Fin dall’alba dei tempi, il diktat nostrano è sempre stato chiaro: prima si difende, poi si attacca. E mentre il Real Madrid compra calciatori quasi solo dalla cintola in su, le squadre italiane rifondano, aggiustano o completano il proprio team partendo dalle fondamenta, ovvero la difesa. Abbiamo contatto Giuseppe Bergomi, storica bandiera dell’Inter nonché considerato uno dei migliori difensori della sua generazione, per fare il punto sulle difese di alcune big italiane.

L’INTERVISTA

Signor Bergomi, secondo lei attualmente chi è il difensore più forte al mondo?

“Dire chi è il difensore più forte del mondo è sempre difficile, perché sono classifiche che non mi piacciono. Non c’è un più forte al mondo, esiste il calciatore che in un determinato momento interpreta meglio il ruolo per personalità, letture tattiche e anche per la facilità nel trovare la via del goal. Se penso a queste caratteristiche, è sicuramente Virgil van Dijk del Liverpool”

In Italia c’è un viavai di difensori. Ora come ora, chi è messo meglio tra Inter (De Vrij-Skriniar-Godin), Napoli (con la coppia di centrali Manolas-Koulibaly) e Juve (con la probabile aggiunta di De Ligt)?

“Per quanto riguarda le difese italiane tutte sono messe bene, perché abbiamo sicuramente preso giocatori di grande qualità e personalità come Godin all’Inter, ma anche Manolas che andrà a formare una bella coppia con Koulibaly al Napoli. Ma continuo a pensare che il miglior difensore sia sempre Chiellini, motivo per cui se dovesse arrivare De Ligt, quella juventina diventerebbe la coppia che in questo momento può trarne vantaggio sulle altre

(Fonte immagine: profilo Instagram di Giorgio Chiellini)

In Serie A gli ultimi otto scudetti sono andati a chi ha subito meno goal: 22,2 in media nel triennio Conte, 25 nei cinque anni di Allegri. Dunque in Italia ha la meglio la fisicità sulla tecnica?

“In Italia da tanti anni chi ha la fisicità domina. Mi viene in mente quando l’Inter ha aperto il suo ultimo ciclo che aveva tutti i giocatori dal metro e ottantacinque in su, e quindi sono riusciti a dominare fisicamente sugli avversari”

A proposito di Inter e fisicità, un calciatore come Lukaku come si troverebbe in Serie A?

“Proprio per quanto appena detto, penso quindi che anche il belga, nel nostro campionato, possa fare sicuramente molto bene”