Al termine di una settimana densa di questioni razziali nel calcio d’oltremanica, dalle tensioni tra l nazionale dei tre leoni e la Bulgaria fino ai d alcuni match di FA Cup e Championship, anche dalla Scozia giunge un caso di razzismo latente nel corso di una gara importante come quella tra i Rangers e i padroni di casa degli Hearts.

RAZZISMO LATENTE

Se gli insulti razzisti sarebbero arrivati durante l’esultanza del colombiano Alfredo Morelos dopo aver messo a segno il goal del pareggio, la polizia del Tinycastle Park ne è rimasta completamente ignara con l’unico arresto eseguito per un motivo differente rispetto a questo. Secondo quanto riportato dalla BBC però, il club degli Hearts ha emesso un comunicato nel quale sottolinea il suo impegno contro il razzismo:

“Il club non è a conoscenza di una simile situazione ma si sta aprendo un’indagine a proposito. Ma qualora si dovesse trovare un colpevole non c’è dubbio che sarà bandito a vita da Tinycastle Park.”

Vi è dunque in corso l’ennesima indagine riguardo una tematica quanto mai attuale oltremanica e in Europa, nonostante le campagne ormai mondiali per arginare un fenomeno come il razzismo, oggi più vivo che mai.

Fonte immagine di copertina: sito ufficiale @RangersGlasgow