Il giocatore di origini turche è sempre più ai margini del progetto bianconero. Arrivato in pompa magna dal Liverpool a parametro zero sembrava un tassello inamovibile nella rotazione del centrocampo juventino l’anno scorso. In questa stagione l’antifona è parecchio cambiata. Sarri rassicura con parole confortanti in conferenza stampa:

“Non ho assolutamente preclusioni nei confronti di Emre Can. Il rilancio può essere possibile sempre e comunque.”

L’esclusione dalla lista Champions e lo scarso utilizzo in campionato però lasciano intendere tutt’altro. In mezzo al campo la Juventus è affollata e il tedesco di origini turche non sembra poter ritagliarsi lo spicchio di tempo necessario ad un giocatore del suo rango.

ANCELOTTI CHIAMA

Dall’altra parte della manica Carlo Ancelotti chiama il centrocampista centrale e la Juve è più che disposta ad ascoltare l’ex tecnico del Napoli. Fabio Paratici è in odore di una grossa plusvalenza. Come detto, il giocatore è arrivato a parametro zero dal Liverpool e il suo prezzo sul mercato è di ben 30 milioni. L’Everton non è un top club, ma ha sicuramente le casse piene e vuole fare un acquisto di livello per risollevare una stagione fino a qui storta. Ad Emre Can l’aria d’Inghilterra può sicuramente fare bene e rilanciarlo nel panorama europeo. Unico inghippo il giuramento ai tempi del Liverpool di fedeltà alla maglia che preclude sicuramente al centrocampista di indossare la casacca dei nemici cittadini dell’Everton. Le parti sembrano essere disposte a procedere, con i contatti che rimangono sotto traccia per motivi diplomatici, con l’accordo da trovare sullo stipendio del giocatore (5 milioni percepiti fino al 2020 a Torino). Il vero bandolo della matassa, dunque, è l’umore dei tifosi dei Toffees. Se saranno disposti ad accettare un ex Reds tra i loro pupilli allora l’affare può subire una forte accelerata.

(Immagine in copertina: Instagram @emrecan)