L’Atletico, mai come quest’anno, si trova a dover rimodellare la squadra in gran parte dei reparti: persi Godìn ed Hernandez in difesa, anche Oblak e Rodri potrebbero fare le valigie in direzione EPL, lasciando di fatto, un vuoto sesquipedale negli equilibri tecnico-tattici dell’Atletico.

Ad aggiungersi a queste vicende di mercato, poi, c’è la più ardua delle situazioni: la gestione dell’addio di Griezmann con conseguente rimpiazzo, un’operazione complessa dalla quale l’Atletico Madrid non potrà farsi trovare impreparato. Per quanto l’addio del francese possa rivelarsi problematico e doloroso, la società con sede a Madrid è sempre stata in grado di risorgere dalle proprie ceneri, sfruttando i capitali accumulati dalle cessioni in maniera lungimirante e diligente.

IL NUOVO NOME

Proprio per questa ragione, il progetto Atletico potrebbe rivelarsi ancor più stimolante degli anni precedenti, attraverso la rifondazione di una squadra che ha realizzato traguardi incredibili in rapporto alla propria storia ed al proprio fatturato. Dopo aver sondato Mauro Icardi, Paulo Dybala e Rodrigo, il nome accostato ora ai colchoneros è di quelli clamorosi: si tratterebbe di Joao Felix, baby crack sulle cui tracce si trova pressoché qualsiasi big europea. La società iberica sarebbe pronta a formulare un’offerta complessiva di 80 milioni di euro: 6o milioni di parte fissa, 20 di bonus. La sensazione è che le Aquile possano vacillare dinnanzi ad una simile cifra, nonostante permanga l’idea di voler riscuotere l’intera cifra pattuita dalla clausola.

Le parti in questione si riaggiorneranno, con Diego Simeone che avrebbe un ruolo centrale nell’opera di convincimento del ragazzo: ad attenderlo, dopotutto, vi sarebbe un campionato ideale alle sue caratteristiche ed un contesto di squadra che vedrebbe il giovane Felix eletto come leader tecnico di una delle migliori formazioni europee. Concorrenza permettendo.

(Fonte immagine copertina: profilo Facebook ufficiale di SL Benfica)