Connect with us
Aulas attacca Agnelli: "Deluso dall'uomo, mi sento tradito"

Calciomercato

Aulas, presidente dell’OL, attacca Agnelli: “Deluso dall’uomo, mi sento tradito”

Pubblicato

:

L’inizio e la fine della Super League in appena 48 ore, hanno scosso tutto l’ambiente calcistico ed extra-calcistico europeo, creando probabilmente una falda incolmabile nell’ambiente. Sono state molte le dichiarazioni al veleno da parte di giocatori, allenatori, e presidenti di club europei; una delle più celebri qui in Italia è stata quella del presidente del Torino Urbano Cairo, che riferendosi ad Andrea Agnelli e Giuseppe Marotta li ha definiti “Giuda”, e li ha invitati a rassegnare le proprie dimissioni per i rispettivi ruoli ricoperti. Ma non è finita qui. Infatti, verso il numero uno della Juventus sono arrivate altre parole non proprio dolci da parte di un altro presidente, questa volta del Lione, che si è di fatto aggiunto alla lista (composta da Ceferin, Cairo, ecc…) di personaggi quasi inorriditi dal tentativo di rivoluzionare il calcio di Agnelli&Co.

ceferin

Andrea Agnelli con il presidente UEFA Ceferin (Fonte: Calcioefinanza.it)

LE PAROLE DI AULAS E IL “CASO AOUAR”

Sono queste le parole proferite da Jean-Michel Aulas nei confronti di Agnelli, al quotidiano francese L’Equipe: “La forma è ancora più sorprendente della sostanza. La delusione è immensa dall’uomoNe ho discusso con il presidente UEFA, Aleksander Ceferin, a Montreux. Gli ho detto che domenica avevo provato a chiamare Agnelli e non mi ha risposto. Andrea Agnelli, a cui ero vicino, aveva la nostra piena fiducia. Almeno avrei voluto che lui dicesse, sabato o domenica, che stava per succedere qualcosaAveva sicuramente delle buone ragioni, ma noi non le conoscevamo. Mi sento come se fossi stato imbrogliato“. Sono parole forti quelle di Aulas; parole di un uomo evidentemente molto deluso dal comportamento del presidente bianconero, nel quale, a quanto pare, prima riponeva piena fiducia. Ora però il rischio è che questa vicenda possa corrodere i rapporti tra i due club, soprattutto nell’ottica di un possibile arrivo alla Juve del centrocampista 22enne del Lione, Houssem Aouar, profilo sul quale i bianconeri sono da parecchio tempo, e con il quale, anche attualmente, vi sono contatti frequenti. Solo il tempo ci darà la soluzione al quesito.

Aulas attacca Agnelli

Jean-Michel Aulas (Fonte: Sportmediaset.it)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calciomercato

La Juventus punta al rinnovo di Vlahovic, ma non sarà facile: il piano

Pubblicato

:

vlahovic juventus

Nei piani della Juventus c’è il rinnovo di Dusan Vlahovic sulla base di 10 milioni di euro annui per i prossimi cinque anni. Tuttavia, ciò non sarà facile, dal momento che la buona stagione condotta fino ad ora dal serbo ha attirato su di lui l’attenzione di svariate big europee. Inoltre, la prossima stagione, l’ingaggio di Vlahovic passerà da 8 a 12 milioni di euro, circa 24 lordi, cifra che peserà molto nelle casse della Juventus. Al suo stipendio si aggiunge quello di Rabiot, 10 milioni di euro, che potrebbe aumentare se chiederà un rinnovo al rialzo.

A fronte di queste due problematiche, la Juventus starebbe pensando di rinnovare a lungo raggio, il massimo possibile, in modo da spalmare l’ingaggio su più anni. L’idea bianconera è di proporre un contratto quinquennale da 50 milioni di euro al serbo, tuttavia potrebbe non bastare per convincere il giocatore. Infatti il classe 2000 al termine del contratto attuale, nel giugno del 2026, avrà 26 anni e, se dovesse continuare a fornire tali prestazioni, difficilmente accetterà un’offerta di rinnovo al ribasso.

L’operazione rinnovo ad ogni modo è agli albori e aperta, ma non è da escludere il fatto che, a fronte di un’offerta consona per i bianconeri, potrebbe lasciare la Juventus. Vale il medesimo discorso per Chiesa, la cui permanenza alla Vecchia Signora è tutt’altro che certa. Infatti la Juve sarebbe pronta a sacrificare almeno uno di questi due attaccanti fenomenali per garantire la sostenibilità economica.

Continua a leggere

Calciomercato

Galliani sul mercato: “Di Gregorio? Non ho parlato con nessuno”

Pubblicato

:

d'alessandro

Al suo arrivo alla sede della Lega Calcio per l’assemblea odierna, l’AD del Monza Adriano Galliani è stato intervistato dai giornalisti presenti sul momento della squadra di Palladino, sul futuro del tecnico e della rosa. Nelle ultime settimane girano infatti voci di mercato che in Brianza riguardano tra gli altri Palladino e Di Gregorio.

GALLIANI – LE PAROLE DEL DIRETTORE SUL CAMPIONATO

SUL MOMENTO – “Il Monza va avanti di partita per partita sperando di fare sempre meglio. È il miglior momento, ma ricordiamoci i 51 punti in 32 partite dell’anno scorso, perché poi noi dopo 6 partite avevamo un punto“.

SUI GOL DI PESSINA E MALDINI – “Per me è molto romantico il fatto che i due gol di Salerno li abbiano segnati due ragazzi uno nato a Milano l’altro a Monza, uno cresciuto nel settore giovanile del Milan e uno nel Monza, per me è il massimo. La prima telefonata l’ho fatta a Paolo e gli ho detto che finalmente ho un Maldini che fa gol invece del terzinaccio che avevo prima e che non segnava mai (ride, ndr)“.

SUL SCENDERE A 18 SQUADRE – “La nostra posizione è chiara. Non capiamo perché se il calendario è stato reso fitto da competizioni FIFA e UEFA ci debba rimettere il nostro campionato. Per due squadre che devono giocare di più, dobbiamo cambiare un formato che va avanti da 20 anni?“.

GALLIANI IN LEGA CALCIO – LE PAROLE SUL MERCATO

SU PALLADINO – “Palladino e io abbiamo detto che ci saremmo parlati il 27 di maggio. Questi sono i patti e si cercano di rispettarli nella vita“.

SU DI GREGORIO –Io non sto pensando a nessuno e non ho parlato ancora con nessuna squadra. Il giocatore ha ancora 3 anni di contratto e il procuratore Belloni è una brava persona. Vale 20 milioni? Non lo so, prenderò un consulente finanziario (ride, ndr). Io ragiono di anno in anno, ho sempre fatto così anche al Milan. Figuriamoci se parlo adesso di mercato, il giocatore ha un contratto

Continua a leggere

Calciomercato

Dopo Provedel la Lazio punta a blindare Zaccagni e Romagnoli

Pubblicato

:

Mattia Zaccagni, calciatore della Lazio e della Nazionale italiana (Italia) - Serie A

Tempo di rinnovi in casa Lazio, già iniziati con la firma di Provedel. Il portiere ex Spezia si è legato alla società biancoceleste fino al 2028, accordandosi per uno stipendio di 2,4 netti a stagione, bonus compresi. Come riporta TuttoSport, l’obiettivo della dirigenza laziale è quello di andare a blindare altri big che stanno andando incontro alla fine del loro accordo. Su tutti spiccano i nomi di Romagnoli, Zaccagni e Felipe Anderson.

RINNOVI LAZIO – CHI POTREBBE RIMANERE

Mattia Zaccagni è arrivato alla corte di Lotito nel luglio del 2022, dopo un’ottima stagione con la maglia dell’Hellas Verona. Con il tempo ha dimostrato di poter essere, a livello tecnico, comparabile a quelli che sono i nomi più importanti della rosa biancoceleste. Con la maglia laziale ha già superato le 100 presenze, realizzando 19 gol e 18 assist, dati che spingono verso un prolungamento del suo contratto, che attualmente è in scadenza nel 2025. Sempre secondo TuttoSport, per lui sarebbero pronti 3 milioni di euro per 5 anni.

Romagnoli è arrivato a Formello nella stessa estate di Zaccagni, facendolo però a parametro zero dal Milan. Su di lui non ci dovrebbe essere una grande fretta, calcolando che l’attuale accordo terminerà nel 2027, ma la dirigenza vuole blindare uno dei pilastri della rosa quanto prima.

RINNOVI LAZIO – CHI POTREBBE ANDARE VIA

Appare più complesso trattenere Felipe Anderson invece. Sul brasiliano la Lazio ha reso chiara la volontà di trattenerlo, offrendogli un aumento di ingaggio come chiave per convincerlo. 3.5 milioni di euro netti a stagione più bonus, questa la cifra pattuita dalla dirigenza come adatta al valore del giocatore. A far restare in stallo la trattativa è la volontà dello stesso Felipe Anderson, che potrebbe svincolarsi dai capitolini quest’estate e passare alla Juventus, principale corteggiatrice dell’esterno ex West Ham.

Continua a leggere

Calciomercato

Liverani già a rischio: La Salernitana valuta un clamoroso ritorno di Inzaghi

Pubblicato

:

Cagliari, Liverani sprona i suoi alla vigilia della sfida contro il Perugia

La Salernitana sta vivendo una stagione da incubo, ferma all’ultimo posto e a 7 lunghezze di svantaggio dalla zona salvezza. Inoltre vi sono già stati 2 esoneri in stagione e adesso, dopo la sconfitta con il Monza, si parla già di un nuovo cambio in panchina. Dall’arrivo del nuovo tecnico Liverani, la squadra ha trovato 2 sconfitte con 6 gol subiti e 0 realizzati e soltanto 3 tiri in porta in appena 180 minuti di gioco.

POSSIBILE RITORNO DI INZAGHI

Secondo quanto riportato da Il Mattino, Liverani dopo appena 2 partite potrebbe già dire addio alla Salernitana. La dirigenza granata sta seriamente valutando la possibilità dell’esonero, pensando ad un clamoroso ritorno di Filippo Inzaghi. Situazione che evidenzia notevolmente la situazione complicata che sta vivendo la squadra di Salerno.

Scenario clamoroso ma comunque possibile, viste le valutazioni della società che nelle prossime ore riguarderanno calciatori e staff tecnico. Se inizialmente Liverani, per stessa ammissione dell’amministratore delegato Milan, non era in discussione essendo arrivato in panchina da pochi giorni, adesso le carte in tavola potrebbero cambiare.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969