Connect with us

Fantacalcio

Tanti auguri a Ciccio Caputo: l’ultimo alla Samp?

Pubblicato

:

Francesco Caputo, per tutti Ciccio, negli ultimi anni è stato un vero proprio idolo dei tanti tifosi italiani anche di fede diversa fra quelle dell’Empoli, del Sassuolo e ora della Sampdoria. Un ragazzo partito dall’oratorio di Altamura, attraversando tutte le categorie fino a diventare capitano della squadra per cui ha sempre fato il tifo e dove è cresciuto come uomo: il Bari.

“Da ragazzo andai a vedere una partita del Bari nel periodo delle contestazioni. In curva eravamo solo io ed il mio mister. Gli dissi che il mio sogno sarebbe stato quello di giocare al San Nicola. Ed è lì che fissai il mio primo obiettivo.”

Alle prime difficoltà però, dopo le tante superate per raggiungere la Serie B, si aggiunge lo scandalo del calcioscommesse che lo lascia fuori per un anno dai campi, sino a ritornare con la maglia dei biancorossi per poi abbandonarli definitivamente nel 2015.

Con tanta forza di volontà poi, l’attaccante pugliese, si è posto un nuovo obiettivo: raggiungere la Serie A. Prima ci ha provato con la Virtus Entella, confermando le sue ottime capacità realizzative di Bari, poi si è concretizzato all’Empoli, con cui ha raggiunto la massima categoria italiana. Da li poi, la via è stata in discesa, passando tra le maglie di Sassuolo e Sampdoria, per far esultare con i suoi gol i tifosi, ma soprattutto, i fantallenatori, di cui ne fa parte.

“Certo che mi compro. Io punto tutto su di me”.

LA CAVALCATA

Caputo, ragazzo umile cresciuto giocando a calcio, ha dimostrato che i sogni si possono sempre realizzare. Infatti, la sua permanenza definitiva in Serie A, dopo qualche spezzone giocato circa 10 anni prima con la maglia del Bari, è arrivata con l’Empoli. Con la maglia dei toscani Ciccio probabilmente ha trovato il contesto migliore di tutta la sua carriera, chiudendo a quota 26 gol la stagione della promozione dalla B alla A del 2017/2018.

Dalla stagione 2018/2019, l’attaccante pugliese non si è più mosso dalla massima categoria. Dopo la sofferta retrocessione con l’Empoli, Caputo chiude la sua vera prima stagione in Serie A con 16 gol. Le sue prestazioni non passano quindi inosservate e tante squadre di bassa e media classifica vogliono aggiudicarsi le sue prestazioni. A spuntarla, è il Sassuolo di De Zerbi, che aggiunge al suo gioco offensivo e fatto di possesso palla un giocatore adatto alla sua idea di calcio.

I risultati per l’attaccante non si fanno di fatto attendere. La prima delle due stagioni vissute a Sassuolo sarà infatti la migliore di tutta la sua carriera. Chiude con 21 gol e si piazza al secondo posto insieme a Duvan Zapata, dietro solo a Cristiano Ronaldo, per la classifica di reti realizzate senza contare i calci di rigore. Passa un altro anno e Caputo non si ripete ma chiude comunque in doppia cifra a 11 gol. L’ultima stagione invece ha visto un clamoroso cambio di maglia di fine calciomercato. La Sampdoria infatti acquista dal Sassuolo l’ex numero 9 neroverde, con la società guidata ormai da Giovanni Carnevale che accetta consapevole di avere in casa due ragazzi dalle ottime prospettive da far crescere (Raspadori e Scamacca).

IL FANTACALCIO E LE VOCI DI MERCATO

Dopo un primo brutto periodo, il nuovo numero Diez blucerchiato riesce a trovare la via giusta, raggiungendo ancora una volta la doppia cifra, che ottiene da ben quattro  campionati di fila.

“Bevo birra con l’imbuto, ubriachi di Ciccio Caputo.”

Dopo aver visto tanti suoi gol in Serie A e la sua tipica esultanza con la mano che simboleggia una bevuta, è questa una delle frasi più sentite negli ultimi anni nel gioco del Fantacalcio. Ed inoltre, c’è anche un significato dietro alla sua esultanza. Infatti Caputo è un produttore di birra, la cosiddetta “Birra Pagnotta”, che produce nella sua Altamura insieme ad altri suoi amici. Così per festeggiare ogni sua rete, alza il pollice per far esultare i suoi tifosi e i suoi fantallenatori.

Come detto infatti in precedenza, Ciccio non è amato solo dai tifosi del suo club, ma anche da tantissimi altri. Sono tanti i tifosi italiani che giocano al Fantacalcio e sono quindi tanti coloro che questi hanno esultato per ogni suoi gol. Quest’anno, però, in vista dell’asta, bisognerà fare attenzioni alle voci di mercato che rumoreggiano una possibile partenza da lui però negata anche in maniera importante:

“Né io né il mio procuratore abbiamo avuto a che fare con la Lazio, e dico Lazio perché mi si accosta sempre a loro, ma neanche con altre squadre. Voglio ribadirlo, è da fine campionato che si parla di questa storia e mi ha rotto un po’ le scatole, si scrive tanto ma non c’è nulla di vero, giuro. Ho due anni di contratto alla Samp, sono felice, ho l’obiettivo di rimanere, non capisco perché continuano a uscire queste voci.”

Non resterà altro che avere solo fiducia per Caputo. Perchè d’altronde si sa, un Ciccio è per sempre.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fantacalcio

Chi è D’Andrea, il 2004 titolare con il Sassuolo

Pubblicato

:

chi è d'andrea

CHI E’ D’ANDREA, IL 2004 TITOLARE CON IL SASSUOLO- Complice l’infortunio di Berardi, Alessio Dionisi è stato costretto ad inventarsi un nuovo tridente in vista della sfida contro il Torino di ieri sera. Tutti si aspettavano che il tecnico ex Empoli schierasse Geōrgios Kyriakopoulos, tuttavia Dionisi ha stupito tutti lanciando nella mischia sin dal 1′ Luca D’Andrea, attaccante classe ’04 proveniente dal settore giovanile della Spal.

CHI È LUCA D’ANDREA

D’Andrea inizia la sua carriera calcistica nella scuola calcio Azzurri di Torre Annunziata. Lì comincia a muovere i suoi primi passi nel mondo del calcio e ad appena 15 anni viene già visionato e prelevato dalla Spal. A Ferrara trascorre gli anni più importanti di tutto il settore giovanile, dall’U15 fino all’U19. Da ricordare l’annata 20/21 con la maglia biancoazzura dell’U17. Di fatti, D’Andrea è stato uno dei protagonisti assoluti della splendida cavalcata verso la storica semifinale scudetto del campionato Under 17.  Lo scorso anno, dopo aver ben figurato con la Spal durante la prima parte del campionato Primavera1 , viene acquistato a titolo definitivo dal Sassuolo. I neroverdi lo aggregano al gruppo dell’U19, col quale D’Andrea trova 17 gol conditi da 6 assist alla sua prima stagione a Reggio Emilia.

Quest’anno è arrivata poi la prima convocazione in prima squadra. Infatti, durante il ritiro estivo di Vipiteno, il tecnico Dionisi aggrega il giovanissimo calciatore alla prima squadra. Con loro farà tutto il pre campionato, comprese alcune amichevoli estive. All’inizio del campionato viene rimandato nella Primavera di mister Emiliano Bigica, che lo schiera titolare per 4 partite su 5, durante le quali trova un  bottino di 3 assist ed 1 gol. Le sue prestazioni non passano inosservate da mister Dionisi, che prima lo convoca per i match contro Milan e Cremonese e poi lo schiera titolare nell’ultima partita contro il Torino.

LA PRESTAZIONE

La prestazione di D’Andrea contro i granata è stata di tutto rispetto. La maggior parte delle testate ha riconosciuto la sua prestazione da 6,5: un voto nettamente al di sopra della media. Eurosport descrive il suo match: ”All’esordio assoluto nella massima serie dimostra di avere una discreta personalità, oltre a tecnica e rapidità. Mette in difficoltà Buongiorno e va anche al tiro”. Ed ancora la Gazzetta: ”Una bella scoperta: debutto in Serie A a 18 anni con assist, dribbling, velocità”. Insomma, delle analisi più che positive per un esordiente assoluto in Serie A.

LA SCHEDA TECNICA

D’Andrea è un trequartista di natura, tuttavia una delle sue più grandi doti è la duttilità. Infatti, il classe ’04 ha dimostrato in diverse occasioni di potere agire su tutto il fronte d’attacco. Ne è un esempio il match in prima squadra contro il Torino, durante il quale il giovanissimo attaccante ha agito da esterno nel 4-2-3-1 di Alessio Dionisi. Il suo piede naturale è il sinistro, col quale ha messo a referto tutti i suoi gol, tuttavia in diverse partite ha dimostrato di ben figurare anche col piede debole. Un’altra sua grande dote è la velocità. D’Andrea è un giocatore rapidissimo, che riesce a velocizzare la giocata e bruciare numerosi tempi di gioco. Infine, altra caratteristiche che gli addetti ai lavori hanno riscontrato nel giovane talentino del Sassuolo è la personalità. D’Andrea è capace di prendersi sulle spalle tutta la squadra e condurla alla vittoria grazie alle sue spettacolari giocate.

Continua a leggere

Fantacalcio

Mourinho va sul sicuro per Empoli-Roma, le sue scelte

Pubblicato

:

zaniolo

In casa Roma, dopo una settimana terribile, si ha la voglia e l’obbligo di tornare a far bene: Questo si traduce nella volontà di vincere questa sera, contro l’Empoli, al Castellani. TMW si sofferma sulle possibili scelte di Mourinho. Il tecnico giallorosso potrebbe andare sul sicuro senza stravolgere la squadra.

Confermati Rui Patricio e il terzetto difensivo. Sulle fasce ballottaggio Karsdorp/Celik. Zaniolo tornerà in panchina ma al suo posto, con Pellegrini avanzato, ci sarà Camara a centrocampo. Per il resto, tutto confermato: Matic a completare la mediana, Spinazzola sulla sinistra e davanti il prima citato Pellegrini con Dybala e Abraham.

Continua a leggere

Fantacalcio

Le probabili di Sassuolo-Udinese, torna Beto dal primo minuto

Pubblicato

:

Udinese

Alle 15:00 andrà in scena il match valido per la 6°giornata di Serie A tra Sassuolo e Udinese. Vediamo come potrebbero scendere in campo le due squadre.

SASSUOLO

Il Sassuolo reduce da tre pareggi consecutivi, ultimo quello a Cremona, arriva alla sfida con molti assenti. Berardi, Traore, Muldur e Defrel non saranno della partita. Ballottaggio per Thorstvedt, uscito con un affaticamento al termine del match contro la Cremonese, al suo posto potrebbe partire dal 1°minuto Henrique. In attacco ballottaggio tra Laurienté ed Alvarez, con il francese che parte favorito. Unico dubbio in difesa, è quello tra Toljan e Ayhan.

UDINESE

L’Udinese invece arriva a questa sfida con un perfetto stato di forma. Dopo la roboante vittoria per 4 a 0 contro la Roma, i bianconeri si presentano in terra emiliana per confermarsi, e continuare a stazionare nelle parti alte di classifica. Torna Beto al posto di Success dal primo minuto. A centrocampo dovrebbe esserci spazio per Lovric, ballottaggio tra lo sloveno e Samardzic. Altra panchina per Nuytinck, al suo posto scenderà in campo Ebosse. Unici indisponibili per i friulani: Masina, Buta, Bijol.

Continua a leggere

Fantacalcio

Consigli Fantacalcio 4a giornata: chi schierare titolare e chi no

Pubblicato

:

Lozano

Tra poche ore inizierà la 4a giornata di Serie A, il primo turno infrasettimanale della stagione. Alle 18:30 apriranno le danze Sassuolo e Milan, alla prima sfida dopo quella che ha visto i rossoneri alzare la coppa di Campioni d’Italia solo tre mesi fa. In questo articolo troverete alcuni consigli della redazione su chi schierare titolare e chi no al Fantacalcio.

Vediamo quindi i nomi più papabili per questa giornata:

CONSIGLI FANTACALCIO 4A GIORNATA: CHI SCHIERARE TITOLARE

Se avete uno di questi giocatori, il nostro consiglio è di schierarli assolutamente in quanto potrebbero garantire voti alti e bonus facili.

DIFENSORI: Danilo, Biraghi, Becao

Il brasiliano della Juventus probabilmente giocherà ancora da centrale e permetterà a Bremer di essere più esente da compiti in impostazione. Occhio alle sue capacità sui calci piazzati, chissà che non possa regalarsi proprio con lo Spezia il primo bonus stagionale. Il capitano della Fiorentina, invece, non ha ancora brillato in questo inizio di campionato. Quale occasione migliore dell’Udinese per iniziare a portare gioie ai propri fantallenatori? Chiudiamo con Becao, certezza della difesa friulana. Incontrerà uno Jovic apparso ancora fuori condizione nelle prime uscite. Probabile voto alto per lui che ha già un gol e un assist in campionato.

CENTROCAMPISTI: Vlasic, Vilhena, Politano

Partiamo dal trequartista del Toro, che dovrebbe partire nuovamente titolare. Impossibile non consigliarlo dopo il fortunoso gol con la Cremonese. Anche contro l’Atalanta potrebbe ripetersi. Passiamo al talentino della Salernitana, autore di un bellissimo gol contro la Samp. Vilhena tenterà di sfruttare le debolezze della difesa del Bologna per portare un altro +3 ai fantallenatori. Ultimo, ma non per importanza, è Politano. L’italiano avrà una grande chance contro la neopromossa Lecce. Visto il trend positivo del Napoli, chissà che anche lui non possa trovare la via del bonus.

ATTACCANTI: Henry, Bonazzoli, Deulofeu

L’attaccante ex Venezia ha già segnato due gol in questo campionato. Affronterà l’Empoli, certamente non la difesa più fisica del campionato, e allora il francese potrà sfruttare le sue caratteristiche per impensierire Vicario. Passiamo all’italiano della Salernitana, come Vilhena in gol nella sfida alla Sampdoria. Riuscirà a sfruttare il momento positivo per riconfermarsi trai marcatori? Crediamo di sì. Chiudiamo i consigliati con il mattatore dell’Udinese, ancora un po’ troppo sprecone sotto porta, ma che spesso e volentieri porta a casa più della semplice sufficienza.

CONSIGLI FANTACALCIO 4A GIORNATA: CHI NON SCHIERARE TITOLARE

Discorso opposto ai nomi precedenti: visto il trend negativo e la partita ostica, ci sentiamo di sconsigliare questi giocatori.

DIFENSORI: Demiral, Medel, Alessandro Bastoni

Partiamo da Demiral. Se abbiamo consigliato Vlasic del Torino, non possiamo fare lo stesso per Demiral. Visto il bagaglio tecnico dei granata e la tendenza al cartellino del turco, preferiamo sconsigliarlo. Stesso discorso per Medel, che patirà con ogni probabilità le galoppate degli attaccanti della Salernitana. Per Bastoni il discorso è diverso. Probabilmente partirà dalla panchina (giocherà Dimarco), quindi conviene inserire un giocatore con più chance di ottenere il voto ed un bonus.

CENTROCAMPISTI: Thorsvedt, Gyasi, Villar

Il centrocampista del Sassuolo sarà impegnato tra poche ore contro il Milan. Rischia di patire la qualità dei rossoneri, meglio optare su qualcun altro. Tocca a Gyasi, che giocherà da esterno contro la Juve. Sarà molto più dedito alla fase difensiva che a quella offensiva contro i bianconeri. Ultimo è Villar, in una partita da rischio malus per un giocatore che già di suo non è dedito ai bonus: meglio puntare su altri nomi.

ATTACCANTI: Petagna, Di Francesco, Lozano

L’attaccante del Monza non ha ancora inciso in queste prime giornate di campionato, e crediamo non lo farà neanche oggi. Meglio evitarlo. Per Di Francesco si prospetta un esame difficilissimo contro il Napoli al Maradona. Avrà poche chance per incidere. Per Lozano, come per Bastoni, aspettiamoci un turno di riposo. Meglio optare per attaccanti con più minuti a disposizione per fare male alle retroguardie avversarie.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969