Connect with us

Editoriale

Agnelli salvi la Juventus

Pubblicato

:

Titolo forte ma che si collega perfettamente al mio ultimo articolo pubblicato.
Da “Allegri salvi Allegri” ad “Agnelli salvi la Juventus” il passo è breve: circa 10 giorni.
In questo arco di tempo la Juve non ha mai vinto, anzi.

Il pareggio in casa con la Salernitana, che si porta dietro tutte le polemiche arbitrali ma anche i problemi cronici di questa squadra che va sotto di due reti prima della reazione nervosa post intervallo.
La sconfitta con il Benfica, che si porta dietro la consapevole rinuncia alla Champions League se non in presenza di un vero e proprio miracolo sportivo.
La sconfitta di ieri con il Monza, che si porta dietro la certezza di essere una squadra malata e con problemi profondi.

Una regola non scritta nel calcio parla chiaro: quando le cose vanno male, l’allenatore è il primo colpevole.
E Allegri in questi 10 giorni invece che salvarsi si è affossato, anche considerando alcune uscite mediatiche non troppo apprezzate da tifosi e società (vedi alla voce “Mario Sconcerti”).

La Juventus oggi sembra una squadra morta.
Senz’anima.
In balia degli eventi.
Il gruppo sembra non saper reagire e ieri a Monza ha dato addirittura l’impressione di “giocare contro” l’allenatore.
Un vero e proprio “ammutinamento” che mi auguro possa essere smentito nella prossima gara post pausa Nazionali.

Eppure la Juve oggi sembra essere divisa in tre: squadra, dirigenza e allenatore.
Entità distinte e differenti, che navigano a vista senza unità d’intenti.
E probabilmente dentro la stessa dirigenza abbiamo altre opinioni contrastanti.

La faccia di Nedved ieri sul gol dell’1-0 del Monza è l’emblema di tutti i tifosi della Juventus.
Arrivabene ieri ai microfoni ha utilizzando parole di circostanza e piene di retorica.
Cherubini credo che non abbia tutto questo potere decisionale lato allenatore.
E Andrea Agnelli non parla ormai da troppo tempo.

Penso che oggi la figura del Presidente debba per forza di cose essere messa in primo piano.
Agnelli può ancora salvare la stagione della Juventus che, guarda caso, cade pure nel Centenario di proprietà della famiglia piemontese.
Per farlo però dovrà mettere l’amore per la Juve davanti all’affetto che lo lega all’attuale allenatore.
Come dicevo nel mio ultimo video su YouTube, si tratta di scegliere tra amicizia e meritocrazia.
E ad oggi la Juventus ha pochi meriti e tante colpe.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editoriale

Hummel, maglie della Danimarca come protesta contro il Qatar

Pubblicato

:

Hummel

All’alba dei mondiali invernali di Qatar 2022, lo sponsor tecnico della Danimarca, Hummel, ha presentato le tre maglie della nazionale danese per la spedizione mondiale. “Nascosto” tra le maglie c’è un gesto di forte protesta contro il Qatar. Le divise si presentano austere, monocromatiche e, cosa non meno importante, con lo sponsor della Hummel, che quasi si perde nei colori scelti per le maglie. Il motivo è presto detto: la società stessa lo ha spiegato sui propri canali social:

Non vogliamo essere visibili durante un torneo che è costato migliaia di vite umane. Supportiamo la nazionale danese, ma questo non significa supportare il Qatar come Paese ospitante”.

Dichiarazioni e scelte forti della società di vestiario sportivo, che fanno fronte alle tante notizie venute fuori durante questi anni di preparazione ai mondiali, sulle condizioni di lavoro degli operai. Condizioni pessime che da anni portano morti sul lavoro, e che Hummel ha deciso di denunciare fortemente, attraverso questo gesto. Un gesto di protesta che, stando alle parole dell’azienda su Instagram, servirebbe quindi a non associarsi ad una competizione che ha portato alla morte di migliaia di persone, nascondendo il proprio logo, tra i vivaci colori delle divise della Danimarca.

 

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Al-Khelaifi sul futuro della Superlega: le sue parole!

Pubblicato

:

eca

Sono passati quasi 2 anni ormai dalla notte in cui 12 big del calcio europeo, annunciarono la nascita del progetto Superlega. Un progetto che, come già sappiamo, cadrà ancor prima di iniziare per via delle pesanti mobilitazioni da parte dei maggiori organi calcistici e non delle varie nazioni coinvolte. A non far mai parte del progetto è stato il PSG di Al-Khelaifi. Il patron del PSG si schierò con forza dalla parte della UEFA e di Ceferin, prendendo oltretutto, il posto del dimissionario Agnelli, come presidente dell’ECA.

Dopo 2 anni il presidente dell’ECA torna sulla questione, cercando di chiuderla definitivamente e non senza polemiche. Ecco le sue parole durante un’intervista al Politico:

Sono davvero fiducioso che nessuno permetterà che ciò avvenga. Dobbiamo pensare a tutti, non solo a noi stessi. La Superlega riguardava solo se stessi e non mi sarei mai unito ad un progetto del genere”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Messi carica l’Argentina: “Siamo pronti ad affrontare chiunque”

Pubblicato

:

Il Mondiale è alle porte e il campionissimo Lionel Messi, capitano dell’Argentina si appresta a vivere, probabilmente, la sua ultima apparizione nella massima competizione tra le nazionali, e vuole farlo da protagonista. Dopo la tanto attesa prima Copa America, vinta con l’albiceleste nel 2021, la pulce è determinata a giocarsi le proprie carte in Qatar. In un’intervista rilasciata a TUDN, il 7 volte pallone d’oro è apparso fiducioso e carico, in vista della spedizione mondiale: ecco le sue parole:

“Siamo pronti ad affrontare chiunque, giochiamo sempre alla stessa maniera, indipendentemente dall’avversario che andiamo ad affrontare. Il nostro obiettivo è cercare di fare il meglio in Qatar: sappiamo che sarò un Mondiale molto difficile e che conteranno i dettagli, ma siamo pronti a dare battaglia. Avremo un girone duro, per questo sarà fondamentale vincere la prima partita, in modo da affrontare quelle successive con più serenità”.

Continua a leggere

Editoriale

[FOTO] Svelata la terza maglia dell’Inter!

Pubblicato

:

Inter

Sono uscite le prime indiscrezioni su quale sarà la terza maglia dell’Inter. Il sito Footy Headlines che negli ultimi anni si è dimostrato molto attendibile per quanto riguarda le nuove divise delle squadre di calcio, ha rilasciato le immagini di quella che probabilmente sarà la terza maglia dei nerazzurri.

 

La Nike ha deciso per un ritorno al colore giallo, che non si vedeva in casa nerazzurra, dalla stagione 2015-2016. Le rifiniture saranno di colore nero. Leggero  azzurro sulle maniche: richiamo ai colori sociali del club.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969