Bojan Krkić, attaccante adesso in forza al Montreal Impact, ha rilasciato un’intrigante intervista alla Gazzetta dello Sport. Il calciatore iberico ha parlato sia della sua esperienza in Italia, con le maglie di Roma e Milan, che della difficoltà di portarsi dietro la nomea di nuovo Messi, paragone che, a sua detta, l’ha rovinato mediaticamente. Un talento che, tuttavia, aveva mostrato grandi qualità al Barcellona ma che non è mai riuscito a compiere il definitivo salto di qualità. Queste le sue parole:

Feci bene, ma siccome arrivavo con quell’etichetta allora i tifosi si aspettavano che segnassi in tutte le partite. Una cosa così non puoi gestirla, viene dall’esterno, dai media. Mi chiede se avrei potuto fare meglio. Certo, è normale, serviva soltanto un po’ di pazienza. Però dico una cosa. Dopo aver giocato nella Roma, l’anno successivo mi prese il Milan. Segnai 3 gol e giocai in una squadra importante, con una maglia che conta. Ecco, se un club come quello ha creduto in me, vuol dire che all’Olimpico avevo fatto vedere belle cose.

 

(Fonte immagine copertina: profilo IG @bokrkic)