Dove trovarci
Le Ultime

Bologna-Inter 0-1, le pagelle: decide sempre Lukaku

L’Inter sbanca il Dall’Ara nel posticipo che chiude la giornata pasquale di Serie A. Una vittoria importantissima per la squadra di Antonio Conte che, anche alla luce delle deludenti prestazioni offerte dalle inseguitrici, compie un altro passetto verso un tricolore che, arrivati a questo punto, può perdere solamente lei.

LE PAGELLE DEL BOLOGNA

Ravaglia 6 – Il classe 1999 sostituisce egregiamente il titolare Skorupski, risultato positivo al Covid-19 in nazionale. Incolpevole sul gol subito: aveva compiuto un mezzo miracolo prima che Lukaku spedisse il pallone in rete a porta sguarnita.

Tomiyasu 6 – Fino al 34′ non demerita, poi è costretto ad abbandonare il campo in seguito ad un problema fisico (dal 34′ De Silvestri 5,5 – entra a freddo e rimedia un giallo che condiziona la sua gara, tutt’altro che eccelsa).

Danilo 6 – Il capitano rossoblù cerca di far valere la sua esperienza al cospetto della coppia d’attacco più prolifica del nostro campionato, interpretando bene i suoi compiti difensivi e quelli di leader della difesa.

Soumaoro 5,5 – Meno bene rispetto al compagno di reparto, non dà grande sicurezza alla sua retroguardia.

Dijks 6 – Bel duello tra velocisti con Hakimi: le prende e le dà, ma non esce sconfitto (dall’80’ Juwara 6,5 – entra molto bene in partita, impensierendo più volte Darmian sull’out di destra)

Schouten 6,5 – Stronca alcune azioni pericolose dell’Inter ed è l’unico ad impegnare Handanovic nel primo tempo. Nel complesso è il migliore del Bologna.

Dominguez 6 – Permette a Lukaku di colpire indisturbato in occasione dello 0-1 nerazzurro, tuttavia si dimostra deciso e grintoso (dal 69′ Svanberg 5 – spreca una buona occasione appena entrato, sparando alle stelle il pallone del possibile pareggio e regala una pericolosa punizione dal limite. Incide in negativo).

Skov Olsen 5,5 – Forse un po’ stanco dagli impegni con la sua nazionale – con la quale ha messo a segno una doppietta nell’ultimo match disputato – parte bene ma si spegne in fretta. Invita Bastoni a pennellare per la testa di Lukaku (dall’80’ Orsolini SV ).

Soriano 6 – Agisce bene tra le linee ed è dappertutto come il prezzemolo. Spedisce sopra la traversa una delle migliori occasioni del Bologna nel recupero del primo tempo, ma non era facile segnare.

Sansone 6 – Anche lui svaria molto su tutto il fronte offensivo, pur senza incidere come spererebbe (dal 69′ Vignato 6 – prova a contribuire all’assalto finale della sua squadra, ma senza successo).

Barrow 5,5 – Ben arginato dalla terzetto difensivo nerazzurro, ha pochissime occasioni e altrettante risicate possibilità di azionare la sua velocità.

All. Mihajlovic 6 – Imposta una gara molto offensiva sin dai primi minuti. Quando l’Inter alza il ritmo sono dolori, ma anche nella ripresa dimostra di potersela giocare.

LE PAGELLE DELL’INTER

Fonte: profilo Instagram Inter

Handanovic 6 – Ordinaria amministrazione per l’estremo difensore dell’Inter, mai costretto a compiere un grande intervento.

Skriniar 6 – Il meno brillante della retroguardia nerazzurra, interpreta comunque una gara di grande concretezza in cui è poco chiamato in causa.

Ranocchia 6,5 – Schierato al centro della difesa al posto di De Vrij – da poco negativo al Covid-19 e non ancora al top della forma – limita Barrow e, a tratti, sembra che sia un titolare inamovibile di questa squadra.

Bastoni 7 – Conferma la sua crescita esponenziale con un gran cross per la testa di Lukaku, ma la sua partita non si ferma certo a quell’episodio. Contiene senza difficoltà Skov Olsen prima e Orsolini poi ed è spesso propositivo in fase offensiva. Gran giocatore.

Hakimi 6 – Non entra benissimo in partita e si accende ad intermittenza. Unica nota parzialmente stonata nello spartito di Conte, ma per questa sera si può sorvolare.

Barella 6,5 – Attivissimo come sempre, corre tanto e bene: giocatore completo, fondamentale in entrambe le fasi (dal 92′ Vecino SV)

Brozović 5,5 – La sua prestazione è discreta, ma perde qualche pallone di troppo. Uno di questi costa il giallo a lui e a Bastoni, entrambi diffidati.

Eriksen 6 – Gioca vicino a Brozovic, abbassandosi molto di più rispetto a Barella per impostare. Partita senza particolari acuti (dal 61′ Gagliardini 6 – Col suo ingresso l’Inter perde in fase possesso, ma l’ex Atalanta lotta per difendere il prezioso vantaggio, riuscendo nel suo intento)

Young 5,5 – Non partiva titolare in Serie A dal 23 gennaio contro l’Udinese. Fatica a contenere Skov Olsen ma ha il merito di azionare Bastoni in occasione dello 0-1. (dal 71′ Darmian 6 – Juwara gli crea qualche grattacapo, ma alla fine riesce a gestire il giovane gambiano)

Lukaku 7 – Esce dall’anonimato al 30′ timbrando il suo ventesimo gol in campionato. Boa irrinunciabile a cui l’Inter si aggrappa quando si trova in difficoltà.

Martínez 6,5 – Si allarga tantissimo a sinistra sacrificandosi in fase difensiva. Centra un palo in avvio di ripresa che avrebbe meritato sorte migliore (dal 71′ Sanchez 6,5 – Entra in partita con la voglia di spaccare il mondo, giocando venti minuti di alto livello).

All. Conte 6,5 – La sua Inter è cinica, soffre nel finale ma porta a casa un altro successo fondamentale, il nono consecutivo in Serie A. La beneamata, in attesa del recupero di mercoledì con il Sassuolo, vola a +8 sul Milan secondo. Altro pezzetto di scudetto cucito sul petto.

Fonte immagine in evidenza: La Repubblica

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Flash News