Connect with us

La nostra prima pagina

Nabil Bentaleb, il genio incontra la pazzia

Pubblicato

:

È spesso difficile  spiegare come il talento di diversi giocatori rimanga qualcosa di inespresso e rinchiuso, senza mai venir sprigionato completamente e mostrato al grande pubblico.

Delle volte la colpa non può che essere del giocatore e delle sue scelte difficili da accettare per qualsiasi società di calcio o semplici appassionati del mondo del pallone. D’altro canto invece può succedere come un insieme di fattori, tra cui il rapporto con compagni e tifoseria, una difficile ambientazione, o anche dei semplici problemi personali, condizionano la vita e le prestazioni di un calciatore.

Perché si sa, il calcio è uno sport bellissimo, ma fare il calciatore è pur sempre un lavoro e non per forza è sempre tutto rose e fiori, ma spesso si rischia di finire nel dimenticatoio oppure di rimanere per sempre meteore o talenti inesplosi. Un esempio chiaro di ciò è il nostro Mario Balotelli. L’ex numero 9 del Milan ha sempre vestito i panni del predestinato, mettendo in luce, sin dagli inizi della sua carriera una classe e una potenza fuori dal comune, che gli avevano permesso già alla tenera età di 18 anni di giocare e vincere con una delle squadre più forti di tutta Europa come l’Inter di Mourinho. Nonostante ciò molte decisioni personali, insieme ad un carattere troppo spesso esuberante e fuori dagli schemi, lo hanno portato ad anni difficili in cui il suo talento sembrava ormai svanito. Oltre a lui un altro giocatore che fa parte di questa particolare quanto poco ricercata cerchia ristretta, non può che essere Andrej Arsavin. Il russo sembrava essere uno degli astri nascenti del calcio mondiale, ma fuori dai confini sovietici ha sempre mostrato una grande difficoltà nell’affermarsi, soprattutto all’Arsenal, non sfruttando la più grande occasione della sua carriera.

Nabil Bentaleb a sua volta ha rischiato di entrare in questo tanto potente quanto rischioso vortice. Dopo tre annate infauste a Londra, sponda Tottenham questa volta, la sua carriera sembrava aver preso una piega indesiderata, ma ora in Germania le sue qualità stanno venendo fuori definitivamente.

METEORA LONDINESE

Lo snodo principale della carriera di Bentaleb è avvenuto nel 2012 quando gli Spurs hanno deciso di acquistarlo dalle giovanili del Dunkerque, ammaliati dal suo talento e dalla sua classe, che ha conquistato gli inglesi fino al punto di farlo crescere nella loro Academy. A Londra però l’algerino, nonostante sia sempre stato ritenuto un investimento importante in chiave futura per la squadra di Pochettino, non è mai riuscito ad ambientarsi nella maniera giusta. Dopo un anno passato alla corte della squadra U23, il club ha deciso di fargli compiere il grande salto promuovendolo in prima squadra anche per migliorare la sua esperienza tra i professionisti e dargli la possibilità di esprimersi in palcoscenici più importanti come la Premier League. Nonostante ciò il tutto non è andato a buon fine, viste le continue critiche ricevute dall’ambiente e dai tifosi per il suo scarso impegno durante le partite che lo hanno portato a perdere minuti e a retrocedere nelle gerarchie della sua squadra. Difatti dal 2013 al 2016 è sceso in campo appena 46 volte in tutte le competizioni, di cui molte in coppa e da subentrato.

Il problema più grande del passato inglese di Bentaleb é sempre stato la definizione completa ed assoluta del suo ruolo. Nato come un mediano del centrocampo, con necessità di avere almeno altri due giocatori incontristi, ma tecnici allo stesso tempo vicino a lui, si è ritrovato a dover coprire anche il ruolo di interno in un troppo sbilanciato 3-4-1-2 in alcuni momenti al Tottenham. In determinate occasioni ha addirittura dovuto rivestire il ruolo di esterno in un atipico 4-4-2 senza mai però trovare la sua giusta dimensione.
Nel 2016 però tutto è cambiato, con lo Schalke 04, che come un lampo di notte, è entrato nella sua vita, cambiandola in maniera decisiva.

GERMANIA: RIPARTIRE PER CONFERMARSI

Nell’estate di tre anni fa i tedeschi hanno deciso di investire su di lui, prendendolo in prestito dal Tottenham con opzione di riscatto fissata a 19 milioni di euro. Arrivato con molti dubbi ed incertezze, Bentaleb a Gelsenkirchen è rinato del tutto, regalando prestazioni di altissimo livello e divenendo un faro per la sua squadra. Il feeling con i tifosi e con la società è stato da subito molto forte, visto il suo rendimento così costante tanto da spingere la dirigenza a sborsare nelle casse degli inglesi la somma prevista per il riscatto. Già dalla prima stagione in Budesliga, Bentaleb ha fatto registrare grandi numeri, anche grazie al giusto ruolo trovato sul campo datogli dal mister Weinzierl. L’algerino difatti si è stabilito sulla posizione di regista e mediano basso, organizzando ogni azione dei suoi e dando il giusto equilibrio tra i reparti.
Tutto ciò è stato confermato e portato ad un livello successivo da Domenico Tedesco, che dopo aver più volte elogiato a parole Bentaleb, lo ha responsabilizzato ancor di più in campo lasciandogli la libertà di spaziare su tutta la mediana, ma affidandogli anche compiti importanti in fase difensiva.
Questo mix ha permesso al giocatore di esplodere definitivamente, divenendo un giocatore totale e trascinando i suoi letteralmente ad una insperata qualificazione in Coppa dei Campioni.
Proprio nel mondo del grande calcio europeo il centrocampista su è esaltato maggiormente mostrando a tutti la sua crescita sia mentale che tecnico-tattica.

Questa la grande partita di Bentaleb contro il City in cui ha mostrato un’enorme personalità contro centrocampisti ben più esperti di lui

Quello che più ad oggi impressiona è la centralità che riveste all’interno dello Schalke, visto come ogni azione nasca dalle sue idee e dai suoi piedi.

Adesso bisognerà solamente aspettare il momento giusto per gustarsi appieno l’esplosione di un altro wonder boy che rischiava di finir dimenticato.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Il ds della Reggina avvisa l’Inter per Fabbian

Pubblicato

:

Fabbian

Se la Reggina comanda la classifica di Serie B, il merito è anche di Giovanni Fabbian, centrocampista in prestito dall’Inter. Classe 2003, Fabbian con 3 gol è il miglior realizzatore della squadra di Filippo Inzaghi. Numeri importanti per un centrocampista, che ha segnato anche quest’oggi con la Nazionale italiana U20. Sul giocatore è intervenuto a Video Touring il ds degli amaranto, Massimo Taibi, che non ha escluso una permanenza del giocatore anche nella prossima stagione: “Parleremo con l’Inter. A volte i prestiti con diritto di riscatto sono mascherati da opzioni di controriscatto a cifre in cui il guadagno è basso“.

Continua a leggere

Calciomercato

Juventus, il Sassuolo pensa a Fagioli per gennaio

Pubblicato

:

Nicolò Fagioli alla fine è rimasto alla Juventus nonostante le numerose richieste di mercato, ma a gennaio potrebbe dire addio ai bianconeri per cercare maggiore minutaggio altrove. Il Sassuolo sarebbe molto interessato al giovane centrocampista italiano e lo starebbe visionando già da diversi mesi, fin dai tempi in cui Fagioli militava nella Cremonese. Oltre ai neroverdi persiste l’interesse proprio dei grigiorossi, e anche di Empoli e Salernitana.

Secondo Tuttosport il Sassuolo sarebbe intenzionato persino ad acquistare Fagioli a titolo definitivo, anche se al momento pare difficile che La Vecchia Signora lo lasci andare via con questa formula viste le qualità tecniche dimostrate in estate e in questo inizio di campionato.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Google con un errore riporta la finale di Qatar 2022!

Pubblicato

:

Flick

Manca sempre meno all’inizio dei Mondiali, l’evento calcistico più importante ed affascinate del mondo che si disputa ogni 4 anni.

C’è ancora qualche settimana prima dell’inizio della rassegna iridata, ma gli appassionati del mondo del pallone si stanno già domandando quali potrebbero essere le eventuali pretendenti alla vittoria finale. Non se lo è chiesto invece Google, che aveva già la risposta.

Secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo spagnolo As, attraverso una chiave di ricerca specifica era possibile capire che il 18 dicembre la finale della Coppa del Mondo sarebbe stata Francia-Brasile. Digitando nella barra di ricerca “Estadio Lusail eventos”, tra i risultati usciva infatti che il giorno della finale di Qatar 2022, nel teatro di gioco che ospiterà l’atto conclusivo del torneo, si sarebbe giocato un match tra la squadra di Deschamps e i verdeoro.

Trattasi ovviamente di un errore, che è stato già corretto. Ma è sicuramente un’ipotesi tutto fuorchè che impossibile, dal momento che Francia e Brasile sono tra le favorite alla vittoria finale. Si tratterebbe inoltre della rivincita della finale dei Mondiali del 1998.

Ora non resta che mettersi comodi ed aspettare con ansia l’inizio di Qatar 2022. Google, con il suo errore, alla fine non è che ci ha visto lungo?

Continua a leggere

Calcio Internazionale

C’è una prima volta stagionale per Haaland: la statistica

Pubblicato

:

Haaland

Nonostante non sembri, visto il rendimento avuto in questo inizio stagione, anche Erling Haaland è umano. Lo ha dimostrato questa sera con la nazionale norvegese, sconfitta dalla Serbia di Dusan Vlahovic. Per la prima volta dall’inizio della Premier League, infatti, l’attaccante del Manchester City non ha realizzato gol o assist durante una partita. L’ultima volta era successo proprio all’esordio con la maglia dei Citizens, nella finale di Community Shield contro il Liverpool. Serata storta, nonostante abbia tirato 3 volte in porta, per Haaland, pronto a ricaricare le energie e a rifarsi già questo weekend nel derby di Manchester.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969