Connect with us
Arsenal, l’alternativa a Dusan Vlahovic viene dalla Spagna

Calcio Internazionale

Arsenal, l’alternativa a Dusan Vlahovic viene dalla Spagna

Pubblicato

:

Arsenal

L’Arsenal ha come primo obiettivo Dusan Vlahovic. Tuttavia, la trattativa attorno al serbo è tutt’altro che semplice.
Oltre ai costi molto alti, c’è da tenere in considerazione la volontà dell’attuale 9 viola, che sta spingendo sempre più per il trasferimento in bianconero.
Ecco quindi che i Gunners iniziano a guardarsi intorno per un attaccante che possa sostituire Aubameyang, ormai (quasi) sicuro partente.

ARSENAL, SI VALUTA DE TOMÁS

La principale candidatura sembra essere quella di Raúl De Tomás. L’attaccante dell’Espanyol piace molto ad Arteta, e l’Arsenal sembra pronto ad affondare il colpo.

Da tempo infatti sono giunti in Spagna numerosi osservatori inglesi, che sembrano sempre più convinti della punta dell’Espanyol.

Tuttavia, il calciatore non interessa solo al club di Arteta, ma anche al Leicester, al West Ham e al Leeds.

Ad oggi, il club catalano non sembra essere disposto a trattare. Per questa finestra di gennaio, il calciatore è assolutamente incedibile, in quanto fondamentale per il club.
De Tomàs ha una clausola rescissoria di 70 milioni di euro. La sensazione è che in estate troveremo club disposti a mettere sul piatto tale cifra. L’Arsenal visiona e attende.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio Internazionale

Ancelotti sul futuro: “Nazionale? Sarebbe bellissimo, ma siamo in buone mani”

Pubblicato

:

Ancelotti

Nella seconda serata di oggi andrà in diretta su Rai 1, per il programma TV7, un’intervista di Carlo Ancelotti sul futuro da madridista, ma non solo. Chiaramente le voci sul suo possibile approdo sulla panchina del Brasile, più si avvicina il termine della stagione, più si fanno calde. Il contratto del tecnico scade il 30 giugno 2024, e ciò che sarà nel destino dell’uomo da 6 Champions, due da giocatore, quattro da allenatore, rimane un mistero. Di seguito le parole estrapolate dalle anticipazione dell’intervista pubblicate sino a ora.

ANCELOTTI SUL FUTURO INCERTO – LE PRIME DICHIARAZIONI

SUL BRASILE – “Sicuramente c’è interesse, ma il contratto col Real scade il 30 giugno 2024, c’è tempo per prendere la decisione corretta. Io mi trovo molto bene qua, ma chiaramente i matrimoni si fanno sempre in due“.

SULLA POSSIBILTÀ DELLA PANCHINA AZZURRA – “Chiaramente sarebbe bellissimo, ma ora siamo in buone mani. Spalletti è un grande allenatore, l’ha dimostrato continuamente ed è molto intelligente, al passo coi tempi“.

SU ALLEGRI E MOURINHO – “Io, Allegri e Mourinho siamo la vecchia generazione, pratica, che lotta con la nuova generazione. Allegri magari non entusiasma, da quello che leggo, ma ha riportato la Juve ai primi posti“.

BELLINGHAM È UN FUORICLASSE? – “Sì, lo è, un grande talento“.

CERTEZZE SUL FUTURO – “Farò il nonno… Non sono un buon educatore, tutto quello che mi chiedono i nipoti io do”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Origi al Nottingham è un flop: potrebbe tornare al Milan a fine stagione

Pubblicato

:

Origi

Il futuro di Divock Origi potrebbe essere nuovamente al Milan. La scorsa estate il centravanti belga è stato ceduto in prestito al Nottingham Forrest, in Premier League. Fino ad ora, però, la sua esperienza inglese si è rivelata un vero e proprio flop: appena 152′ giocati, senza mai lasciare il segno.

Secondo quanto riportato da Tuttosport, quindi, il rischio è che Origi possa far ritorno al Milan a fine stagione. Il Nottingham detiene un’opzione di riscatto a 5 milioni di euro ma, allo stato attuale, non ci sarebbe la volontà di acquistarlo a titolo definitivo. Il futuro di Origi, dunque, è ancora tutto da scrivere.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Ancelotti ironizza: “In Arabia per 500 milioni? Ci andrei a piedi”

Pubblicato

:

Real Madrid Ancelotti

Alla vigilia di Betis-Real Madrid, sedicesima giornata di Liga, Carlo Ancelotti ha parlato in conferenza stampa. Il tecnico dei Blancos si è soffermato sulla scelta del golfista spagnolo Jon Rahm di trasferirsi in Arabia Saudita per 550 milioni. Queste le sue dichiarazioni.

LE DICHIARAZIONI DI ANCELOTTI

ARABIA SAUDITA – “Io andrei a piedi, non ho bisogno di prendere l’aereo. Ovviamente scherzo, il mondo sta cambiando e cambierà. Non mi hanno chiamato e vivo nel presente. Ho un’altra idea che non è quella. Per me l’importante è sentirsi bene, non ho mai guardato i soldi. Sono cresciuto in una famiglia in cui i soldi non erano importanti”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Lewandowski: “Sto bene a Barcellona. Ritiro? Tra 3-4 anni”

Pubblicato

:

Robert Lewandowski si è trasferito dal Bayern Monaco al Barcellona due estati fa. Il suo impatto in blaugrana è stato molto importante e ha contribuito alla conquista della Liga. Quest’anno è a 8 goal e 4 assist in 17 partite. Uno score importante che non sembra far trasparire la sua età avanzata di 35 anni. Il suo contratto che lo lega agli spagnoli è fino al 2026, con opzione di rinnovo per un anno. Insomma, potenzialmente potrà giocare fino alla stagione 2026/2027, a 39 anni. E sembra voler rispettare a pieno questo contratto, sia per quanto riguarda la permanenza in Spagna, sponda Barcellona, che per la forma fisica, che gli consentirà di giocare, a suo avviso, altri 3-4 anni.

LE ASPETTATIVE DEI TIFOSI – “So che siamo il Barcellona e tutti si aspettano da noi non solo la vittoria, ma anche tanti gol. All’inizio della stagione non è stato tutto perfetto: se non si creano occasioni, è difficile segnare”.

L’ADATTAMENTO DI LEWANDOWSKI –  “Mi sento molto bene, mi sostengono tutti non solo all’interno del club, ma anche fuori. Sono ne posto giusto al momento giusto. L’anno scorso o due anni fa, quando ancora non ero qui, ho visto che c’erano molte questioni legate al futuro del club ma ora penso che siamo sulla strada giusto”.

IL RITIRO DI LEWANDOWSKI – “Non penso a quello che ho già vinto o a quello che ho già fatto. Ho ancora una grande passione dentro di me. Penso che potrò giocare a calcio ancora per tre o quattro anni, perché fisicamente mi sento molto bene”.

ROBERT ALLENATORE – “Futuro da allenatore? Quando penso alla mia carriera professionale e agli allenatori che ho incontrato, penso che sia incredibile. Non so quanti giocatori possano dire di aver avuto nomi così grandi. Mi sento fortunato perché ho imparato tanto e, ovviamente, quando guardo il calcio lo vedo in modi diversi. Sarà difficile vivere senza essere un calciatore, ma essere un allenatore… so che è un lavoro molto difficile”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969