Connect with us

La nostra prima pagina

Alzabandiera

Pubblicato

:

Papu Gomez

Nel calcio in cui le cifre esorbitanti sono all’ordine del giorno, c’è ancora spazio per qualche eccezione. C’è chi ancora decide di donare sé stesso a dei colori, più che ai trofei o al denaro. In questo club sempre più ristretto si è unito, da oggi, il Papu Gomez. Un gesto che vorremmo non passasse inosservato. Non è infatti la prima volta che l’argentino si trova a rinunciare, o a dover rinunciare, ai grandi club (o ai grandi guadagni).

FLASHBACK

Il treno che porta ai grandi club poteva passare molto prima. Negli anni del suo trascorso a Catania, Gomez era sotto osservazione da parte di alcuni dei club più importanti della nostra Serie A. Vuoi perché in fondo in fondo questi stessi club non ci hanno creduto fino in fondo, vuoi per le resistenze del presidente Pulvirenti, Gomez su quel treno non ci è mai salito. Anche perché i rossoblù stavano vivendo stagioni memorabili, sotto la guida di Montella prima e Maran poi. Culminando nell’ottavo posto del 2012-2013 (superando l’Inter) col primato di punti (58). Gomez aveva chiuso la sua miglior stagione personale, con 8 gol e 7 assist.

Ma anche questa volta, il treno non passa. Sfumato il sogno europeo con gli etnei, Gomez decide di trasferirsi in Ucraina, al Metalist Kharkhiv. Gli ucraini sono reduci da un secondo posto e hanno importanti ambizioni. Sottrarre il trono di migliore squadra del paese allo Shakhtar e riuscire a qualificarsi per i gironi di Champions League. Ma nessuna delle due imprese va a buon fine. Gomez si toglie comunque la soddisfazione di giocare l’Europa League, dove gli ucraini si fermano ai sedicesimi, eliminati dal Newcastle. In campionato la stagione si chiude al terzo posto, a due punti dal Dnipro secondo.

In Ucraina questi però sono anni duri, a causa della questione per l’indipendenza della Crimea. La situazione per Gomez si fa invivibile e decide di scappare. Vorrebbe tornare al San Lorenzo, il secondo club dove ha giocato prima di arrivare in Italia, ma gli argentini lo vogliono in prestito mentre il Metalist fa muro. L’Atalanta è l’unico club che riesce ad accontentare il club ucraino. Per 2,5 milioni di euro, il Papu è nerazzurro.

DA NERAZZURRO A ROSSONERO?

Il primo anno non è certo all’insegna della tranquillità. Almeno sotto il punto di vista prettamente calcistico. I nerazzurri, prima sotto Colantuono e poi Reja, raggiungono la salvezza concludendo alla penultima piazzola. Meglio la stagione successiva, dove l’Atalanta raggiunge un tranquillo tredicesimo posto e l’argentino conclude, con 7 gol, come miglior marcatore della squadra.

Ecco però che per il Papu si ripresenta il treno che tanto aspetta. Su di lui si fa avanti il Milan del neo-allenatore Vincenzo Montella, che lo voleva già ai tempi della Fiorentina, quando l’argentino giocava in Sicilia. E il giocatore non respinge di certo le avances del tecnico campano. L’Atalanta prima lo dichiara incedibile, poi apre a una trattativa ma le richieste sono alte. E dopo il primo gol della nuova stagione, in amichevole contro la Rappresentativa Valseriana, segue il coro dei tifosi presenti che implorano l’argentino di restare. Risultato? Non se ne fa nulla.

E meno male, verrebbe da dire. Perché con Gasperini il Papu trascorre la miglior stagione della sua carriera, mette a segno 16 gol e 12 assist e guida la sua squadra al quarto posto che vuol dire Europa League diretta. Resistendo, a gennaio, alle attenzioni di alcuni club cinesi pronti a fare follie per averlo. E per tutta Bergamo, è ormai un idolo.

RINNOVO

Nelle ultime settimane i rumours di mercato lo volevano in rotta verso il Milan, la Lazio o il Napoli. Il premio, tutto sommato anche giusto, dopo una stagione con numeri da fuoriclasse. Invece Gomez ha deciso di legarsi, per i prossimi cinque anni, all’Atalanta. Sia chiaro, le cifre del rinnovo hanno il suo peso. Con adeguamento che lo porterà a guadagnare 2 milioni di euro a stagione, sarà il più pagato di sempre nella storia del club orobico. Ma questo vale per chiunque. Buffon, Totti, Hamsik… tutti hanno visto premiato il proprio gesto d’amore con un adeguato compenso in denaro. E il gesto dell’argentino assume una rilevanza ancora più grande. Nell’Atalanta che perde via via i suoi prezzi più pregiati e che, visti anche gli impegni in Europa tanto prestigiosi quanto dispendiosi, vivrà una stagione sicuramente più complicata rispetto a quella appena conclusa, Gomez ha deciso, da buon capitano, di non abbandonare la propria nave. Oltre all’adeguamento, Gomez sarà insignito di una carica speciale. L’argentino infatti sarà anche l’ambasciatore dei nerazzurri.

Insomma, Gomez ha deciso finalmente su che treno salire.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Il Torino segue Patryk Peda della Spal

Pubblicato

:

juric

Il Torino di Ivan Juric inizia a muoversi sul mercato per cercare di fare un salto di qualità che possa portare i granata nella parte sinistra della classifica.

Secondo Gianluca Di Marzio, il primo nome sul taccuino è quello di Patryk Peda, classe 2002 in forza alla Spal di Daniele De Rossi.

Il 20enne polacco è in Italia dal 2019 ed è cresciuto nel settore giovanile del Legia Varsavia. Oggi la sua Spal era impegnata nella trasferta di Perugia, dove c’era proprio il responsabile del settore giovanile granata, presente in tribuna per visionare il classe 2002.

Per Peda sono 10 le presenze stagionali in Serie B.

Continua a leggere

Calciomercato

Roma, in Spagna danno in fase avanzata i contatti con l’entourage di Depay

Pubblicato

:

Olandesi Juve

Secondo il quotidiano Sport, la Roma starebbe facendo davvero sul serio per cercare di ingaggiare Memphis Depay nella prossima sessione di mercato.

Il giornale spagnolo riferisce infatti che i contatti tra la Roma e l’entourage del giocatore olandese, che ormai in Catalogna è ai margini del progetto ed è in cerca di una nuova esperienza, sarebbero addirittura in fase avanzata. Al momento però il Barcellona smentisce la presenza di una trattativa con il club capitolino.

L’ex Lione in questa stagione non è ancora mai entrato nelle rotazioni di Mister Xavi, vedendo il campo solamente per due volte.

Continua a leggere

Calciomercato

L’Inter riflette sul centrocampo: spunta un’idea già per gennaio

Pubblicato

:

Inter

Un mese ci divide dall’inizio della sessione di mercato invernale e, in casa Inter, si pensa già a come poter migliorare la rosa. Secondo il Mundo Deportivo, l’Inter pare abbia messo nel mirino per la sessione invernale di calciomercato Donny Van de Beek, centrocampista olandese dell’Manchester United.

Il centrocampista classe 1997 non è mai esploso nella sponda rossa di Manchester, non facendo vedere praticamente mai le qualità a cui aveva abituato ai tempi dell’Ajax. L’olandese non è una prima scelta di Ten Hag, nonostante sia proprio il mister olandese ad averlo lanciato ai tempi dei lancieri.

Chissà se, sotto la guida di Mister Inzaghi, Van de Beek possa ritornare a mostrare al mondo le qualità a cui aveva abituato giusto qualche stagione fa.

Continua a leggere

Flash News

In Olanda-Argentina appuntamento con la storia per Julian Alvarez

Pubblicato

:

Julian Alvarez

L’Argentina nella giornata di domani affronterà l’Olanda nei quarti di finale del Mondiale in Qatar e in caso di vittoria staccherebbe il pass per le semifinali, dove affronterebbe la vincente di Brasile-Croazia.

L’attaccante dell’Albiceleste Julian Alvarez in questa Coppa Del Mondo è definitivamente esploso, risultando già due volte nel tabellino dei marcatori.

Il classe 2000 in occasione della sfida di domani contro la selezione di Louis Van Gaal ha un appuntamento con la storia. Con un altro gol ripeterebbe l’impresa compiuta da Hernan Crespo, Guillermo Stabile e Oreste Corbatta, gli unici nella storia della Seleccion a segnare 3 gol nelle loro prime tre partite da titolari al Mondiale.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969