Connect with us

Generico

Blackout Piątek, occhio ai giochi di Preziosi

Pubblicato

:

Un cavallo dirompente, libero di correre per le praterie e ostentare tutta la sua potenza, a cui hanno improvvisamente fermato la corsa. Una metafora che si addice al momento dell’attaccante del Genoa, Krzysztof Piątek, che si è presentato al nostro campionato come un bomber infallibile e ora è a secco dal 7 Ottobre, giorno dell’ultima gara di Davide Ballardini sulla panchina del grifone.

Con l’esonero del tecnico di Ravenna è coinciso il momento nero per il polacco che da quando è arrivato mister Juric non è ancora riuscito ad andare a segno. Pura coincidenza? Probabilmente no.

SCELTA AZZARDATA

Il dato più allarmante è che il Genoa senza i goal di Piątek non vince. Dalla sconfitta interna col Parma sono arrivati due pareggi (Juve e Udinese) e tre sconfitte (Milan, Inter, Napoli) che hanno lasciato interdetto il patron dei rossoblù, Enrico Preziosi.

L’inaspettato e improvviso esonero di Ballardini ha creato una situazione davvero scomoda all’interno della società. Il rapporto fra allenatore e presidente, però, non è mai stato idilliaco, come lo stesso Preziosi ha confermato a poche ore dall’allontanamento del mister:

”È  scarso, in carriera ha collezionato 13 esoneri in 14 anni. Sa gestire situazioni complicate, ma non fa fare il salto di qualità e non sa mettere i giocatori in campo. Ho sbagliato a confermarlo, ha subito 14 gol e perso col Parma. Con Juric faremo tanti punti.”

Parole al veleno per un allenatore che l’anno scorso ha salvato il Genoa da una malaugurata retrocessione e che all’inizio di questa stagione aveva trovato la quadra per far esprimere al meglio i suoi giocatori. Il suo 3-5-2 aveva fruttato 12 punti in 7 partite, proiettando il Genoa nelle zone alte della classifica e incoronando Piątekcome capocannoniere momentaneo della Serie A.

QUESTIONE DI POLITICHE

Dunque, perchè esonerarlo? Ballardini stava per regalare una dimensione europea al Genoa e soprattutto vantava il miglior score dai tempi d’oro di Gasperini. La risposta è tanto cruda quanto semplice: Preziosi ha imposto una nuova politica. L’idea è quella di prendere giocatori poco conosciuti per farli esplodere immediatamente e rivenderli nel minor tempo possibile.

Il momento straordinario di Piątek era l’occasione perfetta per metterlo sul mercato a cifre esorbitanti, già a partire dalla finestra di Gennaio, ma con un Grifone tra le zone nobili della classifica, la cessione di un top player come lui avrebbe fatto infuriare e non poco la piazza.

Quasi un rischio calcolato quello di richiamare Juric, un allenatore con poca esperienza a cui affidare la squadra per mantenerla fra le posizioni più tranquille. Il repentino cambio in panchina ha però invertito il trend fino a quel momento positivo del Genoa, soprattutto delle prestazioni di Piątek che è passato dal segnare in ogni partita al rimanere a secco per troppo tempo; ad un certo punto, inoltre, gli è persino toccato accomodarsi tra le riserve.

La gestione Ballardini si sta dunque rivelando dannosa sia dal punto di vista economico che sportivo. Inoltre, riapre una questione importante: Piątek è un potenziale top player o un semplice fuoco di paglia?

PRO E CONTRO

Sul fatto che il giocatore abbia delle effettive qualità non ci sono dubbi. Piątek è un centravanti completo, dal grande senso del goal in area di rigore al cinismo spietato quando calcia dalla distanza. Un vero spauracchio per i difensori avversari che si intimidisce vistosamente quando gli appuntamenti si fanno decisamente importanti. Tra le grandi squadre del nostro campionato è riuscito a far male solo alla Lazio, quasi mai pericoloso invece con Napoli, Milan, Juve e Inter.

Il suo straripante avvio ha sicuramente fatto alzare le aspettative del pubblico, forse troppo frettoloso nel fare valutazioni su un ragazzo di soli 23 anni che si è appena affacciato ad uno dei palcoscenici europei più importanti. Qualcosa di più però, se lo aspettavano un po’ tutti. Quello che è mancato in queste ultime partite è sembrato il graffio che nel periodo con Ballardini si era visto, come se alle prime difficoltà questo giocatore mollasse subito il colpo.

Tatticamente non è cambiato molto, Juric non ha stravolto gli schemi del suo predecessore ed i fatti lo confermano: Kouamè, compagno di reparto di Piatek, seppur meno efficace in zona goal si sta confermando in modo costante tra i migliori della squadra. Dunque, al polacco serve ritrovare la fiducia dopo questo brusco stop e l’aver riportato le aspettative al giusto livello potrebbe essere un toccasana per tornare a giocare con la mente sgombra e ritrovare la via della rete.

PLUSVALENZA D’ORO

Se i tifosi sono giustamente preoccupati per la crisi del loro bomber, a rassicurare tutti ci ha pensato il patron del Grifone a margine della gara con il Napoli:

“Piątek non mi preoccupa, tornerà a fare gol molto presto. Abbiamo anche Kouamé che ci darà soddisfazioni quest’anno e nella prossima stagione”. 

Nonostante le dichiarazioni di facciata, però, Preziosi spera con ansia che Piątek torni a segnare con regolarità per scatenare un’asta già da Gennaio. Già nelle scorse settimane, alcune sue uscite avevano lo scopo di far capire chi facesse il prezzo sul giocatore, evitando che altre società si avventassero come avvoltoi su di lui con la possibilità di far l’affare a basso prezzo:

“È essenziale per il Genoa e io devo pensare al mio club. Non ci prendiamo in giro, so che me lo porteranno via con un ingaggio moltiplicato per dieci. Ci guadagnerà lui, ma ci guadagnerà anche il Genoa che poi punterà su Favilli. Piątek non ha clausola, chi lo vuole dovrà parlare con me ed essere serio. Ne ho parlato con De Laurentiis? Lo ha detto lui, io non dico mai con chi parlo o chi è interessato a un mio calciatore. Non so quale sia il suo prezzo, è un problema che non mi pongo”.

Parole molto importanti che sicuramente hanno messo sul giocatore una grande pressione, contribuendo alle scialbe prestazioni a cui abbiamo assistito in questi ultimi turni di campionato. Quando la testa dei calciatori viene riempita da tutte queste voci di mercato è sempre un grosso problema: la Lazio ad esempio, vive la stessa situazione con Milinkovic e Luis Alberto, entrambi molto spenti in questo avvio di stagione a causa dei continui rumors.

Un calendario poco agevole non ha sicuramente aiutato, il giocatore però ha le carte in regola per lasciare il segno già dal derby post-sosta. Il suo destino passa anche dalle mani del presidente: sarà essenziale tutelare al massimo il giocatore, riportandolo alla dimensione calcistica e allontanandolo dalle voci di mercato di cui si potrà discutere meglio in futuro. Come sempre la verità sta nel mezzo: la strada per diventare un top player è ancora lunga ma Piątekè un diamante grezzo e bisogna attendere con pazienza la sua definitiva consacrazione.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Inghilterra – Senegal: Sterling fuori a sorpresa

Pubblicato

:

Pronostico Inghilterra-Senegal

Il Mondiale entra nel vivo e dopo la vittoria contro la Polonia per 3-1, stasera la Francia conoscerà chi tra Inghilterra e Senegal sarà la propria avversaria ai quarti. A sorpresa sarà assente Raheem Sterling che, come spiegato dalla FA, non sarà a disposizione per motivi familiari.

Di seguito le formazioni ufficiali.

Inghilterra: Pickford, Walker, Stones, Maguire, Shaw; Bellingham, Rice, Henderson; Saka, Kane, Foden.

Senegal: Edouard Mendy, Sabaly, Koulibaly, Diallo, Jakobs, Ciss, Nampalys Mendy, Ndiaye, Diatta, Ismaila Sarr, Dia.

Continua a leggere

Flash News

La Cremonese giocherà l’8 dicembre contro il Salsomaggiore: i dettagli

Pubblicato

:

Castagnetti

Tra i club di Serie A impegnati in amichevoli di vario tipo, fondamentali per non far perdere il ritmo ai calciatori, non fa eccezione la Cremonese; i grigiorossi infatti, oltre al match dal sapore natalizio contro il Torino il 23 dicembre, si starebbero muovendo per disputare qualche altro incontro. Come riportato da La Provincia, sarebbe già in programma per l’8 dicembre una partita col Salsomaggiore, militante in Serie D.

Continua a leggere

Flash News

Napoli in ritiro in Turchia: due giocatori si allenano a parte

Pubblicato

:

Pronostico Liverpool-Napoli

Approdato tre giorni fa a Belek, in Turchia, il Napoli prosegue gli allenamenti che dovranno preparare Osimhen e compagni a difendere la leadership solitaria in campionato, ottenuta nei mesi scorsi; il 7 dicembre i ragazzi di Spalletti affronteranno l’Antalyaspor, seguito dal match di quattro giorni dopo contro il Crystal Palace.

Parallelamente agli allenamenti del gruppo prosegue il piano di recupero di Amir Rrahmani Salvatore Sirigu, che si stanno allenando a parte, rispettivamente in campo ed in piscina.

Continua a leggere

Flash News

L’Empoli va a Marbella: amichevoli con Sturm Graz e Wolverhampton

Pubblicato

:

Destr

La visita dell’Empoli a Marbella ha ben poco a che fare col turismo balneare; in Andalusia, dove è approdata due giorni fa, la squadra toscana è infatti attesa da due partite amichevoli, di cui la prima si giocherà domani, contro lo Sturm Graz. Quattro giorni dopo ad affrontare i ragazzi di Paolo Zanetti toccherà al Wolverhampton; è già in programma inoltre una terza amichevole, contro il Monaco al Castellani il 16 dicembre.

Tutti test probanti per scaldare i motori in vista del ritorno in Serie A nel 2023. La prima sfida dell’Empoli sarà contro l’Udinese, in terra friulana.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969