Connect with us
Problema al polpaccio per De Silvestri, out contro la Roma

La nostra prima pagina

Problema al polpaccio per De Silvestri, out contro la Roma

Pubblicato

:

A pochi giorni dalla trasferta di Roma contro i giallorossi, Lorenzo De Silvestri dovrà dare forfait per un problema al polpaccio che gli ha fatto interrompere l’allenamento.

Quindi Thiago Motta, che già dovrà affrontare una trasferta ostica come quella di Roma, dovrà fare a meno anche di De Silvestri, ma non solo.

Oltre al laterale, hanno lavorato a parte e difficilmente saranno della partita anche Zirkzee, Bonifazi e Barrow, come riportato da Gianluca Di Marzio.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Barcellona-Siviglia 3-0, le pagelle: Raphinha MVP, male l’ex Rakitic

Pubblicato

:

Raphinha

Allo Spotify Camp Nou, il Barcellona vince per 3-0 contro il Siviglia. Una vittoria sofferta per i blaugrana: gli uomini di Sampaoli si sono organizzati alla grande difensivamente. Muro andaluso che è caduto al 58′, quando Kessiè ha servito un gran pallone per Jordi Alba, che ha sbloccato la partita. Da lì è stato tutto in discesa per i catalani, che hanno segnato anche il 2-0, al 70′ con Gavi su assist di Raphinha. Il brasiliano poi si è regalato anche la gioia del gol al 79′, servito da Jordi Alba, diventando il man of the match della sfida. Questa è una vittoria importante per gli uomini di Xavi, perché gli permette di blindare ancor di più la testa della classifica, volando a +8 sul Real Madrid secondo: i Blancos hanno perso contro il Maiorca.

LE PAGELLE DEL BARCELLONA

Ter Stegen 6: assiste da spettatore non pagante alla partita: gli avversari non hanno creato occasioni pericolose.

Koundé 7: uno degli ex della partita. Fa una super-partita difensivamente, ma non disdegna spunti offensivi: spinge dall’inizio alla fine.

Araujo 7: determinante. Il difensore uruguaiano è il comandante della difesa, e si è reso pericoloso anche in fase offensiva con un colpo di testa a lato (80′ Marcos Alonso s.V.).

Christensen 6: partita solida del difensore del Barcellona, ordinato e pulito negli interventi.

Jordi Alba 6.5: entra tardi in partita. Forse commette qualche errore non da lui, ma rimedia con il gol del vantaggio blaugrana e con l’assist per il gol del 3-0 di Raphinha (83′ Alex Balde s.V.).

Pedri 6: partita di alti e bassi. Più bassi che alti nel primo tempo. Nel secondo tempo cresce.

Busquets s.V. (8′ Kessie 7: entra bene in partita, dando il suo apporto alla causa con il pallone servito a Jordi Alba al 58′).

De Jong 6.5: una partita senza errori si, ma si vede notevolmente la differenza tra lui e Busquets in cabina di regia. Nel primo tempo, non riesce a creare situazioni in grado di far male alla difesa del Siviglia. Nel secondo è un metronomo, ed il Barcellona inizia ad attaccare seriamente.

Raphinha 7.5: attivo nella manovra offensiva, ma molto impreciso nei passaggi nel primo tempo. Nel secondo tempo è tornato l’assistman di sempre, servendo Kessiè nell’occasione del gol di Jordi Alba e Gavi in occasione del 2-0 dei blaugrana. (83′ Ferran Torres s.V.). 

Lewandowski 7: da solo ha creato pericoli per Bounou e tutta la sua difesa nel primo tempo. Nel secondo tempo, invece, ha lasciato da parte il suo istinto da killer d’area, lavorando per costruire azioni da gol per la sua squadra.

Gavi 6.5: un primo tempo sottotono per lui. Nel secondo si riprende, fino alle rete segnata al 70′, la prima da maggiorenne. Un grande modo per festeggiare il rinnovo firmato pochi giorni fa. (80′ Ansu Fati s.V.). 

All. Xavi 7: il suo Barcellona cerca di creare occasioni, facendo un grande possesso palla e tenendo di conseguenza un grande ritmo, ma non riesce a finalizzare o a fare il passaggio decisivo per il finalizzatore per buona parte di gara (si è sentita la mancanza di Busquets infatti). Ha subito tantissimo il gioco difensivo di Jorge Sampaoli, fino al gol dei suoi, che ha mandato in bambola il Siviglia.

LE PAGELLE DEL SIVIGLIA

Bounou 6.5: con le sue parate, ha salvato finchè ha potuto, il Siviglia.

Montiel 6: partita tutto sommato sufficiente, ma avrebbe potutuo osare di più.

Badé 5.5: non male la prima con la nuova maglia, fino al 58′: il difensore si perde Jordi Alba, che conclude liberamente a rete.

Gudelj 6: da segnalare quanto sia stato fondamentale al 16′ per salvare il Siviglia dal gol di Robert Lewandowski. Devia il pallone sui piedi di Bounou che fa una parata strepitosa.

Rekik 6: anche per il difensore olandese è stata una partita solida, ma in crescendo: ha molte difficoltà ad inizio partita.

Acuna 6: usa molto il fisico per difendere il pallone, commettendo qualche fallo. Cala con il passare dei minuti (65′ Ocampos s.V.). 

Oliver Torres 5.5: non riesce a entrare in partita, visto anche l’approccio difensivo dei suoi compagni. Bravo però a fare il lavoro sporco in fase di recupero palla, anche se non riesce mai a completare queste azioni perchè fermato (45′ Bryan Gil 5.5: a parte un’azione da solista dopo il gol subito dalla sua squadra, fa poco).

Jordan 5: sottotono insieme ai compagni di reparto. Dopo il gol del Barcellona non riesce, come tutta la squadra, a dare una reazione.

Rakitic 5: partita incolore, il grande ex di giornata non colpisce al Camp Nou.

Gueye 5.5: si spende molto in fase difensiva, in avanti crea pochi pericoli (83′ Fernando s.V.).

En-Nesyri 5: spento. L’attaccante soffre la morsa della retroguardia blaugrana, da cui non riesce a uscire (45′ Lamela 5: non riceve palloni giocabili, anche da lui ci si aspetta di più).

All. Sampaoli 5: imposta la sfida sulla difensiva: riesce ad organizzare la sua difesa in modo tale che il Barcellona a gestire il possesso, cercando di fare male in ripartenza. Dal 58′ i suoi piani crollano: il Barcellona segna il gol del vantaggio. La sua squadra non riesce a rialzarsi, anzi: i blaugrana segnano altri due gol e l’esito finale è un pesante 3-0.

Continua a leggere

Flash News

Pioli: “Leao? Mantenute le scelte della settimana”

Pubblicato

:

Pioli

Stefano Pioli ha analizzato ai microfoni di DAZN la quarta sconfitta consecutiva del suo Milan, questa sera nel derby contro l’Inter.

PRESTAZIONE DELLA SQUADRA“Volevamo avere un atteggiamento difensivo più compatto, abbiamo concesso qualcosa ma senza difendere male. Eravamo spesso in superiorità numerica, ma abbiamo calciato poco in porta. Ci siamo fatti trovare impreparati sulla palla inattiva di nuovo, avevamo preparato qualcosa di un po’ più offensivo”.

NUOVO MODULO“I ragazzi hanno lavorato bene, è evidente che non siamo compatti nell’ultimo periodo. Non volevamo fare una partita difensiva, ma non riuscivamo a superare la prima pressione dell’Inter. Nel secondo tempo abbiamo fatto vedere che possiamo giocare in modo più offensivo. Credo di avere chiara la situazione, sono sicuro che saremmo andati ancora più in difficoltà se non avessi cambiato. Dobbiamo ripartire da questo, facendo meglio delle cose”.

LEAOLeao ha un grande potenziale, oggi ho scelto di giocare con due attaccanti in verticale. Deve lavorare e puntiamo tanto su di lui. Non lo farei giocare dall’inizio a prescindere, ho mantenuto le scelte fatte durante la settimana”.

PERIODO NEGATIVO“Delle partite negative ci hanno tolto convinzione, anche se veniamo da due anni molto buoni non siamo ancora così maturi“. 

 

Continua a leggere

Flash News

Il Milan perde ancora, mai così male dal 2017

Pubblicato

:

Milan

Il Milan ha perso la quarta partita consecutiva con la sconfitta di questa sera nel derby contro l’Inter. Come riportato da OptaPaolo, era dal 2017, quando in panchina c’era Montella, che i rossoneri non perdevano quattro partite di fila in tutte le competizioni. Un dato che certifica come la squadra di Pioli si sia inceppata e debba trovare il modo di ripartire al più presto. Con l’1-0 di oggi, il Milan scende al sesto posto della classifica, a -5 dai cugini dell’Inter secondi in classifica.

Continua a leggere

Flash News

Inter-Milan 1-0, le pagelle: Gabbia ancora rimandato, Lautaro incontenibile

Pubblicato

:

Inter

Una gara a senso unico quella che si è appena conclusa a San Siro. Il risultato, forse un po’ bugiardo, nasconde una prestazione sontuosa da parte dell’Inter contro un Milan inesistente. Tra i migliori in campo sicuramente Lautaro Martinez e Barella, che in tutta la gara si sono mossi nella maniera corretta e sono stati decisivi.

PAGELLE INTER

Onana 6: praticamente mai chiamato in causa dagli attaccanti del Milan.

Acerbi 6: partita ordinata da parte del centrale nerazzurro.

Skriniar 6: contiene molto bene sia Origi che Giroud, che in generale creano pochi pericoli.

Bastoni 6: guarda il match da spettatore, praticamente mai impiegato. Si rende protagonista di un paio di folate offensive.

Darmian 6.5: Theo Hernandez non riesce a superare mai la metà campo e il merito è anche suo, sempre al posto e al momento giusto.

Barella 6.5: molto ordinato, si muove bene e da jolly, fondamentale per la manovra interista (Dal 94′ Asllani S.V.).

Calhanoglu 6.5: serve l’assist per la rete di Lautaro Martinez, sempre molto preciso (Dal 89′ Gagliardini S.V.).

Mkhitaryan 6: poco presente nella manovra nerazzurra, paga la stanchezza dei numerosi impegni ravvicinati. Nel complesso è sufficiente (Dal 71′ Brozovic 6.5: difende il risultato con ordine e giocate sopraffine; contiene benissimo i contrattacchi rossoneri).

Dimarco 6.5: incontenibile sulla fascia dove a difendere doveva esserci Calabria (Dal 71′ Gosens 6.5: attacca con personalità e voglia, si fa vedere sempre libero).

Dzeko 6: non una prestazione brillante ma sufficiente, sempre molto utile nella manovra offensiva della sua squadra (Dal 71′ Lukaku 6.5: ritrovato. Fa a sportellate con Thiaw e Kalulu, generoso e preciso. Sfiora il gol con un piazzato a giro ben respinto da Tatarusanu).

Lautaro Martinez 7: sempre pericoloso, migliore in campo. Autore della prima rete nerazzurra che ha sbloccato il match. Per un centimetro non trova il raddoppio personale, negatogli dal VAR.

All.Inzaghi 6.5: partita preparata molto bene e dominata in ogni zona del campo, praticamente un allenamento per i nerazzurri.

 

PAGELLE MILAN

Tatarusanu 6.5: incolpevole in occasione della rete di Lautaro Martinez, ma si rende protagonista di due ottimi interventi, sul Toro prima, su Lukaku poi.

Gabbia 4.5: molto in difficoltà contro gli attaccanti dell’Inter. Ammonizione evitabile. Molto disordinato (Dal 71′ Thiaw 6.5: decisamente meglio rispetto ai compagni di reparto, difende con personalità).

Kjaer 5: insufficiente come tutta la difesa del Milan, spento. Si perde Lautaro Martinez in occasione del gol (Dal 85′ Rebic S.V.).

Kalulu 5.5: Senza Tomori non è più lo stesso, decisamente disordinato. Si riprende un po’ nel secondo tempo.

Calabria 5: conferma il suo periodo negativo con un’altra prestazione dove soffre (e tanto) Dimarco (Dal 55′ Saelemaekers 5.5: si perde Dimarco quasi sottoporta, rischia molto).

Krunic 5.5: senza infamia e senza lode, ma non riesce a dare il giusto apporto alla squadra.

Tonali 5: sbaglia tutti i passaggi e i lanci, senza Bennacer non riesce a reggere il centrocampo da solo.

Messias 5.5: è fuori ruolo e si vede, ennesima prestazione insufficiente (Dal 46′ Brahim Diaz 6.5: riesce a mettere un po’ di frizzantezza nel Milan, ma serve a poco).

Theo Hernandez 5.5: soffre Darmian e non riesce a cavalcare sulla sua fascia nonostante la posizione in campo sia decisamente più offensiva rispetto al solito.

Origi 5.5: non funziona, come tutto il Milan. Non riesce a sfruttare le pochissime occasioni di ripartenza ed è ingabbiato dalla retroguardia avversaria (Dal 55′ Leao 5.5: entra male e, come i suoi compagni di reparto, si vede poco; non riesce a risollevare una squadra spenta).

Giroud 4.5: il peggiore dei suoi. Perde molti palloni ma ha sui piedi il pallone del pareggio, che spreca in modo banale per un attaccante del suo calibro.

Pioli 4.5: scelte a dir poco discutibili. Rinuncia totalmente alle sue idee e mette in campo un Milan basso e rinunciatario, tagliando fuori il suo fuoriclasse più grande. È crisi nera.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969