Venerdì, durante la conferenza stampa della vigilia del match casalingo col Parma, l’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti ha dichiarato:

“Abbiamo un numero di giocatori che vanno a sopperire a questi turni ravvicinati dove si gioca ogni tre giorni. Certo delle valutazioni andranno fatte sulla doppia partita”.

Parole che hanno di fatto preannunciato un impiego della quasi totalità dei giocatori presenti in rosa.
Già nella partita contro gli emiliani si è vista una piccola rotazione, un po’ per gli infortuni (vedi le presenze di D’Ambrosio al posto di Vrsaljko e di Keita al posto di Icardi), un po’ per preservare chi, almeno prima della prestazione contro la squadra di D’Aversa, aveva serie chance di giocare martedì nel debutto in Champions contro il Tottenham. È il caso di Asamoah (per far giocare Dalbert, talento ancora inespresso e poco apprezzato dai tifosi), ma soprattutto di Politano, che dopo la poco convincente prova  di ieri è a rischio panchina contro gli Spurs. Nei 31 minuti più recupero giocati, infatti, l’esterno romano non è stato in grado di offrire spunti interessanti e di regalare assist a Icardi. Al suo posto ha infatti giocato il suo concittadino Antonio Candreva, spesso criticato per le sue prestazioni poco convincenti, e per le traiettorie sbagliate dei suoi cross.

NUOVO INIZIO?

Proprio per i suoi cross l’ex laziale si è reso protagonista, in negativo, contro il Parma. Li ha sbagliati tutti, 100 % di cross sbagliati, o zero % di cross riusciti, come preferite. Un dato veramente allarmante, che coordinato con le prestazioni deludenti dello scorso anno sembrerebbe gettare molte ombre su Antonio Candreva.

Nonostante ciò, la prestazione di Antonio Candreva non è stata negativa e all’uscita dal campo, contrariamente da quanto succedeva fino allo scorso anno, non è stato fischiato da nessuno, anzi, la maggior parte del tifoso presenti al “Meazza” lo ha ringraziato con un lungo applauso. Questa risposta del pubblico al numero 87, unita alla pessima prestazione del neo acquisto Politano potrà rimettere in discussione il ruolo di Candreva nel club? Già martedì, nel debutto in Champions, avremo le idee più chiare.