Connect with us
Barcellona - Real: è l' ora del Clasico

Calcio e dintorni

Barcellona – Real: è l’ ora del Clasico

Pubblicato

:

Barcellona Real

Oggi va in scena la partita che può cambiare una stagione: alle 16.15 il fischio d’inizio del il Clasico tra Real Madrid e Barcellona al Camp Nou.

Uno scontro del genere si presenta da sé: i due colossi del calcio spagnolo si affrontano per la 247ª volta in una partita che, per la prima volta dopo 17 anni, non vedrà protagonisti né MessiCristiano Ronaldo. Per la prima volta dal 2004, inoltre, si giocherà un Clasico senza Messi né Sergio Ramos.

Barcellona e Real sempre contrapposti

La contrapposizione tra il portoghese e l’argentino, probabilmente i giocatori più forti nella storia del calcio, ha sempre dato un ulteriore chiave di lettura ad una partita che di chiavi di lettura ne offre già abbastanza.
Quella più palese è quella che vede contrapporsi l’indipendentismo catalano, incarnato dal Barça, alle spinte di accentramento della capitale che si rispecchiano nel Real Madrid.

Società a parte, la contrapposizione storica è stata anche a livello di stile di gioco e tecnico. Il Barcellona ha fatto del guardiolismo, del tiki- taka e della Masia il suo marchio di fabbrica.
All’opposto c’è lo stile delle Merengue, spesso sinonimo di squadre composte da stelle, campioni e talenti mondiali guidati dall’obiettivo di vincere.

Ridimensionate e differenti

Entrambe le squadre hanno visto un ridimensionamento nelle ultime stagioni, dovuto principalmente all’addio dei due giocatori che più li avevano rappresentati per molto tempo.
A reggere meglio, nonostante gli intoppi del caso, è stato il Real Madrid che nonostante l’addio di Ronaldo è riuscito a levarsi qualche soddisfazione come in passato.

Il Barcellona sta vivendo invece la prima stagione senza la sua stella e naviga ormai da tempo in acque burrascose. La disastrosa gestione sportiva ed economica da parte di Bartomeu ha causato enormi problemi alla squadra catalana che si trova al momento in settima posizione.

A dover preoccupare i blaugrana non deve essere tanto la classifica quanto l’atteggiamento della squadra che nelle pesanti sconfitte contro Bayern, Atletico e Benfica è sembrata spaesata e non all’altezza del blasone. I vari infortuni di Ansu Fati, Braithwaite o Agüero hanno contribuito a rendere difficile la situazione di un Barcellona che ha perso il suo migliore goleador.

Chi tenere d’occhio

Il Barcellona viene da due vittorie consecutive contro Valencia e Dinamo Kyiv mentre il Real Madrid occupa la terza posizione in campionato alle spalle di Osasuna e Real Sociedad ed ha battuto in settimana lo Shakhtar Donetsk, anche grazie ad una prestazione maiuscola di Vinicius.

Il talento brasiliano, assieme al sempreverde Karim Benzema, sarà uno dei giocatori da tenere d’occhio questo pomeriggio.
Nel Barcellona, occhio ad Ansu Fati e Gavi. I due prodotti del settore giovanile sono i volti della ricostruzione Barça e nonostante l’età saranno chiamati ad una prova di responsabilità.

Potrebbe essere una partita importante anche per Agüero. L’argentino, arrivato questa estate, ha giocato in Liga solamente tre minuti contro il Valencia ma stasera potrebbe essere pronto alla sua prima partita da protagonista.

L’italiano e l’olandese

In panchina gli animi sono differenti. Carlo Ancelotti è al primo Clasico dal suo ritorno ai Blancos e in conferenza stampa ha detto che secondo lui in questa partita non ci sono favoriti, parlando anche che nel calcio la paura non è per forza un sentimento negativo. «La preoccupazione è normale. A volte la paura è un sentimento positivo. Se non hai paura affronti un leone pensando che sia una gatto», ha detto il tecnico di Reggiolo.

L’allenatore del Barça, Ronald Koeman, è invece in discussione da inizio stagione. L’olandese ha incassato la fiducia della dirigenza nonostante alcuni risultati deludenti ma è lecito pensare che l’unico legame a tenerlo ancora legato al Barcellona siano i 13 milioni di euro che la società dovrebbe pagare in caso di esonero.

Siamo solo ad Ottobre ma vincere, o perdere, una partita così può svoltare la stagione in un senso o nell’altro.

Immagine in evidenza da: Licenze Google Creative Commons

Calcio e dintorni

Curva Nord dell’Inter coinvolta nell’ultimo album di Kanye West

Pubblicato

:

Inter Curva Nord

La Curva Nord, tifo organizzato dell’Inter, è presente nell’ultimo album rilasciato da Kanye West, noto rapper statunitense, insieme a Ty Dolla $ign. In particolare la “voce” della curva della Beneamata compare all’interno della dodicesima traccia, intitolata “Carnival” dell’album “Vultures 1″, uscito il 9 febbraio.

Come si può osservare nei crediti di “Carnival” su Genius, sito web dedicato alla musica di tutto il mondo, la Curva Nord è citata sotto la voce “choir vocals”. Infatti i tifosi dell’Inter hanno registrato dei veri e propri cori per questa canzone di Kanye West. Il particolare interessante è che per registrare questa “melodia”, la quale accompagna la voce dei cantanti per tutta la canzone, i due rapper hanno invitato degli esponenti della Curva Nord in studio con loro. Inoltre hanno registrato insieme ai tifosi nerazzurri anche un videoclip.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

adidas presenta l’UCL Pro Ball London, il pallone della fase ad eliminazione diretta della Champions League 2023/24

Pubblicato

:

La Champions League si appresta ad entrare nel vivo con l’inizio della fase ad eliminazione diretta. A tal proposito, adidas ha svelato il pallone da gioco ufficiale che verrà utilizzato durante questa importantissima fase della competizione. Si tratta dell’UCL Pro Ball London, che farà il proprio debutto a partire dalle gare di andata degli ottavi di finale e verrà poi utilizzato fino alla finalissima di Wembley del prossimo 1º giugno.

Il pallone celebra l’anfitrione della finale, la città di Londra, con una grafica vibrante che raffigura due leoni ruggenti che combattono tra le stelle. Il leone è il simbolo della ricca storia e cultura dell’Inghilterra e della sua capitale, ma rappresenta anche il coraggio e la forza dei calciatori oltre che la maestosità del trofeo più ambito del panorama calcistico europeo.

Oltre al nuovo design grafico, il pallone è dotato di una serie di tecnologie adidas a elevate prestazioni, studiate per fornire ai calciatori una precisione millimetrica. Infatti, l’innovativa texture della superficie PRISMA offre ai migliori talenti del calcio europeo una tenuta di palla ancora più precisa. Il rivestimento esterno, invece, garantisce un grip sicuro e il controllo completo, mentre la decorazione termosigillata è sinonimo di prestazioni d’eccellenza.

Proseguendo la partnership con Common Goal, adidas devolverà l’1% delle vendite nette globali di palloni da calcio a iniziative di cambiamento sociale duraturo in comunità svantaggiate, contribuendo con questo sport a creare un futuro migliore e più inclusivo.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Ibrahimovic a sorpresa a Sanremo, Amadeus lo pungola: “Sei in prima fila, ma non primo in classifica”

Pubblicato

:

ibrahimovic sanremo

IBRAHIMOVIC SANREMO – Durante la prima serata della 74esima edizione del Festival di Sanremo si attendeva un ospite a sorpresa, che poi si è rivelato essere Zlatan Ibrahimovic, già all’Ariston durante il Festival del 2021.

IBRAHIMOVIC A SANREMO: LO SCAMBIO DI BATTUTE CON AMADEUS

L’ormai ex attaccante svedese, che da metà dicembre ricopre un ruolo nella dirigenza del Milan come “Senior Advisor della proprietà RedBird“, è sbucato direttamente dalla platea e distribuendo “santini” con la sua foto al pubblico presente. Poi è salito sul palco e ha iniziato un divertente siparietto con il conduttore dell’evento, Amadeus: “Che ci fai qui? Quanti anni hai?“, la domanda di Ibra. “61“, la risposta del conduttore del Festival. “Io 42 e ho smesso, perché ho ascoltato il mio corpo… Sono venuto qui per proteggerti, ti ricordi i casini che hai combinato l’anno scorso?“, le replica dello stesso Ibrahimovic.

Il dialogo tra i due continua, con Ibrahimovic che chiede se può andare a occupare il palco d’onore: “Ci si è seduto solo Mattarella“, sottolinea Amadeus. “E quanti gol ha fatto?“, la battuta pronta di Ibra. Poi, a conclusione, la frecciata di Amadeus (noto tifoso dell’Inter, ndr): “Ti ho riservato un posto in prima fila anche se non sei primo in classifica…“, a cui sono seguite le risate del pubblico presente all’interno del teatro.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Messi non schierato in amichevole: interviene il governo di Hong Kong

Pubblicato

:

Inter Miami

L’Inter Miami è volato a Hong Kong per disputare un’amichevole, vinta poi 4-1, contro una selezione di All Stars del massimo campionato locale. Ovviamente tantissimo l’afflusso di pubblico, con 38 mila spettatori accorsi allo stadio per vedere da vicino la stella più attesa: Lionel Messi. Dopo il comprensibile entusiasmo iniziale, dopo aver capito che nè la PulceLuis Suarez sarebbero scesi in campo, hanno iniziato una piccola contestazione.

Il caso però, come riportato da Tuttomercatoweb, si è esteso fino alla politica. Il governo di Hong Kong è infatti intervenuto sulla questione, minacciando di ritirare l’1.9 milioni di euro di finanziamenti pubblici destinati all’evento. Di seguito le parole di Kevin Yeung, ministro della cultura, dello sport e del turismo di Hong Kong.

ACCORDO – “Una delle condizioni principali del nostro accordo di finanziamento con Tatler Asia era che Messi partecipasse alla partita per almeno 45 minuti, salvo problemi di forma fisica e sicurezza. Ieri, prima dell’inizio della partita, l’organizzatore Tatler Asia ha ribadito che Messi avrebbe giocato nel secondo tempo”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969