Connect with us
Bonucci ricorda Vialli: "Era un punto di riferimento, dalle sue parole c'era sempre da imparare"

Flash News

Bonucci ricorda Vialli: “Era un punto di riferimento, dalle sue parole c’era sempre da imparare”

Pubblicato

:

Leonardo Bonucci, dopo essere intervenuto sul suo profilo Instagram, in un’intervista a La Repubblica, ha voluto ricordare Gianluca Vialli, raccontando il rapporto tra i due e come è stato importante per la vittoria dell’Europeo. Questa l’intervista completa:

Perché possiamo definirlo un dirigente determinante?

Perché la sua figura è stata fondamentale per ripartire e per ricostruire una mentalità vincente. Lo posso dire a chiare lettere e con cognizione di causa: lui ci ha dato qualcosa in più“.

Che cosa nel particolare?

La sua leadership. Il suo carisma. Con l’autorevolezza e nello stesso tempo con l’umiltà, quando faceva i discorsi alla squadra e quelli individuali ti lasciava sempre una sensazione che nessun altro avrebbe potuto trasmetterti. Lui era stato indubbiamente un grande giocatore. Però sentivi di trovarti di fronte anche a un grande uomo“.

Che ruolo gli avevate attribuito?

Quello di punto di riferimento. Dalle sue parole c’era sempre da imparare perché dentro c’era la sostanza di un esempio vivente. Ogni volta che parlavamo, ne uscivo arricchito. Ci trovavamo spesso a discutere della vita: del campo e di quello che un calciatore fa fuori. Delle analogie tra le due situazioni. Sei simile, in campo, a quello che sei nella vita: un bravo marito, un bravo padre, un bravo amico“.

Sull’amicizia tra Vialli e il c.t. Mancini

Gianluca, insieme al mister, era per noi un esempio. All’Europeo ha fatto cose uniche. Ha aiutato ad amalgamare il gruppo coi fatti. La dimostrazione di quanto fosse importante essere uniti e generosi la dava quotidianamente“.

Col suo modo di affrontare la malattia?

Certamente il suo atteggiamento è stato un appiglio per tutti noi, lo stimolo a dare sempre qualcosa in più. Tutti sapevamo, tutti conoscevamo la battaglia che stava affrontando, ma non l’abbiamo mai visto mollare di un centimetro. Quando scendevamo per fare colazione, lui era già sul campo a fare la sua corsa, a lottare“.

Un dialogo in particolare tra Bonucci e Vialli

Quello che mi ha colpito più di tutti è abbastanza recente. Meno di un anno fa, quando fallimmo la qualificazione al Mondiale, dovevamo andare in Turchia a giocare una partita dolorosa. La mattina dopo, al rientro da Palermo, mi si avvicinò e mi disse parole che non dimenticherò mai: “Guarda, Leo, adesso siamo noi da soli di fronte alla realtà e nessuno ci può tirare su, se non lo facciamo da soli. Pensa alla mia vita: ho vissuto l’apice del successo e ora devo combattere la malattia. Ma io non mollo e così deve fare la Nazionale. Dipende solo da noi: dobbiamo guardare alla ricostruzione. Ora che Chiellini lascia, tu diventerai l’esempio che tutti dovranno seguire. E io sarò accanto a te, aiuteremo tutti a ricostruire, a riportare l’Italia dove merita di stare“.

Sul discorso di Vialli mentre cita Roosevelt

Dopo quel discorso è facile immaginare come ci sentissimo noi. Vialli sapeva trovare le parole giuste nel momento giusto: mai una frase scontata o detta a sproposito. La verità è che aveva un livello di intelligenza e di valori troppo elevato per avere fatto solo una carriera da calciatore. Era quasi l’eccezione che conferma la regola. Ognuno di noi può ricordare qualcosa di particolare. E poi era una persona divertente“.

Un aneddoto

Quello che sapete tutti, la scaramanzia del pullman: dovevamo fingere di lasciarlo a terra. Arrivava per ultimo, in extremis, e quando saliva scattava l’applauso“.

Quanto contava nel suo essere un trascinatore il fatto che fosse stato un campione?

Tantissimo. Per me lui era il capitano della mia unica Coppa Campioni, un simbolo della Juve, della leadership: il Campione. Da bambino, nel 1996, scesi in strada a Viterbo a festeggiare“.

L’ultimo dialogo con lui

A settembre, al raduno della Nazionale. Purtroppo si vedeva già che qualcosa era cambiato, dal modo in cui approcciava la giornata. Eppure dimostrò lo stesso grande senso di appartenenza, della disciplina, dei valori. Gli si leggeva in viso la sofferenza, ma si era presentato lo stesso. Forse eravamo inconsciamente preparati alla notizia, a dicembre gli avevo mandato un messaggio e non mi aveva risposto. Ma il dolore è comunque fortissimo“.

Come lo saluteranno i Campioni d’Europa?

Io cercherò di andare ai funerali: è una cosa che sento, voglio esserci. Poi, certo, non sarà più la stessa cosa. Gianluca lascia un vuoto enorme. Sono sincero, chiunque arriverà al suo posto non potrà mai essere come lui: è stato un uomo unico“.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Antonio Conte si è operato e rassicura: “Sto bene, voglio tornare sul campo”

Pubblicato

:

Inter, Conte vince la Panchina d'Oro

Antonio Conte si è sottoposto a un’operazione chirurgica per la rimozione della cistifellea a seguito di una diagnosi di colecistite. Lo aveva annunciato il Tottenham questa mattina attraverso i propri canali social, specificando che l’intervento si sarebbe svolto oggi stesso e proprio il tecnico salentino ha voluto rassicurare tutti dopo esser finito sotto i ferri. Questo il contenuto del messaggio pubblicato su Instagram dall’ex tecnico dell’Inter:

RASSICURAZIONI – “Grazie per i vostri splendidi messaggi. L’operazione è andata bene e io mi sento già meglio. Ora devo pensare a recuperare, non vedo l’ora di tornare sul campo con la squadra.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Tomori si avvicina al rientro: le ultime sulle sue condizioni

Pubblicato

:

Tomori

Sono arrivate nuove notizie sulle condizioni fisiche di Fikayo Tomori. Il centrale inglese, reduce da un infortunio al muscolo rotore dell’anca sinistra  rimediato durante la partita contro la Lazio, si è posto un obiettivo per il ritorno in campo. Per la delusione dei tifosi del Milan, non ci sarà durante il Derby della Madonnina, ma con molta probabilità l’ex Chelsea sarà schierabile durante Milan-Tottenham del 14 febbraio, valido per l’andata degli ottavi di finale di Champions League, secondo quanto riportato da MilanNews.

Nel frattempo, con ogni probabilità ci sarà Kjaer come difensore centrale durante il match contro l’Inter, crocevia fondamentale per rialzare la cresta dopo un periodo di grande crisi di risultati per gli uomini di Pioli.

Continua a leggere

Flash News

Valutazioni in corso su Pereyra e Thauvin: le ultime in casa Udinese

Pubblicato

:

Petagna

Secondo quanto riportato da udineseblog, si sta prestando molta attenzione alle condizioni di Roberto Pereyra e del neo-acquisto Florian Thauvin. L’Udinese sta valutando lo stato fisico dei due giocatori, non più giovanissimi, in vista dei prossimi impegni stagionali. Il capitano è fuori da qualche giorno a causa di un infortunio che lo ha costretto a saltare il match contro l’Hellas Verona, mentre il secondo deve ritrovare il miglior stato di forma dopo essere rimasto fermo per del tempo.

Sarà cruciale il test di domani per capire se i due potranno far parte del gruppo squadra in vista della partita contro il Torino, sperando che si allenino con il resto della rosa di Sottil. Le sensazioni sembrano buone, con i friulani che sperano un coinvolgimento immediato dell’argentino e del francese per aumentare notevolmente il tasso tecnico della squadra.

Continua a leggere

Calciomercato

L’Inter ha deciso: Skriniar torna nel derby ma senza fascia di capitano

Pubblicato

:

Inter

Il calciomercato si è concluso e Milan Skriniar è rimasto all’Inter, il suo trasferimento al Paris Saint-Germain è rimandato in estate. Adesso, però, i nerazzurri devono affrontare la parte più difficile di questa separazione: far convivere lo slovacco con l’ambiente in questi ultimi mesi a Milano. I tifosi, infatti, non hanno preso bene la scelta del calciatore di non rinnovare il contratto con il club e non hanno perso tempo nel manifestare la propria rabbia e delusione.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Skriniar non sarà più il capitano dell’Inter su scelta della dirigenza, ma il difensore tornerà comunque tra i convocati in vista del derby di domenica contro il Milan.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969