Connect with us
Brasile-Corea del Sud 4-1, le pagelle del match: Richarlison da urlo, Son inerme

Calcio Internazionale

Brasile-Corea del Sud 4-1, le pagelle del match: Richarlison da urlo, Son inerme

Pubblicato

:

Brasile

Il Brasile parte subito a raffica. Raphinha sulla destra salta tre avversari con un numero strabiliante, servendo in mezzo per l’accorrente Vinicius che stoppa e segna sul secondo palo indisturbato al 6′. Dopo pochi minuti Richarlison conquista un rigore con Neymar che lo segna in modo pregevole. La Corea subisce la qualità brasiliana ma risponde immediatamente con Hwang Hee-Chan che fa partire un tiro a giro meraviglioso che impegna Alisson a una parata complicata. Questa però è solo un’illusione perché il Brasile esonda con qualità: Richarlison palleggia di testa per poi triangolare con Marquinhos e Thiago Silva e segnare il 3-0. Prima dell’intervallo c’è spazio anche per il quarto gol: assist di Vinicius con una pennellata rifinita al volo da Paqueta che conclude violentemente in rete.

Nel secondo tempo Son Heung-Min prova a prendere per mano la Corea e dopo aver anticipato Marquinhos conclude a rete ma oggi Alisson è insuperabile. Dall’altra parte è Raphinha a tentare maggiormente la via della rete Kim Seung-Gyu lo stoppa un paio di volte. La squadra di Paulo Bento non demorde e con un cambio di assetto prova a segnare il gol della bandiera. Hwang Hee-Chan trova ancora uno strepitoso Alisson sulla sua strada dopo un tiro a botta sicura. Al 77′ finalmente Paik Seung-Ho segna il gol della bandiera con un gran tiro al volo da fuori. Il Brasile pensa a risparmiare le energie ma nonostante una Corea generosa il 4-1 rimane il risultato finale.

LE PAGELLE DEL BRASILE

Alisson 7: sembrava una serata tranquilla ma deve volare all’incrocio sul gran tiro di Hwang. Nella ripresa chiude Son con uscita spettacolare. e poi ancora Hwang a botta sicura. (dal 80′ Weverton s.v.).

Eder Militao 6: adattato a destra deve affrontare Hwang che è il più in palla della Corea. Non corre particolari rischi e offre una prova diligente. (dal 63′ Dani Alves 6: soffre qualche iniziativa di Son che si è spostato sull’esterno ma tutto sommato tiene bene in difesa. Nel finale prova anche il gol in rovesciata).

Thiago Silva 7: giocatore totale, infinito il difensore del Chelsea che oggi va a referto non solo per una prestazione perfetta in difesa ma anche per l’assist del terzo gol.

Marquinhos 6,5: grande partita anche del giocatore del PSG che si diverte insieme a tutta la squadra facendosi notare anche per il contributo alla fase offensiva. Rischia solo su Son ad inizio secondo tempo.

Danilo 6,5: è un’arma tattica fondamentale per Tite. Oggi da terzino sinistro si accentra spesso per aiutare la prima costruzione e creare una diga insieme a Casemiro davanti alla difesa. (dal 72′ Bremer 6: inserito in modo inedito da terzino sinistro non sfigura assolutamente).

Casemiro 7: partita di ordinaria amministrazione per il centrocampista del Manchester United che spessa blocca le avanzate coreane recuperando diversi palloni sulla propria trequarti.

Paqueta 7: parte dalla mediana per arrivare sulla trequarti a partecipare alla magia creata dai compagni. Il quarto gol è tutto suo, iniziato sulla trequarti e rifinito in maniera impeccabile.

Raphinha 6,5: imprendibile sulla destra fornisce un assist meraviglioso per Vinicius per il vantaggio. Prova con insistenza a segnare senza successo.

Neymar 6,5: trasforma un rigore con un’esecuzione glaciale e per il resto partecipa alla festa di una Nazionale di cui è sempre più leader. Lo si aspetta al top della forma per il rush finale. (dal 80′ Rodrygo s.v.)

Vinicius Jr. 7,5: pronti e via e sblocca il punteggio con grande freddezza. Offre anche l’assist per il 4-0 oltre a un bagaglio di numeri spettacolari che infiammano il pubblico. (dal 72′ Martinelli 6: aiuta Bremer in fase difensiva ma non ha grandi occasioni per mettersi in mostra davanti).

Richarlison 7,5: conquista un rigore da rapace d’area di rigore. Il terzo gol è tutto suo perché con una giocata da videogioco inizia l’azione e con un colpo spietato la finisce.

 

LE PAGELLE DELLA COREA DEL SUD

Kim Seung-Gyu 6: dopo quattro gol riesce a mettere i guantoni su due tiri del Brasile. Limita il passivo già molto pesante senza avere particolari colpe sui gol.

Kim Moon-Hwan 5: stringe troppo nell’azione del vantaggio verdeoro lasciando solo Vinicius. Da quel momento il giocatore del Real fa ciò che vuole e lui non fa nulla per contrastarlo.

Kim Min-Jae 5,5: prova a coprire il più possibile le grandi defezioni dei suoi compagni ma soccombe anche lui allo strapotere del Brasile.

Kim Young-Gwon 5: i movimenti di Richarlison lo mandano in netta confusione e si fa abbindolare più volte da giocate quasi umilianti da parte dei fantasisti brasiliani.

Kim Jin-Su 5: spinge quando può ma non copre abbastanza Raphinha venendo sverniciato più di una volta dall’ala del Barcellona. (dal 46′ Hong Chul 5: anche lui come il compagno di squadra non può nulla contro Raphinha, che quando entra in area crea sempre diversi pericoli).

Hwang In-Beom 4,5: il centrocampista dell’Olympiacos è molto impreciso anche nei passaggi brevi. Soffre il pressing asfissiante del Brasile e non ha possibilità di giocare semplice. (dal 65′ Paik Seung-Ho 6,5: decisamente meglio del suo predecessore in fase di interdizione, sfrutta anche i ritmi più bassi per avere un impatto discreto sulla partita. Suo il bel gol della Corea del 4-1 anche se inutile).

Jung Woo-Young 4: provoca un rigore in modo molto ingenuo atterrando goffamente Richarlison e questo determina la fine della partita. Assolutamente il più negativo della Corea risultando anche inutilmente molto falloso. (dal 46′ Song Jun-Ho 5,5: dovrebbe avere compiti di regia ma viene assolutamente annullata dalla bolgia brasiliana).

Hwang Hee-Chan 6: molto vivace il giocatore del Wolverhampton che con un tiro strepitoso impegna Alisson a un miracolo il primo tempo.

Lee Jae-Sung 5: è un trequartista ma gli viene chiesto di agire per lo più sull’out di destra dove però Danilo non gli dà punti di riferimento e non incide. (dal 74′ Lee Kang-In 6: entra e da un suo piazzato nasce il gol coreano. Regala vivacità e qualità alla manovra ma ha pochi minuti per lasciare il segno).

Son Heung-Min 5,5: prova a trascinare la squadra con conduzioni palla al piede ma spesso viene raddoppiato e finisce per non incedere come sperato. Ha una grande chance nel secondo tempo ma Alisson gli nega il gol.

Cho Gue-Sung 5: stretto nella morsa dei due centrali non ha palloni giocabili, venendo annullato completamente soprattutto da Thiago Silva. (dal 80′ Hwang Ui-Jo s.v.).

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Chi è Buchanan, la stella canadese che piace all’Inter

Pubblicato

:

Chi è Buchanan

CHI È BUCHANAN – Tajon Buchanan è un giovane talento del calcio che sta facendo parlare di sé in tutto il mondo. Con la sua velocità, la sua tecnica e il suo fiuto per il gol, questo attaccante classe 1999 sta attirando l’attenzione di molte squadre importanti. In questo articolo esploreremo la carriera di Buchanan e analizzeremo il suo stile di gioco, nonché le sue prospettive future.

UN’ALA DUTTILE PER CLUB E NAZIONALE

Buchanan è un esterno d’attacco, in grado di giocare come ala sia a destra che a sinistra. Tuttavia, spesso è stato schierato anche in posizione più arretrata come esterno di centrocampo. È anche molto rapido palla al piede. Tra i suoi punti di forza c’è il dribbling.

I PRIMI ANNI IN CANADA E NEGLI USA

Tajon Buchanan nasce il l’8 febbraio 1999 a Brampton, in Ontario. Ben presto entra a fare parte del settore giovanile del Mississauga Falcons. Nella stagione 2014/15 si trasferisce negli Stati Uniti, dove veste la maglia del Real Colorado.

Nelle Foxes resta fino alla stagione 2017/18, quando viene ingaggiato dal Syracuse, club dell’omonima università statunitense. Nel corso della stessa sessione di mercato, però, viene girato in prestito ai canadesi del Sigma. Dopo una stagione in prestito, fa ritorno al Syracuse, dove resta per un’altra stagione. L’anno successivo, nel 2018, attraverso il draft viene ingaggiato dalle giovanili del New England Revolution, club della Major League Soccer. Nel 2019, all’età di 20 anni, ha esordito in prima squadra e ha dimostrato subito di essere un giocatore di talento, segnando diversi gol e fornendo molti assist. Le sua prestazione gli sono valse il premio di “Rising Star” della MLS e ha attirato l’attenzione di molte squadre europee. Con la maglia degli statunitensi, con cui gioca fino a gennaio 2022, sigla 12 reti in 67 presenze complessive.

LO SBARCO IN EUROPA

A gennaio 2022, Buchanan ha firmato un contratto con il Club Brugge, uno dei club più importanti del Belgio, e ha continuato a giocare ad alto livello segnando reti e fornendo assist. La sua abilità nell’elaborare il gioco e la sua rapidità gli hanno permesso di diventare una delle stelle del club e di attirare ancora di più l’attenzione di squadre europee di alto livello. Fino ad ora, con la maglia dei belgi, Buchanan ha già messo a segno 2 reti in 34 presenze.

Inoltre, Buchanan è entrato stabilmente a fare parte della nazionale canadese, dove ha già segnato diversi gol. Inoltre, ha giocato un ruolo importante nella formazione anche ai Mondiali in Qatar. Con il suo talento e il suo potenziale, molti esperti di calcio ritengono che Buchanan abbia un futuro brillante davanti a sé e che possa diventare uno dei giocatori più importanti del calcio internazionale.

L’INTERESSE DELL’INTER

Nel corso dell’ultima sessione di mercato, Buchanan sembrava ad un passo dal trasferimento in Serie A dopo le ottime prestazioni ai Mondiali. Erano diverse le squadre interessate al suo cartellino, tra cui Juventus, Milan e Napoli. Il club più vicino a lui, però, era l’Inter. Secondo molti, in caso di cessione di Denzel Dumfries, la società nerazzurra avrebbe virato proprio su di lui per colmare il vuoto lasciato dall’esterno olandese. Con la permanenza dell’ex PSV, però, il trasferimento di Buchanan non si è concretizzato. Per vedere il canadese con un’altra maglia, dunque, dovremo attendere almeno fino alla prossima sessione di mercato.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Klopp: “Chiedo scusa: dobbiamo reagire subito!”

Pubblicato

:

Klopp

Jurgen Klopp, nel post-partita del match giocato contro il Wolverhampton, ha analizzato la partita sorprendentemente negativa della sua squadra. La sconfitta è maturata dopo un 3-0 roboante e con due gol segnati nel primo quarto d’ora. Il Liverpool ora è decimo a 13 punti dal quarto posto e ha subito la terza sconfitta nelle ultime tre trasferte di Premier League. Queste le parole di Klopp:

“Chiedo scusa ai tifosi. Non riesco a spiegarmi come abbiamo fatto a giocare così male, soprattutto nei primi quindici minuti quando siamo stati orribili. Dobbiamo solo lavorare per cambiare questo trend e uscire da questo periodo negativo”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

ESCLUSIVA – Nezirevic, i retroscena sul suo approdo all’Inter: c’erano altri due club interessati!

Pubblicato

:

Alem Nezirevic è un giovane terzino destro svedese che è stato acquistato dall’Inter in questa sessione di mercato per poter colmare il vuoto lasciato da Zanotti, ormai stabilmente in prima squadra. Arrivato da appena 3 settimane, il promettente difensore è stato subito messo alla prova da Chivu, allenatore della Primavera nerazzurra, che lo ha schierato titolare nel match perso contro la Sampdoria. Nezirevic è stato portato in Italia dalla Quan Sports Management: agenzia di cui Gerry Piccolillo è co-founder insieme a Daniele Piraino. Lo stesso avvocato ci ha svelato alcuni retroscena dietro il suo acquisto.

Il classe ’04 è stato prelevato a gennaio dal Motala, club di terza divisione svedese, con il quale aveva già raggiunto diverse presenze in prima squadra. A scoprirlo è stato un membro dell’agenzia di Piccolillo, Daniele Bozzo, che lo ha poi successivamente proposto allo scouting dell’Inter. Il terzino, dopo essere stato visionato tramite video e di persona, ha svolto una prova presso Interello che ha avuto esito positivo. Come riferitoci dallo stesso procuratore, oltre ai nerazzurri anche altri due club avevano messo gli occhi sul talento svedese: ovvero Milan e Sassuolo. Tuttavia, le due squadre non sono riuscite a battere la concorrenza dell’Inter, che ha fortemente voluto il giocatore.

 

Continua a leggere

Bundesliga

Haller torna a sorridere: segna il primo gol dopo il tumore

Pubblicato

:

Haller

Sébastien Haller è ufficialmente tornato: dopo essere rientrato in campo due settimane fa contro l’Augsburg, subentrando a Moukouko, nella partita odierna contro il Friburgo ha invece ritrovato la via della rete, la sua prima in Bundesliga. Al minuto 51′ l’ex giocatore dell’Ajax ha messo la palla alle spalle di Flekken portando il suo Borussia Dortmund sul 3-1. Questo gol rappresenta un lieto fine per lui dopo aver combattuto contro la malattia, ma soprattutto un nuovo inizio per Haller, che finalmente può godersi dal campo lo spettacolo del Signal Iduna Park che esulta per lui.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969