Connect with us
Clamoroso: Antonio Conte ad un passo dal Manchester United

Generico

Antonio Conte-Manchester United: l’italiano dirà sì se Solskjaer dovesse venire esonerato

Pubblicato

:

Tottenham, Conte rimane con gli Spurs

Abbiamo parlato ieri di quanto sia incerta la panchina di Ole Gunnar Solskjær, soprattutto dopo la disfatta contro il Liverpool all’Old Trafford. Il giorno dopo non si smette di parlare della disfatta rimediata dai Red Devils e dell’esonero sempre più imminente dell’allenatore norvegese. Il Guardian ha lanciato la bomba: Antonio Conte sarebbe pronto a discutere un contratto con il Manchester United. Vediamo in questo articolo i pro e i contro di questa interessante operazione che interessa anche a noi italiani.

ANTONIO CONTE: PERCHE’ SI’

Partiamo da un presupposto: sono molti di più i pro che i contro di questo cambio in panchina. Solskjær, nella prima parte di stagione, ha palesato tre grandi problemi. In primis la gestione dei campioni che ha in rosa: ancora non ha trovato una quadra per farli giocare tutti insieme e spesso è costretto a lasciarne fuori qualcuno, indebolendo notevolmente la formazione. Seguono la scarsa tenuta difensiva con già quindici gol subiti in nove uscite e il poco carattere che il norvegese ha dimostrato nelle precedenti situazioni di difficoltà. Ecco, Antonio Conte sarebbe senza dubbio il profilo ideale perchè più di tutti è in grado di valorizzare i tre problemi fondamentali di Solskjær. Per quanto concerne la gestione dei top player ci basta ricordare che all’Inter il tecnico pugliese aveva undici titolari che cambiava solo in rare situazioni di emergenza o comunque di stretta necessità. Con uno come lui a Manchester giocherebbero tutti i più forti. In secondo luogo la tenuta difensiva, e anche qui ci è facile ricordare di come, in Italia, i grandi successi di Conte derivassero soprattutto da una difesa impeccabile per tutta la stagione. Prima la BBC a Torino, poi Skriniar, De Vrij e Bastoni a Milano ci danno l’idea di come anche all’Old Trafford l’italiano sarebbe in grado di trovare una soluzione. E poi il carattere, neanche lontanamente paragonabile alla pacatezza nordica dell’allenatore norvegese. Antonio Conte sa reggere la pressione e i momenti di difficoltà, e anche questo ce lo ha dimostrato a più riprese.

ANTONIO CONTE: PERCHE’ NO

Essenzialmente troviamo solo un grande no alla scelta dell’ex Juve e Inter sulla panchina del Manchester United. Antonio Conte non ha quasi mai preso una squadra a campionato in corso, ma è sempre stato abituato a lavorare fin dall’Estate, per conoscere pregi e difetti del suo gruppo. Abbiamo un solo precedente dell’allenatore pugliese che ha accettato un incarico a stagione già cominciata. Era il 2009 e Conte si sedette sulla panchina dell’Atalanta. Risultato? Esonero dopo 108 giorni anche a causa dei rapporti molto tesi con lo spogliatoio ed i tifosi. Ora, quel che è certo è che il Conte di oggi non è quello giovane ed inesperto di dodici anni fa e il Manchester United di CR7, Pogba, Sancho, Varane ecc non è l’Atalanta del 2009. Ma in effetti, a pensarci bene, lo stesso Conte aveva rifiutato nei periodi di pausa degli incarichi da metà stagione in poi.

Vedremo quindi come si evolverà questa situazione, la nostra speranza da italiani è di piazzare un altro big delle panchine in una delle squadre più rinomate del mondo. Un binomio molto interessante che, attenzione, può concretizzarsi già prima di questo weekend di campionato.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Dany Mota sul passato alla Juve: “Ronaldo gran persona, mi aiutò molto”

Pubblicato

:

È un Dany Mota emozionato quello presentatosi ai microfoni di DAZN nel post-partita di Juventus-Monza, sfida che ha visto i brianzoli trionfare sui ragazzi di Allegri grazie ai gol di Ciurria e del portoghese. Dany Mota ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

SULLA PARTITA – “È stata una partita perfetta sotto tutti i punti di vista, lavoriamo sempre per i 3 punti e abbiamo meritato la vittoria.”

IL GOL ALLO STADIUM E IL PASSATO ALLA JUVE – “È un giorno speciale, sono contento di essere tornato in questa casa. Sono felice per la vittoria.”

IL RAPPORTO CON RONALDO – “Cristiano mi ha aiutato molto in quei 6 mesi in bianconero, è una gran persona ed è stato molto utile nella mia crescita.”

 

Continua a leggere

Flash News

Le ufficiali di Lazio-Fiorentina: Italiano rilancia Gonzalez

Pubblicato

:

Nico Gonzalez

Le ufficiali di Lazio-Fiorentina, sfida che presenta un faccia a faccia molto interessante. I Viola lottano per un posto in Europa, mentre la Lazio di Sarri è fortemente coinvolto per la lotta ai primi 4 posti. Di seguito le formazioni ufficiali dell’incontro:

Lazio (4-3-3): Provedel; Marusic, Casale, Romagnoli, Hysaj; Milinkovic-Savic, Cataldi, Luis Alberto; Pedro, Felipe Anderson, Zaccagni. All.: Sarri.

Fiorentina (4-2-3-1): Terracciano; Dodò, Milinkovic, Ranieri, Biraghi; Amrabat, Barak; Jovic, Bonaventura, Gonzalez; Kouamé. All.: Italiano.

Continua a leggere

Generico

Lecce-Salernitana, scontri tra tifosi: sei denunciati

Pubblicato

:

lecce

Ancora scontri tra tifoserie. Dopo i tafferugli scoppiati solo qualche settimana fa tra tifosi del Napoli e della Roma e quelli tra ultras della Paganese e della Casertana, anche il match di venerdì tra Lecce e Salernitana è stato profondamente segnato dagli scontri.

Ben prima del match, erano stati predisposti dei protocolli speciali per impedire contatti tra tifosi e rafforzare dei controlli di polizia all’atto dell’ingresso dei tifosi allo stadio. Inoltre, le autorità locali avevano vietato l’introduzione di diversi oggetti all’interno dell’impianto. All’arrivo del bus dei tifosi granata, gli ultras della compagine giallorossa hanno lanciato un grosso involucro contenente mazze, catene, manganelli, artifici pirotecnici, fumogeni e bombe carta.

In seguito ai controlli delle forze dell’ordine all’interno del bus granata, sono stati rinvenuti coltelli e oggetti di metallo, nonostante fosse vietato.

Al termine del match, concluso senza incidenti, la Questura di Lecce ha aperto un procedimento disciplinare per l’irrogazione del daspo nei confronti dei sei ultras maggiormente coinvolti nei tafferugli.

Continua a leggere

Generico

Milan-Sassuolo, le formazioni ufficiali: CDK c’è, spazio a Krunic in mediana

Pubblicato

:

Pioli

Dopo 4 punti nelle prime due gare contro Salernitana e Roma, il Milan è incappato in una crisi sorta dopo l’eliminazione in Coppa Italia contro il Torino. Essa ha comportato strascichi dimostratisi nella Supercoppa Italiana, con una sconfitta per 3-0 contro l’Inter, e nell’umiliante 4-0 subito dalla Lazio all’Olimpico pochi giorni. I ragazzi di Pioli adesso sfidano un Sassuolo, quartultimo e con un solo punto ottenuto nelle ultime 4 partite e con una vittoria che manca da ottobre.

L’infortunio di Tomori, le opzioni in difesa per Pioli sono piuttosto limitate, con Theo che ritorna tra i titolari. Con Bennacer squalificato, spazio a Krunic in mediana e fiducia a De Ketelaere sulla trequarti.

In casa Sassuolo ritorna tra i titolari Andrea Consigli, con Obiang in mediana insieme a Frattesi. Confermato il tridente Berardi, Defrel, Laurienté.

FORMAZIONI UFFICIALI

MILAN (4-2-3-1)Tatarusanu: Calabria, Kalulu, Gabbia, Theo Hernandez; Tonali, Krunic; Saelemaekers, De Ketelaere, Rebic; Giroud

SASSUOLO(4-3-3): Consigli; Marchizza, Erlic, Tressoldi, Rogerio; Frattesi, Obiang, Traoré; Berardi, Defrel, Laurienté.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969