest’annata il classe 1997 ha preso parte a 25 gol in tutte le competizioni (18 gol, 7 assist), il secondo numero più alto dopo Erling Haaland tra i giocatori della Premier League. In questo momento Marcus Rashford è tra i giocatori più dominanti del pianeta e lo sta dimostrando ogni volta che scende il campo. I red devils stanno vivendo la migliore stagione dopo l’addio di Sir Alex Ferguson e, gran parte di questi successi, vanno attribuiti alla stella inglese.

Continua a leggere

Flash News

Lukaku mette nel mirino il derby con un occhio al Porto a fine mese

Pubblicato

:

Lukaku

Romelu Lukaku punta a tornare definitivamente nelle gerarchie di Simone Inzaghi. Ieri è stato schierato titolare nel match di Coppa Italia vinto con l’Atalanta, anche se sembra ancora lontano dalla sua miglior forma. La nota positiva, però, sono i minuti messi nelle gambe nelle ultime settimane, fondamentali per arrivare pronto nella parte cruciale della stagione.

Domenica 5 febbraio, giorno del derby tra Milan e Inter, potrebbe partire di nuovo dal 1′ minuto. Secondo quanto riportato da Andrea Paventi di Sky Sport, sempre molto vigile sulle questioni dei nerazzurri, oltre al derby della Madonnina, la partita importante sarà quella con il Porto in Champions League. Queste le parole del giornalista.

Non c’è molto tempo per recuperare la migliore condizione. Lui ha bisogno di giocare tanto per mettere tanta benzina nei suoi muscoli, ma anche tanta condizione mentale. Simone Inzaghi gli darà più spazio possibile quando sarà possibile. Ovvio che per il derby lui sia in ballottaggio con Edin Dzeko e Lautaro Martinez, ma al momento i favoriti sono loro. Comunque la sensazione è che, gestendo bene il suo minutaggio, il belga possa arrivare in condizione per la gara con il Porto di fine mese. Lui quindi ha bisogno di giocare ma le esigenze della squadra vengono prima. Il suo secondo tempo contro l’Atalanta è stato molto confortante, Lukaku è apparso in crescita minuto dopo minuto”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969