Connect with us
Barcellona: poker spaziale al Siviglia

Generico

Barcellona: poker spaziale al Siviglia

Pubblicato

:

Se stiamo attenti, contiamo che nel primo quarto d’ora di Barcellona Siviglia Lionel Messi tocca quattro palloni: tre di prima a smarcare rispettivamente Sergi Roberto, Suarez e Arthur, e il quarto in controllo orientato per superare il primo avversario e servire sulla sinistra Semedo. Il resto del tempo lo ha passato occupando lo spazio in campo in maniera non umana, facendo terminare virtualmente qui il racconto della partita. 

UN BARÇA FINALMENTE VERO 

Senza Griezmann, Rakitic, Busquets e Jordi Alba Valverde affronta il luccicante Siviglia di Lopetegui in un Camp Nou gremito a festa. Si stanno avvicinando giorni importanti per la Spagna e per la Catalunya a livello politico e il pubblico del Camp Nou non perde occasione per far sapere al mondo cosa ne pensa della sentenza che sarà emessa dal tribunale centrale il 22 ottobre. Ma tralasciando gli spalti e i novanta Mila del Camp Nou e parlando di Barcellona, la squadra di Valverde scende in campo offensiva e sfrontata come non si vedeva da tempo. Un po’ come se il suo allenatore non ci avesse messo mano, De Jong, Messi, Suarez, Semedo e Sergi Roberto – straordinario questa sera – guidano la squadra per un primo tempo pirotecnico in cui il Siviglia è sembrato non esistere. Due sgroppate, una all’inizio e una alla fine della prima frazione, hanno fornito l’encefalogramma altrimenti piatto di un Siviglia non pervenuto per manifesta superiorità di un Barcellona venuto da un altro pianeta. Al ventisettesimo Suarez fa esplodere il tifo blaugrana con una rovesciata da pochi passi, subito dopo Vidal raddoppia in spaccata e Dembelé cala il tris nel giro di otto minuti. Un massacro in piena regola che rispecchia però ciò che in campo e sugli spalti si subodorava dall’inizio del match. 

Fonte immagine: profilo IG @FCBarcelona

MESSI, MESSI, MESSI 

Occupare il campo in modo non umano: questo fa Leo Messi, che per quanto complesso da descrivere viene raccontato da una partita in cui fa tutto ciò che vuole e lo fa talmente bene da non poter far altro che cercare di capire il come riesca a fare tutto quello che fa con tempi, modi e distanze che più corretti non potrebbero essere. Se il Messi del primo tempo è stato eccezionale per modo di trattare la palla e lo spazio intorno a se, rendendo il Barcellona pericoloso solamente spostandosi da una zona all’altra del campo, quello del secondo tempo è stato cannibale. Un goal in punizione magistrale che, dopo i due tentativi del primo tempo, è sembrata una naturale conclusione della partita: ha segnato Messi? Bene, si può chiudere il sipario. Il secondo tempo è appannaggio del Barça, di Messi e del quarto goal che chiude i giochi prima di vedere Ter Stegen rispondere presente alle fiammate di orgoglio andaluso e l’arbitro scendere in campo da protagonista cacciando prima Araujo e poi Dembelé costringendo il Barcellona a chiudere in nove la passerella finale. 

SPAZIO – TEMPO

Da tempo non si vedeva un Barcellona così dominante contro una grande di Spagna, e da tempo non si vedeva dalle parti del Camp Nou una convinzione così grande nei propri mezzi da giocatori che, nonostante non titolari, si sentono coinvolti nel progetto al punto da giocare una partita del genere. Dall’altra parte il Siviglia non ha avuto tempo di fare il Siviglia. Lo spazio è stato occupato tutto e subito dal Barcellona – che al minuto diciotto aveva già il 62 per cento di possesso palla – e il tempo è finito letteralmente nelle mani – o nei piedi – di Messi. Sta tutto nel primo quarto d’ora: il Barça ha tenuto il pallone a ritmi compassati, gestendo e cercando imbucate che il Siviglia non permetteva. Quando poi la palla, per quattro volte, passava da Messi ecco che il tempo si restringeva di colpo, facendo aumentare d’un tratto la velocità di azione blaugrana e rendendo lo spazio un’effimera concezione per mortali. Il Siviglia è perito sotto i colpi del Barcellona di Messi, tornato in sé dopo mesi di vagabondaggio. La Liga è avvisata. 

PAGELLE 

Barcellona:
Ter Stegen: 7,5; Sergi Roberto: 7,5; Todibo: 6(Araujo 5); Pique: 6; Semedo: 7; De Jong: 7; Arthur: 5,5 (Busquets: 6,5); Vidal: 6; Messi: 7,5; Suarez: 7; Demblé: 6.
Valverde: 6

Siviglia:
Vaclik 5; Jesús Navas 5,5; Diego Carlos 5,5; Carriço 5; Reguilón 6,5; Banega 6; Fernando 5; Óliver Torres 5 – (Jordán 5,5 ); Ocampos 6; de Jong 6 (Chicharito 6); Nolito 5 (Munir 5)
Lopetegui: 4,5 

Fonte immagine di copertina: Profilo IG @FCBarcelona

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Il Lione ci prova per Bakayoko, trattativa avviata con il Chelsea

Pubblicato

:

Bakayoko

Sono ore di fermento per Tiemoué Bakayoko. Il centrocampista francese in prestito al Milan dal Chelsea ieri aveva praticamente chiuso l’accordo per passare alla Cremonese, ma oggi la trattativa è sfumata clamorosamente. Adesso è in atto una corsa contro il tempo per trovare una nuova squadra per Bakayoko, ormai fuori dal progetto tecnico del Milan. Su Bakayoko si è proiettato il Lione, e come riportato da Fabrizio Romano, il club francese ha avviato la trattativa con il Chelsea per il suo arrivo in prestito.

Ora non resta che attendere queste ultime ore per capire se ci sarà l’accordo tra i due club, che chiuderebbe il terzo capitolo in Italia di Bakayoko per aprire ad un ritorno in Francia dopo quasi tre stagioni, però stavolta al Lione e non al Monaco.

Continua a leggere

Generico

Dove vedere Man Utd-Nottingham di FA Cup in tv e streaming

Pubblicato

:

Manchester United

DOVE VEDERE MAN UTD-NOTTINGHAM DI FA CUP IN TV E STREAMING- Le coppe nazionali continuano in Inghilterra, è fissata per mercoledì 1 Febbraio la sfida di Fa Cup tra Manchester United e Nottingham Forrest, gara in programma alle ore 21:00, all’Old Trafford.

Il Manchester United arriva a questa sfida dopo la sconfitta per 3-2 nell’ultima uscita in Premier League, contro l’Arsenal prima in classifica. Momento che, nonostante la sconfitta, è molto positivo per i Red Devils visto che hanno battuto per 3-0 all’andata proprio il Nottingham e sabato hanno vinto per 3-1 in Carabao Cup il Reading. Buon momento per la squadra di Ten Haag che ha conquistato ben 5 vittorie dall’inizio del 2023 e 1 sola sconfitta, mostrando una solidità difensiva che aveva mostrato dei dubbi ad inizio stagione.

Il Nottingham, invece, arriva a questa sfida dopo la sconfitta proprio contro il Manchester per 3-0 in casa. I Tricky Trees dopo un inizio di stagione altalenante sta mostrando una continuità tale da permettere ai neopromossi un buon posizionamento nella massima serie inglese. Infatti, il Nottingham, è al tredicesimo posto in Premier League con un vantaggio di 4 punti sulla quartultima classificata. Un’uscita in semifinale segnerebbe invece il miglior percorso del Nottingham Forest in questa competizione da 31 anni a questa parte, avendo raggiunto la finale dell’edizione 1991-92.

DOVE VEDERE MAN UTD-NOTTINGHAM DI FA CUP IN TV E STREAMING

Il match, valido per l’andata delle semifinali della Carabao Cup, si giocherà mercoledì 1 febbraio alle ore 21:00 all’Old Trafford. Manchester United-Nottingham Forest sarà trasmessa su Eurosport 2 e in streaming su Discovery+. La telecronaca della partita sarà affidata ad Andrea Distaso, con commento tecnico di Gabriele Ambrosetti. Il collegamento partirà cinque minuti prima del fischio d’inizio.

Continua a leggere

Generico

Canestrelli appena riscattato dal Pisa verrà girato in prestito

Pubblicato

:

Pisa

Il Pisa ha da poco riscattato il difensore Simone Canestrelli dall’Empoli, la squadra nerazzurra sembrerebbe però intenzionata a girarlo in prestito, come riportato da tuttomercatoweb. Il classe 2000 ha all’attivo 12 presenze e 2 gol in campionato, un bottino non male per un difensore centrale. Il giocatore però difficilmente riesce a trovare un posto da titolare nello scacchiere di D’Angelo.

Per questo la società avrebbe pensato di mandarlo in prestito per farlo giocare con piu continuità ed averlo pronto per la prossima stagione. Le squadre interessate sono il Como e il Brescia, entrambe impegnate a raggiungere la salvezza senza dover passare dai play out.

 

 

 

Continua a leggere

Flash News

Le motivazioni della Corte d’Appello Federale sulla penalizzazione alla Juventus

Pubblicato

:

Tifosi bianconeri

Sono uscite in questo istante le tanto attese Motivazioni della Corte d’Appello Federale sulla penalizzazione alla Juventus. L’organo competente ha spiegato, quindi, la scelta di assegnare una penalizzazione così severa alla società bianconera in termini di classifica in Serie A, e tutte le inibizioni agli ex membri societari, tra cui il presidente Agnelli.

Tra le righe del lunghissimo documento, si parla di “un illecito grave, ripetuto e prolungato“. E poi “i nuovi atti provano l’intenzionalità della Juventus. Intercettazioni inequivoche ed evidenze relative a interventi di nascondimento di documentazione o addirittura manipolatori delle fatture“.

La Corte d’Appello ha anche stilato la lista di tutti i trasferimenti le cui cifre sono considerate fittizie.

Sempre più probabile l’assoluzione di tutte le altre società con cui la Juventus ha accordato i trasferimenti dei calciatori. “Nei fatti nuovi che hanno portato alla riapertura del processo sportivo per le plusvalenze non sussistono evidenze dimostrative specifiche per le altre società. Nei fatti nuovi sopravvenuti non sussistono evidenze dimostrative specifiche che consentano di sostenere l’accusa e tanto meno appare possibile sostenere che vi sia stata una sistematica alterazione di più bilanci”.

Ora la palla passa alla Juventus stessa, che potrà fare ricorso per sperare in una riduzione della penalizzazione, per tornare a sperare quantomeno nell’obiettivo Europa, senza dover passare da Coppa Italia Europa League.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969