Connect with us
Basilea-Fiorentina, le probabili formazioni: Cabral è imprescindibile, dubbio in mediana

Conference League

Basilea-Fiorentina, le probabili formazioni: Cabral è imprescindibile, dubbio in mediana

Pubblicato

:

Fiorentina-Roma, le formazioni ufficiali: Belotti sfida Cabral

La sconfitta della Fiorentina nella semifinale di andata contro il Basilea grida vendetta: Amdouni ha segnato la rete della vittoria nei minuti di recupero, al termine di un match intenso. I Viola hanno la possibilità di riscattarsi stasera, al “St. Jakob-Park”: l’intento è di ribaltare il risultato maturato al “Franchi”.  Solo con una vittoria la squadra di Italiano può sperare di conquistare la finalissima di Conference League: l’ex tecnico dello Spezia conferma Arthur Cabral (ex di turno già a segno all’andata) al centro dell’attacco. Alle sue spalle scalpitano Nico Gonzalez, Ikoné e Bonaventura. L’unico, vero, dubbio per Italiano è la coppia di centrocampo: Amrabat dovrebbe partire titolare, mentre è vivo il ballottaggio tra Mandragora e Castrovilli. Lato Basilea, Vogel dovrebbe optare per la formazione già schierata nella sfida di andata: l’unico dubbio è su Augustin e Zeqiri nel tandem offensivo con Amdouni.

Fiorentina (4-2-3-1): Terracciano; Dodò, Milenkovic, Martinez Quarta, Biraghi; Mandragora, Amrabat; Ikoné, Bonaventura, Gonzalez; Cabral. All. Italiano

Basilea (3-5-2): Hitz; Lang, Adams, Pelmard; Ndoye, Diouf, Xhaka, Burger, Calafiori; Augustin, Amdouni. All. Vogel

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Champions League

L’Italia sempre più prima nel Ranking UEFA: la situazione

Pubblicato

:

ranking

RANKING UEFA – Con i risultati dei match del giovedì sera di Europa League e Conference League, cambia la classifica del Ranking UEFA per la qualificazione alle prossime coppe europee. Al primo posto si conferma l’Italia, che grazie al successo del Milan sul Rennes e al pari della Roma sul campo del Feyenoord si porta a 14.714 punti, aggiungendone quasi cinquecento al suo bottino. Le nazioni nei primi due posti in questo ranking, ricordiamo, potranno portare ben cinque squadre nella prossima edizione della UEFA Champions League: l’Italia, dunque, mette un altro pezzettino per il raggiungimento di questo traguardo.

RANKING UEFA: PRIMA L’ITALIA, LA GERMANIA SORPASSA L’INGHILTERRA

In seconda posizione, invece, la Germania si porta a 13.928 punti e sorpassa l’Inghilterra per effetto dei pareggi in trasferta di Friburgo e Eintracht Francoforte contro Lens e Union SG, che frutta quasi 300 punti ai tedeschi. La stessa Inghilterra, non avendo disputato incontri questa sera, non guadagna punti (resta a 13.875) e va al terzo posto.

Appena fuori dal podio si conferma la Spagna, anch’essa non impegnata, che resta a quota 12.937 punti. La Francia, grazie al pari del Lens già citato e a quello dell’Olympique Marsiglia contro lo Shakhtar – hanno perso, invece, Rennes e Tolosa -, sorpassa la Repubblica Ceca e si porta al quinto posto con 12.250 punti.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Aggiornata la classifica del ranking Uefa per club: Inter e Roma nella top 10

Pubblicato

:

Inter

Torna la fase ad eliminazione diretta delle coppe europee. In Champions League, questa sera sarà il turno della Lazio che ospiterà il Bayern Monaco, mentre giovedì la Roma sarà di scena a Rotterdam nella casa del Feyenoord per i sedicesimi di Europa League.

Nel frattempo è stata aggiornata la classifica del ranking Uefa per i club. Nella top 10 figurano due italiane: l’Inter al 6° posto e la Roma al 10° posto. Più indietro le altre big della Serie A.

Guidano la graduatoria i campioni d’Europa del Manchester City, seguiti dal Bayern Monaco. Il Real Madrid completa il podio.

LA CLASSIFICA UEFA PER CLUB

  1. Manchester City 143.000
  2. Bayern Monaco 136.000
  3. Real Madrid 125.000
  4. PSG 108.000
  5. Liverpool 107.000
  6. Inter 99.000
  7. Lipsia 96.000
  8. Chelsea 96.000
  9. Manchester United 92.000
  10. Roma 91.000

LA CLASSIFICA DELLE ALTRE ITALIANE  

    16. Juventus 80.000

17. Napoli 79.000

22. Atalanta 68.000

33. Milan 53.000

35. Lazio 52.000

59. Fiorentina 31.000

Continua a leggere

Calcio Internazionale

UFFICIALE – La UEFA cambia tutto, ma Ceferin annuncia: “Non mi ricandiderò”

Pubblicato

:

ceferin spinge l'Italia

La UEFA rende ufficiale il cambio di statuto, con il quale Aleksander Ceferin potrà candidarsi per la terza volta dal 2016. Il numero uno della Federcalcio europea potrebbe essere confermato leader della UEFA fino al 2031. Le probabilità aumentano con i voti del Congresso in corso a Parigi, dove trapelano le prime indiscrezioni.

LE VOTAZIONI

Le modifiche allo statuto hanno riscontrato esito più che positivo, con 50 voti a favore. Sono solo due le votazioni che non appoggiano alterazioni in casa UEFA e di conseguenza Ceferin. Il voto a sfavore sarebbe quello di Mark Bullingham, ceo della Football Association inglese. L’Ucraina si sarebbe invece astenuta. Le modifiche riguardavano varie tematiche, ma la possibilità di riconferma dello sloveno è sicuramente il punto nevralgico, quello più rilevante. In precedenza Inghilterra, Islanda e Norvegia avevano concordato di non essere propensi ad appoggiare le modifiche statuarie. Cambiamenti che, nel caso di approvazione, verranno validati in blocco, ragione per cui le tre nazioni sopra citate avrebbero voluto fare muro. Da quanto filtra da Parigi, solo l’Inghilterra avrebbe mantenuto la parola di voto negativo.

LA MODIFICA PRINCIPALE

Tra le novità, quella più rilevante abbiamo detto essere la riconferma di Ceferin. Il 56enne potrebbe ricandidarsi nel 2027 e rimanere in carica fino al 2031. Questo sarà reso possibile dalla nuova interpretazione di un articolo. Il limite di dodici anni sarà valido solo per chi si candida dopo l’entrata in vigore della regola, ma non per chi è stato eletto prima.

LE PAROLE DI CEFERIN

ACCUSE – “Non sono Gollum: “Il bene comune deve prevalere sugli interessi personali. Questo è sempre stato il mio mantra e rimarrà tale. Sarà una debolezza ma non cambierò. Credo nelle persone. A volte mi hanno detto che sono come un personaggio de Il Signore degli Anelli ma non lo sono. Non mi interessa l’Unico Anello“.

SUPERLEGA – “Qualcuno cerca di calpestare 70 anni di storia e di cambiare la storia del calcio. Cercano di spacciarsi per salvatori quando sono becchini. Cercano di cambiare il modello del calcio europeo nonostante il suo successo. Fanno le vittime quando sono predatori, confondono il monopolio con l’unità. Non possiamo spazzare via i 70 anni di storia della UEFA. Vogliono separarci in nome del mercato e per aumentare sempre più il loro reddito. Noi resistiamo perché sappiamo per cosa lottiamo: i club sono liberi di iscriversi a nuove competizioni, nessuno ha minacciato di sanzionarli se aderiranno a quella che i tifosi inglesi chiamano Zombie League“.

FUTURO – “Ho deciso di non ricandidarmi nel 2027“.

Continua a leggere

Champions League

Approvata la nuova distribuzione dei ricavi UEFA: le cifre

Pubblicato

:

Champions League italia

La diatriba tra la UEFA e la Superlega è nel vivo, pronta a scoppiare in una vera e propria guerra legale. Nel mentre, dunque, si corre ai ripari, dai vertici della massima federazione di calcio europea, con un occhio ai ricavi. Fino al 2027 difatti c’è a disposizione un tesoretto di 4,4 miliardi, di cui 3,3 andranno ai club di Champions LeagueEuropa League Conference League. La restante cifra sarà destinata al massimo organo calcistico europeo. 

La commissione UEFA ha dunque approvato la strategia “Uniti per il successo”, che sarà in vigore tra il 2024 e il 203o. La strategia viene basata in particolare su sette valori per guidare il calcio internazionale: Rispetto, Uguaglianza, Equità, Apertura, Unità, Integrità ed Eccellenza. I club che partecipano all’Europa League andranno a guadagnare per un totale di 565 milioni, contro i 2,5 miliardi di euro destinati alla Champions League e alla Supercoppa Europea. Alla Conference League, invece, vanno 285 milioni. Ciò che resta del tesoretto, viene speso tra beneficenza, gironi di qualificazione e competizioni femminili.

Inoltre, i vari importi rispettano criteri di distribuzione su tre pilastri differenti: azioni uguali, pilastro della performance e pilastro del valore. La percentuale destinata ad azioni uguali e performance è aumentata di un 10% totale, mentre quella del valore è stata diminuita della stessa somma.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969