Connect with us

Flash News

Antonio Conte, i passaggi principali della conferenza stampa

Pubblicato

:

A introdurre il ritiro di Lugano dell’Inter, Antonio Conte ha rilasciato la sua conferenza stampa di presentazione da allenatore dei nerazzurri.

Questi i passaggi principali.

Sulla sua scelta:

È stato semplice scegliere l’Inter perché ci siamo ritrovati ad avere la stessa visione, la presenza di Marotta è stata un valore aggiuntivo. Mi ha spinto ad accettare l’Inter, una società con grande ambizione, una delle più importanti al mondo e per me è stato semplice accettare.

Sugli obiettivi dell’Inter:

Io sono una persona che non si pone limiti. Oltre la Juventus c’è anche il Napoli che ha dimostrato con grande lavoro e serietà di poter competere e stare ad ottimi livelli. dobbiamo partire con ambizione e dare il meglio di noi stessi. se qualcuno non ha lo scopo della vittoria, è giusto che in maniera molto onesta si faccia da parte e noi da questo punto di vista dovremo essere molto chiari. Poi ci saranno i calciatori, confido molto nelle capacità di questa rosa e sono convinto che potremo costruire qualcosa di importante, anche se non sarà facile.

Sulle speranze di scudetto:

Devo avere la percezione di avere anche solo l’1% di possibilità di poter vincere, che significa avere anche il 99% di possibilità di poter perdere. Però mi piace lavorare su quell’1%. C’è la Juve che fa un campionato a parte da 8 anni, c’è il Napoli che si è assestato, sono squadre collaudate. Non dimentichiamo che l’Inter si è qualificata in Champions all’ultima giornata per due anni consecutivi. Il gap c’è ma non deve essere un alibi. 

L’obiettivo triennale:

L’obiettivo è un obiettivo comune, che ho io e che ha il club. Costruire qualcosa di importante, quello di mettere le basi per tornare ad essere competitivi come l’Inter era un bel po’ di tempo fa. 

Le sfide contro la Juventus:

Sarà una partita importante, importantissima perché andremo a sfidare i detentori del titolo da 8 anni. Saranno due partite importanti, ma ce ne sono altre 36. Tutti conoscono la mia storia, sapete il mio passato e quindi ci sarà sicuramente emozione fin quando ci sarà il fischio d’inizio. Poi diventerò un allenatore, saprò che la Juventus sarà un avversario per noi. 

Su Spalletti:

E’ giusto sottolineare i meriti di Spalletti in questi due anni. Luciano è arrivato all’Inter dopo anni dove non si entrava in Champions e ha fatto quello che la società gli ha chiesto. Mi lascia una buona base, lo ringrazio per il lavoro svolto. dobbiamo cercare di alzare l’asticella e di raggiungere il prossimo step, avvicinandoci a chi ci sta avanti senza guardare indietro. 

Sulla difesa a 3:

Diverse volte mi è capitato di partire con un’idea e cambiare poi in corso d’opera. Il roster difensivo dell’Inter ha giocatori fortissimi. Non parlo solo di De Vrij, Skriniar e Godin, ma anche di D’Ambrosio, Ranocchia e Bastoni, che giocherebbero titolari ovunque in Serie A. 

Su Nainggolan e Icardi:

Per quello che riguarda questo discorso, penso che il club abbia avuto il tempo necessario per valutare bene la situazione, per prendere decisioni e poi per agire. Io per quello che ho fatto, mi sono totalmente allineato al club. Io e il club dobbiamo essere un’unica cosa e ripeto, totalmente allineato alla linea del club.

Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram ufficiale Inter

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Belgio, incidenti in strada causati dai festeggiamenti marocchini

Pubblicato

:

Marocco

Come è ormai noto, il Marocco ha battuto il Canada nell’ultimo turno del Gruppo F e si è qualificato come primo agli ottavi di finale di Qatar 2022. All’Al Thumama Stadium di Doha è terminata 2-1 per i nordafricani, grazie alle reti di Ziyech ed En-Nesyri. Con questo risultato la squadra di Regragui chiude a 7 punti in classifica, lasciandosi alle spalle Croazia e Belgio.

È risaputo che in Belgio ci sia una grande percentuale di marocchini, causa emigrazione. E ieri, dopo la la vittoria contro il Canada non hanno potuto fare a meno di scendere a festeggiare per le strade, in particolare quelle di Bruxelles. Come riporta Michele Criscitiello di Sportitalia, nel centro cittadino della capitale belga, sono stati segnalati alcuni piccoli incidenti causati da diverse centinaia di tifosi marocchini che si sono radunati dopo la vittoria contro il Canada.

Continua a leggere

Calciomercato

Il Liverpool guarda in casa della Fiorentina: interessamento per Amrabat

Pubblicato

:

Amrabat

Il Liverpool di Jurgen Klopp avrebbe messo tra i suoi obiettivi un centrocampista in vista della sessione di mercato di gennaio, e uno dei nomi presi in considerazione sarebbe quello di Sofyan Amrabat.

Secondo il The Sun infatti, le prestazioni sontuose che Amrabat sta mettendo in mostra al Mondiale hanno attirato su di sé le attenzioni dei Reds, che sarebbero disposti a mettere sul piatto un contratto economicamente superiore rispetto a quello attualmente percepito dal marocchino alla Fiorentina.

Resta da capire quanto il Liverpool sarà disposto a mettere sul piatto, e soprattutto se vorrà affondare il colpo già a gennaio o aspettare la prossima estate, quando il contratto di Amrabat sarà arrivato ad un anno dalla scadenza. La Fiorentina in quel caso dovrà valutare se cedere il giocatore o attivare l’opzione per il rinnovo di un altro anno.

Continua a leggere

Flash News

Pjanic sulla Juve: “Stimo molto Agnelli, Chiellini lo vedrei bene. Allegri è un vincente”

Pubblicato

:

Pjanic

È la notizia che più sta tenendo banco dal momento in cui a sorpresa è arrivata, quella delle dimissioni del CdA della Juventus. E ogni giorno si aggiungono dettagli, sfumature e pareri, tra questi anche di chi ha vestito la maglia bianconera durante la presidenza di Andrea Agnelli. Uno di questi è Miralem Pjanic, che intervistato alla Gazzetta dello Sport ha manifestato nuovamente la sua vicinanza all’ormai ex presidente juventino:

Lo stimo molto, per questo mi hanno fatto effetto le dimissioni. Durante il nostro primo incontro, mi disse che dovevamo puntare a vincere tutto. Non a caso è il presidente più titolato nella storia della Juventus. Immagino che la sua scelta sia stata per il bene del club. Sono tanti gli ex che vedrei bene in società, a cominciare da Chiellini: lui conosce diversi aspetti del mondo del calcio. Allegri? Non esiste la persona giusta per queste situazioni. Esistono quelli che ottengono i risultati e Max è uno di questi. Ce la farà anche stavolta, come sempre“.

Continua a leggere

Calciomercato

Napoli, a gennaio si punta ad Ilic del Verona

Pubblicato

:

Lazio, Sarri ha richiesto Ilic per sostituire Luis Alberto

Il Napoli prosegue spedito verso il campionato, mentre per il mercato invernale la strategia delineata è chiara: se non parte nessuno non arriva nessuno. Il centrocampo è il punto focale del mercato invernale dei partenopei, con Demme in partenza e già il nome dell’eventuale sostituto.

IL MERCATO DEL NAPOLI

Secondo quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, Diego Demme, ormai fuori progetto, potrebbe lasciare la squadra di Luciano Spalletti. Al suo posto, l’indiziato numero uno è Ivan Ilic, valutato dal Verona 25 mln di euro. Il Napoli, forte anche del buon rapporto con gli scaligeri testimoniato dagli affari Rrahmani e Simeone, proverà sicuramente il colpo. Da non sottovalutare la possibile formula: l’ipotesi più accreditata, infatti, sarebbe quella del prestito con diritto di riscatto.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969