Fin dall’alba dei tempi, il calcio è industria: spende, guadagna, fa girare l’economia. E i giocatori, che questo sport lo tengono in vita, si travestono a volte da imprenditori. C’è chi compra squadre reali e chi, con un occhio di riguardo al futuro, investe nel mondo del virtuale. Come Florenzi, per esempio, che seguendo la sia di Daniele De Rossi ha deciso di puntare al Team Mkers.

Stiamo parlando del mondo degli eSports, sempre più in voga tra i giovani – ma non solo – di oggi. De Rossi e Florenzi non sono i primi calciatori, e difficilmente saranno gli ultimi, ad investire in quest’ottica. Sono già famosi, in questo senso, le capitalizzazioni di Gullit e Ronaldinho, capaci di fondare una propria Lega di PES, così come Piquè – sempre su Pro Evolution Soccer – o l’asso Neymar, padre fondatore persino di un gioco su dispositivi mobile chiamato “Match MVP Neymar jr”.

(Fonte immagine di copertina: profilo Instagram di Florenzi)