Da imprescindibile a comparsa. Ivan Rakitić non è più il perno del centrocampo del Barcellona. Arrivato nel 2014 dal Sevilla, il croato sta attraversando il periodo più complicato della sua esperienza in blaugrana, soprattutto a causa della forte concorrenza. L’ultimo arrivato, il gioiellino ex Ajax Frankie de Jong, ha conquistato Valverde e tutti i tifosi, relegando Rakitić ad un ruolo a dir poco marginale.

Non si può certo negare che la dirigenza del club catalano avesse mandato evidenti segnali al centrocampista, cercando diverse soluzioni per cederlo in estate. Al tempo stesso, le elevate richieste economiche del club (non meno di 50 milioni di euro) hanno complicato l’uscita del vice campione del mondo. Si era parlato a lungo di Juventus, con il possibile inserimento di un altro scontento, Emre Can. Lo stesso Rakitić ha confermato l’interesse dei bianconeri ad un giornale croato, aggiungendo di aver ricevuto anche una telefonata da Cristiano Ronaldo in persona.

“Non so cosa succederà ora. Voglio giocare e non solo essere parte della squadra. Farò tutto il possibile per provare a cambiare la situazione. Ho ancora due anni di contratto e non c’è una squadra migliore del Barça, il miglior club al mondo. Però ho bisogno di giocare, non solo godermi passeggiate per la città o la spiaggia.”

Parole d’amore per la squadra che però non placano le ipotesi di una sua partenza già a gennaio. Se il suo minutaggio rimanesse così scarso (solo 187 minuti fin qui), Rakitić potrebbe spingere per una cessione, con molt squadre pronte ad accoglierlo a braccia aperte. Chi sa che la Juve non provi a giocarsi di nuovo la pedina Can, impreziosita dal fatto che il tedesco non potrà giocare in Champions con la sua eventuale nuova squadra.

(Fonte immagine di copertina: profilo Instagram di Ivan Rakitić)