Connect with us
Bari-Sudtirol pagelle, Sibilli e Di Cesare guidano la resilienza!

Flash News

Bari-Sudtirol 2-1, le pagelle: Sibilli e Di Cesare guidano la resilienza pugliese

Pubblicato

:

Bari-Sudtirol pagelle

BARI-SUDTIROL PAGELLE – Il Bari rialza la testa e lo fa con la vittoria interna contro il Sudtirol. I biancorossi battono 2-1 gli altotesini e si portano al nono posto in classifica a tre punti dal Palermo, che, attualmente sarebbe l’ultima squadra a iscriversi ai playoff di Serie B. La vittoria arriva grazie alle reti di Sibilli e Di Cesare, due simboli della resilienza barese, il cui processo è ancora tardo nell’essere considerato completo, come dimostrano le pagelle proposte qui di seguito.

 

PAGELLE BARI

 

Brenno 6: a inizio partita si rende protagonista con una parata difficile su Rauti. Avrebbe meritato un voto maggiore per la predetta opposizione. Sulla rete del pareggio, però, avrebbe potuto fare un attimino di più, anche non è propriamente colpa sua.

 

Pucino 5: spinge poco e difende abbastanza male. Questi motivi sono più che sufficienti per convincere Marino a privarsi del terzino prima dell’inizio della ripresa.

 

Vicari 5.5: per la prima volta, oggi il numero ventitré dei baresi va iscritto al registro dei “cattivi”. Il momentaneo pareggio del Sudtirol è sicuramente rocambolesco, ma è anche dovuto al suo senso senso di smarrimento in fase di marcatura su Vinetot. Approssimativo.

 

Di Cesare 7: questo gruppo sta tutto nel cuore, nella leadership e anche nel piede sinistro dell’immortale capitano dei biancorossi, che oggi decide la partita a favore dei suoi con la rete del nuovo vantaggio pugliese.

 

Ricci 6.5: nell’azione del calcio di rigore a favore del Bari, l’esterno è bravissimo a crederci di conquistare un pallone apparentemente comodo per Lunetta. C’è anche la sua impronta nel vantaggio barese.

 

Koutsoupias 5.5: sarà per una non perfetta condizione fisica, sarà anche per una condizione ambientale non propriamente amichevole, ma oggi il greco si fa trascinare dalla paura di subire un nuovo rovescio più che dalla sua voglia di attaccare lo spazio. (Dall’80’ Maita s.v.)

 

Benali 6.5: finalmente anche sale in cattedra anche il centrocampista libico. Attenzione, siamo forse ancora lontani dal vederlo essere il padrone della nevralgia barese. Tuttavia, ciò che lascia ben sperare è la presenza all’interno della partita. Oggi si riscopre anche fondamentale: il goal partita di Di Cesare nasce da una sua cross ben calibrato. (Dal 93′ Bellomo s.v.)

 

Acampora 4: un modesto Sudtirol mette in difficoltà il centrocampista del Bari, che non riesce fare né da filtro per proteggere la difesa né a costituire un elemento in grado di dare apporto alla manovra offensiva. Spiace dirlo, ma non ha avuto utilità nel pomeriggio odierno. (Dal 46′ Adjouma 6.5: dà l’idea di essere un giocatore più rilassato rispetto al resto dei suoi compagni. L’emblema della sua rilassatezza si può individuare in una giocata di tacco che smarca un suo compagno di centrocampo per vie centrali proprio nel finale di partita.).

 

Achik 5.5: il Bari non attacca quasi mai con lui, ma quando lo fa non regala grandi soddisfazioni. Il destro di poco alto sulla traversa da ottima posizione nel corso della ripresa è una segnale abbastanza chiaro.

 

Sibilli 7: è letteralmente il leader tecnico di questa squadra ancora in convalescenza. Oggi, in poco meno di mezz’ora, nel primo tempo, semina il panico producendo l’inferiorità numerica del Sudtirol e trasformando il rigore del vantaggio. L’unica cosa che si può imputare a questo ragazzo è la continuità, che si spera possa acquisire da oggi in poi.

 

Aramu 6.5: è l’altra faccia della fantasia del Bari di oggi, ma, a parte, un calcio di punizione pericoloso, battuto a inizio gara, fa veramente fatica a entrare in partita. È palesemente spaesato e si vede. Poi, però, nel secondo tempo, reagisce fortemente come tutta la squadra. il suo ritmo di gioco cresce, esattamente come le sue giocate. Malgrado sia un giocatore più tecnico, è la sua attitudine aerea unita a un misto di fortuna a far emergere definitivamente il numero 49 biancorosso: la sponda, deviata da Ghiringhelli e introducente al definitivo vantaggio di Di Cesare è la sua. (Dal 72′ Morachioli 5.5: l’opposizione di Giorgini lo induce all’errore, ma è pur vero che il tiro, fatto partire dal dischetto del rigore nelle battute finali del match, è peccato non meritevole di tanta pietà.).

 

PAGELLE SUDTIROL

 

Poluzzi 5.5: è incolpevole sulle due reti subite. Tuttavia, si rivela un attimo incerto in una parata in due tempi, che rischia di rendere più rotondo il risultato.

 

Ghiringhelli 5: l’esterno di destra della formazione altotesina è più un valido jolly per il Bari che un uomo utile per la fase difensiva dei suoi. Il colpo di tacco abbastanza scriteriato, con cui arma il sinistro vincente di Di Cesare ne è una lampante dimostrazione. (Dal 76′ Cisco 5.5: soffre molto le scorribande offensive del Bari nella parte dissolutiva della contesa.).

 

Cuomo 4: se qualcuno ci riesce, dovrebbe spiegare il senso di un intervento sulla gamba di un avversario dopo appena tredici minuti di gioco. Rosso più che meritato per il centrale.

 

Giorgini 6: fa il massimo per tenere in piedi un reparto inevitabilmente in sofferenza dopo l’espulsione del suo partner di reparto. E questo massimo arriva attraverso la migliore delle maniere possibili.

 

Davi 6: con l’espulsione di Cuomo, è costretto a coprire una zona di campo parecchio vasta. Colui che è stato inizialmente schierato come esterno basso di una difesa a quattro deve fare anche da sostegno a Giorgini. Tutto sommato, non regala grandi falle e dà i migliori equilibri possibili al reparto.

 

Lunetta 4.5: a inizio partita si mangia un goal praticamente fatto, non spingendo in rete un comodo colpo di testa a centro area sugli sviluppi di un calcio d’angolo. E, come se non bastasse, al 25′, causa un calcio di rigore per l’iniziale vantaggio del Bari. Non è proprio la sua giornata fortunata. (Dal 66′ Ciervo 5: va leggermente meglio rispetto al suo collega, ma si parla pur sempre di poca roba.).

 

Peeters 6: la sua è una prestazione di grande sacrificio. Ma la paura del Bari nel far girare il pallone per cercare di mettere in imbarazzo la linea difensiva del Sudtirol è timida complessivamente. Pertanto, si può asserire come non corra particolari rischi nel corso della gara.

 

Tait 5.5: a differenza del suo collega di centrocampo, sfrutta poco le sue qualità di inserimento in proiezione avanzata. Questa causa produce un effetto: la sua partita è forzatamente limitata.

 

Casiraghi 6: la sua partita è limitata dall’uomo in meno. Tuttavia, ciò che gli va riconosciuto è un impegno agonistico, che gli consente anche qualche spunto in proiezione offensiva. (Dal 77′ Cagnano s.v.).

 

Rauti 6: l’unico acuto della sua partita è una torsione aerea su un calcio d’angolo: all’8′, l’attaccante impegna severamente Brenno, che è super nell’opporsi. Purtroppo, però, a parte questa conclusione, non riesce a incidere ulteriormente. Ma la colpa è di una sostituzione, per cui non ha alcuna responsabilità. (Dal 19′ Vinetot 6.5: è certamente il migliore del Sudtirol, perchè in una partita improvvisamente votata sulla difensiva, riesce a trovare il goal come un buon rapace d’area di rigore.).

 

Merkaj 5: regala solo un acuto in più di un’ora di gioco. Tuttavia, va sottolineato come non sia nemmeno tanto lui a creare dei grattacapi con un gesto individuale. Infatti, l’attaccante italo-albanese mette in difficoltà il portiere brasiliano con la corsa, che anticipa il tiro sventato sul nascere. (Dal 66′ Pecorino 5: praticamente mai pervenuto.).

Fonte immagine in evidenza: profilo Facebook SSC Bari

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Sarri, vittoria sofferta: “serata difficile, con tante difficoltà”

Pubblicato

:

Sarri

La Lazio supera 2-0 un ottimo Torino, strappando un sorriso a Maurizio Sarri. Il tecnico dei biancocelesti si dice soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi, che si sono messi in gioco molto bene ed hanno portato a casa i tre punti. Questo nonostante gli avversari abbiano fatti una prestazione di livello alto, dando del filo da torcere alla squadra della capitale.

Di seguito trovate le parole di Sarri nel post partita.

PARTITA –  “Era una serata difficile, con tante difficoltà, non ultima quella di affrontare una squadra non semplice. Abbiamo fatto un primo tempo ordinato e nel secondo tempo abbiamo messo la qualità, è stata una partita di alto livello”. 

DIFESA –  “E’ stata una solidità di squadra. La difesa è stata messa sotto pressione poco se non con palloni sporchi. La squadra ha permesso questa solidità. Dopo il primo gol i ragazzi si sono sciolti anche dal punto di vista competitivo”.

FISICITÀ – “Questa caratteristica ce l’ha anche Kamada. Poi non porta la fisicità di Vecino però oggi c’era un tentativo di trovare un centrocampo che desse maggiore solidità alla squadra. Quando la squadra funziona diventa più semplice dare i meriti a qualcuno. Penso che con l’atteggiamento di oggi chiunque avesse giocato la squadra sarebbe stata solida. Sono contento di Vecino e dell’esordio di Rovella dal primo minuto perchè ha fatto una partita di alto livello. Sta trovando la condizione giusta e si stanno vedendo i frutti di questa crescita di condizione”.

Continua a leggere

Flash News

Juric dopo la sconfitta con la Lazio: “Siamo stati sfortunati”

Pubblicato

:

Juric Torino

Una sconfitta con la Lazio che, secondo Ivan Juric, tecnico del Torino, i suoi ragazzi non meritavano. Nel corso del post partita si è mostrato lievemente risentito, ma anche contento del lavoro e dei miglioramenti che hanno portato i suoi ragazzi, soprattutto sul piano del gioco. Particolare elogio per Bellanova, che sta mostrando una crescita netta rispetto alle passate stagioni.

Di seguito, ecco le parole di Juric a Sky Sport.

PARTITA “Nel primo tempo ho visto un grande Torino, una delle migliori squadre da quando sono qua. Siamo stati davvero sfortunati, abbiamo talmente dominato che è quasi impossibile averla persa. Non posso dire niente ai ragazzi dopo una gara così, poi il calcio è così e dispiace. C’è consapevolezza di essere una squadra forte, abbiamo idee e pressiamo a tutto campo”.

GOL“Oggi abbiamo fatto una partita eccellente contro una grande squadra. Se c’è una pecca è non aver fatto gol per quanto abbiamo creato. Speriamo che la fortuna possa girare, andiamo avanti su questa squadra sperando di poter trovare ancora più gol”.

PERCORSO – “Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto. Quando sono arrivato c’era una situazione devastante, siamo riusciti a costruire una squadra che oggi gioca così piena di giovani di talento. C’è la volontà di fare di più, il mio desiderio è quello che possiamo fare molto di più. In queste ultime partite possiamo fare un ulteriore step, oggi mi sono divertito a vedere la mia squadra giocare. Vogliamo continuare così”.

BELLANOVA“È un ragazzo aperto e disponibile a migliorare, un ragazzo semplice e felice, vuole imparare e crescere. Oggi è stato bravo anche in fase difensiva, facendo partite di questo tipo ce ne sono pochi in questo ruolo. Deve continuare così, oggi ha fatto una partita strepitosa. Siamo molto contenti di lui”.

Continua a leggere

Conference League

Le possibili avversarie della Fiorentina agli ottavi di Conference League

Pubblicato

:

Dove vedere Bologna-Fiorentina

POSSIBILI AVVERSARIE FIORENTINA – La Fiorentina ha guardato con particolare interesse questi sedicesimi di Conference League, visto che tra le vincitrici di questo turno ci sarà l’avversaria degli ottavi di finale. Sicuramente i viola hanno ottime possibilità di compiere un buon percorso anche in questa edizione della competizione, ma molto dipende dalle squadre che si troveranno di fronte nelle varie partite. I gigliati sono riusciti a vincere il girone F, lasciando al secondo posto il Ferencvaros. Venerdì 23 febbraio alle 13:00 ci sarà dunque il sorteggio che andrà a decretare i prossimi avversari che dovranno scontrarsi contro la squadra allenata da Vincenzo Italiano.

La Fiorentina andrà a prendersi, in quanto testa di serie, una delle squadre che sale dai play-off. Le possibili avversarie sono dunque queste: Ajax, Dinamo Zagabria, Maccabi Haifa, Molde, Olympiacos, Royale Union Saint-Gilloise, Servette, Sturm Graz. Tra queste sicuramente le avversarie più temibili sono gli olandesi dell’Ajax, che nonostante le difficoltà restano una squadra pericolosa, e il Saint-Gilloise,  una sorpresa in Europa degli ultimi anni, che più volte ha strappato risultati che in pochi avrebbero pronosticato. Sicuramente tutte queste avversarie sono alla portata dei ragazzi di Italiano, che però dovranno assolutamente dare più del massimo per ritornare a giocare un’altra finale, dopo quella persa lo scorso anno.

Continua a leggere

Flash News

Inter, la situazione infortuni: Acerbi vicino al rientro

Pubblicato

:

Acerbi

La cavalcata dell’Inter di Simone Inzaghi è nel momento clou, proprio per questo l’allenatore fa particolare attenzione alla situazione infortuni, che al momento vede ben tre giocatori fermi ai box. Visto l’impegno su due fronti della squadra, per l’allenatore è senza dubbio essenziale avere a disposizione il maggior numero di pedine possibili, così da poterle gestire. L’unico che non rivedremo sicuramente in questa stagione è Juan Cuadrado. L’esterno colombiano, l’acquisto più discusso della sessione di mercato estiva, non è riuscito ad entrare nelle grazie dei suoi tifosi, sia per il suo passato, sia per tutti gli infortuni che l’hanno spesso tenuto fuori dal campo. L’ultimo di questi, ne ha concluso la stagione.

Diverse invece le situazioni che riguardano due titolarissimi dell’Inter. Il primo è Marcus Thuram, uscito anzitempo dal match contro l’Atletico Madrid, lasciando il posto all’uomo del gol vittoria, Marko Arnautovic. Il francese dovrà stare ai box due settimane, il suo recupero non sarà forzato anche perchè in attacco la squadra, tolti i due titolarissimi, non sembra particolarmente efficace. Il secondo è invece Francesco Acerbi, la cui situazione è però molto più leggera. Il suo rientro è quasi effettivo, sono ampie le possibilità che possa essere convocato per il match contro il Lecce.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969