Connect with us
ESCLUSIVA - L'agente di Zalewski: "Non ha mai voluto andare via"

Calciomercato

ESCLUSIVA – L’agente di Zalewski: “Non ha mai voluto andare via a gennaio”

Pubblicato

:

L'agente di Zalewski

L’avvocato Giovanni Ferro, agente di Nicola Zalewski e membro della GP Soccer and Management di Giampiero Pocetta, è intervenuto ai nostri microfoni per parlare del suo ruolo professionale e delle voci di mercato che chiamano in causa il calciatore polacco.

Con lui abbiamo affrontato il tema riguardante la nuova regolamentazione FIFA per quanto riguarda gli agenti nel calcio, il cui destino sarà legato alla sentenza programmata per giugno 2024. Dopo le bocciature dei tribunali di Dortmund e Madrid, sarà la Corte Europea a deciderne le sorti.

In merito a Nicola Zalewski, abbiamo invece posto l’accento sull’esempio che la sua famiglia rappresenta per quanto concerne il giusto modo di gestire la crescita di un calciatore. Oltre a questo, l’avvocato Ferro si è espresso sulla volontà del giocatore sul prosieguo della sua avventura in giallorosso, e di come abbia apprezzato il nuovo ruolo assegnatoli da Daniele De Rossi.

SUL NUOVO REGOLAMENTO SUGLI AGENTI DI CALCIO

Qual è l’aspetto che negli anni ha reso sempre più complesso fare l’agente nel calcio?

Il proliferare dei colleghi. Quasi 24 anni fa iniziavo a fare questo lavoro, e andare sui campi voleva dire incontrare colleghi con cui ci si conosceva. C’era rispetto reciproco, cosa che ora non esiste più. Dal giorno alla mattina ti ritrovo nuovi colleghi che non ti conoscono e non ti rispettano. La concorrenza è aumentata così tanto da divenire incontrollabile. Per ogni agente, ci sono almeno quattro o cinque figure che lo accompagnano, ma che non sono munite di licenza“.

A giugno 2024 arriverà la sentenza della Corte di Bruxelles riguardo l’ultima regolamentazione che la FIFA vorrebbe varare sul tema. Che opinioni hai in merito alle volontà della federazione internazionale?

Il fatto è che la FIFA sta provando a mettere una pezza alla deregolamentazione del 2015. Quella ha portato ai problemi di cui parlavamo prima. Ora ha riconosciuto di aver mal operato all’epoca, portando qualcosa di positivo nell’impostare come obbligatori gli esami per divenire agente sportivo per chi vorrà farlo nel futuro. D’altra parte ritengo estremamente limitante per noi agenti avere dei paletti per quanto riguarda i guadagni. Questo lavoro, fatto in un certo modo e a un certo livello, comporta spese e investimenti. Mettere dei vincoli nei guadagni creerebbe senz’altro dei problemi nella qualità dei servizi offerti agli assistiti”.

Una costante nei rapporti con i giocatori è sicuramente la presenza della famiglia. Come ci si deve porre con essa quando si cura gli interessi di un ragazzo?

È importante stabilire una connessione di intenti. Capire che si lavora per il bene del ragazzo, per la sua crescita. Parliamo di investimento collettivo, fatto lavorando sulla fiducia reciproca con l’obiettivo di individuare i percorsi migliori possibili. Molte difficoltà si trovano nei primi anni fuori dal settore giovanile, ma anche il percorso con i pari età è un importante banco di prova. Quando è successo che la famiglia ha voluto provare a gestire la situazione con un po’ di presunzione, il giocatore ha fatto meno carriera di quello che pensavo fosse nelle sue potenzialità“.

L’AGENTE DI ZALEWSKI: IL RAPPORTO CON IL PADRE, IL FUTURO ALLA ROMA

Zalewski è un tuo assistito, e penso che rientri nella casistica opposta a quella di cui ci hai appena parlato. Conosciamo il forte legame che lo univa al padre, e immagino sia stato esemplare nella gestione del figlio durante questo percorso.

Una persona fantastica. È stato un piacere averlo vicino, sempre costruttivo e sempre bravo nel trasmettere a Nicola i messaggi giusti. Uno degli esempi migliori di come dovrebbe funzionare il rapporto tra una famiglia e l’agente che cura gli interessi del figlio, specie quando il giocatore è ancora giovane“.

Erano reali invece le voci che volevano Nicola lontano da Roma durante questa sessione di mercato, sulla base di un prestito?

Lui non ha mai avuto la volontà di andar via a gennaio, anzi, la sua volontà è sempre stata quella di fare bene con la Roma, che poi è la squadra per cui tifa. Daniele De Rossi lo ha riportato nel ruolo che era abituato a fare sin da ragazzino e ci si aspetta da lui un salto di qualità. Messo in campo più vicino alla porta è un qualcosa da cui può trarre solo giovamento. Lui è fresco, rapido, frizzante, per cui meno compiti difensivi ha, più può spendersi nell’esprimere qualità“.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calciomercato

La Juve considera Bremer un pilastro per il futuro. Solo un’offerta può far vacillare i bianconeri

Pubblicato

:

UFFICIALE - Bremer rinnova con la Juventus fino al 2028

Apertura odierna del quotidiano TuttoSport dedicata a Gleison Bremer. Il difensore centrale brasiliano della Juventus, prelevato dai rivali del Torino nell’estate del 2022, era un obiettivo anche dell’Inter.

bianconeri, scelto lui per sostituire De Ligt, contano sulla sua presenza anche e soprattutto per la Juventus del futuro. Blindato da poco con un nuovo contratto (che scadrà a fine giugno 2028), il centrale di difesa è molto ambito a livello europeo.

L’interesse più forte che è stato recentemente registrato è quello da parte del Manchester United. I red devils, anch’essi in un periodo di ricostruzione, vorrebbero acquisire le prestazioni del brasiliano per dare maggiore solidità al reparto di difesa. Tuttavia Bremer, vista soprattutto l’importante cifra spesa dai bianconeri per tesserarlo, andrà via da Torino solo a fronte di un’offerta impossibile da rifiutare: la base d’asta è pari a 60/70 milioni di euro. Ma non è tutto, in quanto sarebbe necessaria anche un’importante offerta contrattuale per il giocatore.

Bremer ha ammesso mesi fa di voler provare un’esperienza in Premier League in futuro, definendola una competizione eccitante.

Alla Continassa sono comunque tranquilli, soprattutto vista la situazione a livello contrattuale. L’accordo con il giocatore è stato rinnovato pochi mesi fa e la Juventus ha speso parole al miele per il brasiliano, tant’è vero che il comunicato recitava le seguenti parole: “Gleison Bremer rinnova con la Juventus fino al 2028. È diventato un pilastro, costantemente tra i migliori in campo e una certezza assoluta, guadagnandosi l’affetto dei tifosi e la fiducia di tutti. La firma sul futuro in bianconero è la continuità di quella promessa fatta all’arrivo in quel giorno d’estate“.

Insomma i piani dei bianconeri sono chiari, lo saranno anche quelli di Bremer?

Continua a leggere

Calciomercato

Giroud tentato dall’MLS: i club americani spingono per averlo a giugno

Pubblicato

:

Giroud

Olivier Giroud sembra essere come il vino: più invecchia, più diventa buono. Già, perché all’età di 37 anni è ancora uno dei migliori attaccanti del nostro campionato. In 30 presenze stagionali ha, fino ad oggi, messo a segno 13 gol e fornito 9 assist per i compagni. Oltre a ciò, è anche uno dei leader di questo Milan.

Dopo il passaggio del turno in Europa League, nelle prime ore della mattina è arrivata una notizia da Nicolò Schira che, sul suo profilo X, ha riportato l’interesse di numerose squadre americane per il numero 9 rossonero. Esse, infatti, starebbero spingendo per cercare di convincere Giroud ad andare in scadenza di contratto a giugno, in modo tale da prenderlo a zero.

GIROUD: LA SITUAZIONE

L’attaccante francese, che deciderà il suo destino verso la fine del mese di aprile, ha anche la proposta del Milan sul tavolo: se deciderà di restare nel club rossonero, la proposta sarebbe quella di un rinnovo annuale (fino a giugno 2025).

Sono già almeno due le offerte allettanti ricevute da Giroud: una proveniente dall’Arabia Saudita, l’altra dagli Stati Uniti. Per il momento non vi sono risposte concrete da parte dell’entourage del giocatore, il quale è attualmente concentrato solo sul campo.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Big d’Europa sulle tracce di De Zerbi: la posizione del Brighton

Pubblicato

:

Brighton De Zerbi

Roberto De Zerbi rappresenta senza troppi dubbi uno degli allenatori più promettenti di tutto il panorama europeo. Il tecnico italiano sta raggiungendo risultati e traguardi incredibili con il Brighton. La compagine inglese ha infatti raggiunto, nella scorsa stagione, per la prima volta nella propria storia la qualificazione in Europa League. Una competizione che la squadra sta affrontando alla grande, avendo chiuso il proprio girone al primo posto.

Lo stile di gioco di De Zerbi sta riscuotendo sempre più successo. Difatti, l’allenatore sarebbe finito da diverso tempo nel mirino di diverse big europee. La prossima estate delle panchine di primissimo livello vivranno vere e proprie rivoluzioni. Basti pensare a Liverpool e Barcellona che vedranno lasciare rispettivamente Klopp e Xavi. Ecco dunque che un profilo giovane e preparato come quello di De Zerbi potrebbe diventare un obiettivo concreto.

D’altro canto il Brighton non vuole assolutamente privarsi del proprio manager. Come riportato da talkSPORT, la compagine inglese avrebbe già parlato con De Zerbi riguardo un possibile rinnovo di contratto. Il tecnico non avrebbe dato ai Seagulls segnali di voler cambiare aria in quanto la volontà del club è perfettamente in linea con quella dell’allenatore ovvero sia crescere ancora nel panorama europeo senza privarsi dei giocatori migliori. Dunque le grandi squadre europee sono avvisate: portare via Roberto De Zerbi da Brighton sarà affare assai complesso. 

Continua a leggere

Calciomercato

La Juventus piomba su Di Gregorio: i dettagli

Pubblicato

:

di gregorio monza

La Juventus piomba su Michele Di Gregorio. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, i bianconeri sarebbero seriamente interessati all’attuale portiere del Monza come profilo per il futuro. Il contratto di Szczesny scade nel 2025 e, complice anche l’età del polacco, la dirigenza della Juve avrebbe individuato in Di Gregorio il profilo giusto. Naturalmente ci sarà da soddisfare le richieste del Monza ma la trattativa potrebbe chiudersi per una cifra vicina ai 20 milioni di euro. Ciò che resta da capire è se la Juventus tenterà l’affondo la prossima estate puntando fin da subito su Di Gregorio o se magari deciderà di farlo giocare un ulteriore anno lontano da Torino. Il tempo aiuterà a capire come si evolverà la situazione, e la concorrenza a fine stagione per il classe ’97 non mancherà, ma la squadra bianconera sembrerebbe essere piombata fortemente su Di Gregorio.

I NUMERI DI DI GREGORIO

Nelle ultime due stagioni Di Gregorio si è distinto come uno dei migliori portieri del nostro campionato. In questa annata sono arrivati un paio di errori molto pesanti ma le qualità dell’estremo difensore, attualmente in forza al Monza, rimangono indiscutibili. Quest’anno, su 22 partite giocate Di Gregorio ha subito 17 gol, mantenendo la porta inviolata in ben 11 occasioni. Numeri più che positivi se si pensa che nella scorsa stagione in 37 presenze complessive i clean sheet erano stati 10 con 49 reti subite. 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969