Connect with us
L'Argentina passa agli ottavi di Qatar 2022 se...

Flash News

L’Argentina passa agli ottavi di Qatar 2022 se…

Pubblicato

:

Messi

L’ARGENTINA PASSA AGLI OTTAVI DI QATAR 2022 SE… – Entra nel vivo la terza giornata della fase a gironi dei Mondiali e con essa arrivano i primi verdetti. Se alcune squadre hanno già staccato il pass per la fase eliminatoria – il Portogallo l’ultima in ordine di tempo – altre sperano di poter sorridere e di non dover chiudere le valigie per tornare a casa.

Una delle nazionali il cui destino è tutt’altro che deciso è l’Argentina, una delle super favorite alla vigilia dei campionati mondiali. La Selección arrivava a Qatar2022 forte dei successi dell’ultimo anno, con la vittoria della Copa America 2021 in finale contro il Brasile e il trionfo nella Finalissima contro l’Italia. Oltre all’eccezionale stato di forma degli uomini di Scaloni, il favore dei pronostici era indubbiamente dettato dal fatto che questo sarà l’ultimo Mondiale di un mostro sacro che risponde al nome di Lionel Messi. Poter vedere La Pulga sollevare al cielo l’unico trofeo assente dal suo palmarès nell’ultima opportunità disponibile rappresenta per molti un sogno tanto romantico quanto non impossibile.

INIZIO COMPLICATO, MA C’È ANCORA SPERANZA

Tuttavia la spedizione in Qatar non è iniziata nel migliore dei modi. Il clamoroso tonfo contro l’Arabia Saudita ha di fatto rimescolato le carte in tavola, ponendo l’Albiceleste in una posizione parecchio scomoda. Il pareggio tra Polonia e Messico, le altre due componenti del gruppo C, ha costretto Messi e compagni a chiudere la prima giornata da fanalino di coda.

La seconda giornata sembra aver raddrizzato le sorti dell’Argentina. Con la vittoria ai danni del Messico e la vittoria della Polonia contro l’Arabia Saudita, la speranza di passare il girone è tornata in vita. Bisognerà lanciare il cuore oltre l’ostacolo nel match che chiuderà la fase a gironi, contro una Polonia forte della prima posizione in classifica ma che non è ancora certa della qualificazione.

L’ARGENTINA PASSA AGLI OTTAVI DI QATAR 2022 SE…

Allo stato attuale, tutte le componenti del girone C possono qualificarsi alla fase ad eliminazione diretta. La classifica attuale vede la Polonia al primo posto a quota 4 punti, seguita proprio dall’Argentina con 3 punti. Terzo posto ricoperto dall’Arabia Saudita, a pari punti con l’Argentina ma attualmente dietro per differenza reti; ultima posizione per il Messico, con un solo punto. Le possibilità di vedere l’Albiceleste agli ottavi di finale dunque rimangono piuttosto alte.

Se l’Argentina dovesse vincere, arriverebbe la qualificazione a prescindere dal risultato finale di Arabia Saudita-Messico. Unico nodo da sciogliere sarebbe il posizionamento finale: la nazionale sudamericana passerebbe il turno da seconda solo nel caso in cui l’Arabia Saudita, forte dello scontro diretto, dovesse vincere con un margine di gol tale da pareggiare la differenza reti dell’Argentina, attualmente sopra di due gol.

Se l’Argentina dovesse pareggiare, sfumerebbe la possibilità di vittoria del girone. La Polonia rimarrebbe infatti avanti e passerebbe da prima, mentre per qualificarsi Messi & Co. dovrebbero confidare nel fatto che l’Arabia Saudita non vinca contro il Messico. Un pareggio o una sconfitta della nazionale saudita permetterebbe ai sudamericani di mantenere la seconda posizione del gruppo e assicurerebbe dunque la qualificazione.

Se l’Argentina dovesse perdere, le possibilità di qualificazione rasenterebbero lo zero. Infatti se l’Arabia Saudita dovesse vincere o pareggiare staccherebbe il biglietto per gli ottavi. In caso di sconfitta dell’Arabia Saudita, l’Albiceleste (con differenza reti attuale pari a +1) riuscirebbe a superare il girone soltanto se il passivo inflitto dalla Polonia non dovesse essere tale da consentire al Messico (con differenza reti attuale pari a -2) il sorpasso per differenza reti.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Makengo ai saluti, c’è l’accordo con il Lorient

Pubblicato

:

Jean-Victor Makengo è stato uno dei giocatori più importanti per l’Udinese di Sottil nel corso della prima parte di stagione. Nella giornata di oggi però i bianconeri avrebbero trovato l’accordo per la cessione del giocatore francese: come riportato da Nicolò Schira, il calciatore si trasferirà al Lorient a titolo definitivo per 13 milioni. Per Makengo è pronto un contratto che lo legherà al club della Bretagna fino al 2027. Con la maglia dell’Udinese ha messo a segno una rete in 66 presenze e tornerà a giocare nella Ligue 1 dopo le sue passate esperienze al Caen, al Nizza e al Tolosa.

Continua a leggere

Calciomercato

Continua l’asse Firenze-Genova per Sabiri: le ultime

Pubblicato

:

Dopo l’annuncio dell’acquisto di Brekalo, la Fiorentina tratta ora con la Sampdoria per Abdelhamid Sabiri, trequartista marocchino classe ’96. L’offerta della Viola è di 2 milioni di euro, per acquistare il calciatore e lasciarlo in prestito alla Samp fino al termine della stagione, considerando l’importanza di Sabiri per la squadra di Stankovic.

I blucerchiati però non sono soddisfatti e chiedono il doppio, circa 4 milioni. Nei prossimi giorni, secondo quanto riportato da Gianluca Di Marzio, ci saranno nuovi incontri tra le due società.

La Fiorentina spinge per chiudere subito la trattativa, ma la Sampdoria ha già fatto il prezzo. A noi non resta che attendere gli sviluppi.

Continua a leggere

Flash News

Spalletti: “Queste partite si vincono con la panchina!”

Pubblicato

:

Spalletti

Luciano Spalletti ha analizzato ai microfoni di DAZN la vittoria del suo Napoli contro la Roma per 2-1:

PANCHINA“Queste partite le vinci se fai vedere di essere determinato a vincere da un magazziniere fino all’ultimo della panchina. Quelli che sono entrati hanno dimostrato che c’erano già dalla panchina. Questa è una qualità fondamentale. Se tutti non sono concentrati sul lavoro quotidiano, tutti entusiasti di giocare con il compagno diventa difficile”.

APPORTO DEI TERZINI“Li teniamo molto dentro al campo perché hanno queste caratteristiche. Questo lo facciamo per evitare le scalate sulle fasce. Abbiamo avuto poco coraggio di costruire oggi e poca qualità rispetto al solito”. 

OSIMHEN“Non è stato bravissimo a leggere la profondità su Smalling. Ha fatto un grandissimo gol, ha una botta incredibile sui piedi. Lui è molto forte fisicamente, accetta il contrasto”.

CONCORRENZA“Non si può sempre far giocare i soliti e aspettare che possano usare tutto il tempo a disposizione dimenticando il lavoro settimanale. La voglia di dimostrare è importante, perché altrimenti non siamo allenatori concreti. All’inizio dell’anno Simeone e Raspadori ci hanno fatto passare il turno in Champions e tutti danno un apporto importante”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Real Madrid-Real Sociedad 0-0, le pagelle: un super Remiro ferma i Blancos

Pubblicato

:

Vinicius

Ecco le pagelle di Real Madrid- Real Sociedad, il big match della ’19 giornata di Liga terminato 0-0. Un pareggio che fa più comodo ai baschi che agli uomini di Ancelotti, che adesso vedono allontanarsi il Barcellona, sempre più primo in classifica a +5 dal Real Madrid.

Pur terminando a reti bianche, il primo tempo è molto combattuto e giocato ad alto ritmo da entrambe le squadre. Per i baschi è Illarramendi a sfiorare il gol. Ribattono i Blancos, spinti da un Vinicius Jr decisamente in palla, ma le azioni del brasiliano vengono ribattute dal portiere Remiro. Nel finale di frazione il Madrid impegna più volte il portiere avversario con i tentativi di Kroos, Valverde e ancora Vinicius, ma Remiro mantiene la porta inviolata.

Combattuto anche il secondo tempo, dove i protagonisti sono il solito Vinicius, Takefusa Kubo e, soprattutto, i due portieri. Alle giocate del numero 20 delle Merengues risponde sempre il portiere basco. E allo stesso modo Courtois respinge prima sul giapponese, poi su un tentativo a botta sicura di Navarro. Nel finale i padroni di casa provano in tutti i modi di sbloccare il match, ma la sfida termina a reti bianche. Ecco le pagelle di Real Madrid-Real Sociedad.

LE PAGELLE DEL REAL MADRID

Courtois 7: Si rende protagonista su due interventi grandiosi su Kubo e Navarro nel secondo tempo, grazie al quale il Madrid mantiene la porta inviolata.

Nacho 6: I suoi compiti sono, più che altro, difensivi e limita le sue sgroppate in avanti per dar più peso alla fase di copertura.

Militao 6: Buona presenza in area di rigore per il centrale brasiliano. Anche grazie a lui i Courtois non subisce gol.

Rüdiger 6: Come per Militao, una buona prestazione anche per lui. Messo in difficoltà solo quando Take Kubo ha deciso di accendersi. Per il resto è sempre accorto.

Camavinga 6,5: Oggi nell’insolita posizione di terzino sinistro, per lui comunque una buonissima prestazione, fatta di corsa e anche qualche giocata nella trequarti offensiva.

Kroos 5,5: Un oscuro lavoro di regia per il tedesco, che però non sembra nella sua migliore giornata e non è incisivo per il gioco dei suoi.

Valverde 5,5: Stavolta il Pajarito gioca sottotono non offrendo i suoi soliti sprazzi di talento. (Dal ’78 Asensio sv).

Ceballos 6,5: Chiamato a far rifiatare Modric, offre comunque molti lampi e crea linee di passaggio importanti. (Dal ’78 Modric sv).

Rodrygo 6: Più in palla nel primo tempo, si spegne nella seconda frazione, dove non entra quasi mai nel vivo del gioco.

Vinicius Jr. 7: Il brasiliano vive una serata da assoluto protagonista. Sicuramente il migliore dei suoi per occasioni create e giocate che fanno ammattire la difesa basca. Tra lui e il gol si frappone solo la strepitosa prestazione di Remiro.

Benzema 5,5: Il francese gioca una partita più silenziosa, lascinado a Vinicius il compito di far male agli avversari. Nonostante qualche spunto interessante, è comunque troppo poco per il Pallone D’oro in carica.

Ancelotti 5,5: Purtroppo Re Carlo stavolta non riesce a vincere. I suoi cambi non danno l’esito sperato e, tra l’altro, avrebbe potuto anticipare l’ingresso in campo di Modric (entrato al ’78) per tentare un affondo più deciso contro gli avversari.

LE PAGELLE DELLA REAL SOCIEDAD

Remiro 8: In assoluto il migliore in campo. Se la Real Sociedad esce imbattuta dal Bernabeu, questo è sicuramente merito dei suoi prodigiosi interventi.

Elustondo 6: Una buona prestazione di spinta, meno buona in copertura su uno straripante Vinicius. Costretto al cambio per un infortunio al ’66. (Dal ’66 Olasagasti 6: Forse il suo ingresso in campo non rientrava nei piani di Alguacil, ma non si fa comunque trovare impreparato quando è chiamato in causa).

Le Normand 6,5: Difesa attenta e con poche sbavature per il centrale francese, che si conferma come uno dei migliori difensori il Liga.

Zubeldia 6,5: Come il suo collega di reparto, anche per lui una buonissima prestazione contro il Pallone d’Oro Karim Benzema.

Munoz 6: Fa, tutto sommato, buona guardia contro Rodrygo. La sua sostituzione al termine del primo tempo è dettato da ragioni puramente tattiche. (Dal ’46 Diego Rico 6: Messo in campo per dare più spinta ai suoi, si fa vedere in un paio di occasione in avanti ma la sua prestazione si limita a questo).

Zubimendi 6: Fa da filtro a centrocampo e costringe spesso il Madrid a cercare le fasce laterali grazie al suo lavoro di copertura.

Brais Mendez 5,5: Il suo errore in disimpegno sul finale del primo tempo poteva essere letale. Fortunatamente Remiro ci mette una pezza. (Dal ’55 Navarro 5,5: Sui suoi piedi un ghiottissima opportunità nel secondo tempo, ma si lascia ipnotizzare da Courtois).

Illarramendi 6: L’ex della sfida ha una grande occasione in apertura del match, ma manca di pochissimo il gol. Per il resto una solida prestazione per lui

Oyarzabal 6: Di rientro dopo l’infortunio al crociato, deve sicuramente ritrovare la forma migliore. Poco appariscente nei suoi 55 minuti in campo. (Dal ’55 Pablo Marin 5,5: Solo qualche sprazzo per lui nel finale. Per il resto non riesce a incidere sul match.).

Kubo 7: Grandissima prestazione per l’esterno giapponese, che è l’uomo più pericoloso per la Real Sociedad. È una spina nel fianco per la difesa madridista e le sue occasioni vengono murate da un ottimo Courtois.

Sørloth 5,5: Il centravanti norvegese resta in ombra nel primo tempo e nel secondo non concretizza l’unica occasione capitatagli fra i piedi. (Dal ’84 Fernandez sv).

Alguacil 6,5: Imposta una gara attenta ma senza comunque tralasciare la fase offensiva, chiudendosi a riccio solo nei minuti conclusivi dell’incontro. Ne sono una prova le numerose occasioni dei suoi. È vero, Remiro lo ha aiutato molto, ma il tecnico basco ha comunque approcciato questo big match in maniera corretta.

 

 

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969