Connect with us
Brutto colpo per la Roma, Pellegrini fermo due mesi

Flash News

Brutto colpo per la Roma, Pellegrini fermo due mesi

Pubblicato

:

Non arrivano notizie confortanti da Villa Stuart, la clinica romana che questa mattina alle 7 ha accolto il centrocampista Pellegrini, accompagnato dall’agente Pocetta. L’ex Sassuolo, infortunatosi nell’ultimo turno di campionato contro il Lecce, si sottoporrà ad un intervento chirurgico al quinto metatarso del piede destro. Ad oggi i medici valutano un rientro di Pellegrini per l’inizio del mese di Dicembre.

CONTROLLI PER MKHITARYAN

L’operazione sarà condotta dal professor Santucci, il quale avrà il compito di inserire una vite che unisca le due ossa, senza alcun bisogno di rimuoverla una volta che la frattura si è ricomposta.

Pellegrini sarà dimesso già nella mattinata di domani e dopo il giusto riposo, comincerà immediatamente il ciclo di fisioterapia che lo porterà a correre entro un mese. Successivamente il giocatore potrà tornare ad allenarsi con il pallone e dunque si valuta un periodo di ripresa di almeno due mesi. Una brutta tegola per i giallorossi che avevano individuato nel trequartista il giocatore chiave per dare fluidità alla manovra offensiva. Fonseca è così costretto ad attuare delle modifiche al proprio sistema di gioco, cercando di adattare Zaniolo alle spalle di Dzeko, pur non essendo ancora convinto che quello sia il ruolo in cui esprimere al meglio il talento del numero 22.

Nel frattempo, anche Mkhitaryan si è sottoposto a dei controlli per un fastidio all’inguine avvertito durante la gara di domenica e per il pomeriggio sono previsti ulteriori aggiornamenti.

(Fonte immagine copertina: profilo Twitter Roma)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

L’Inter del futuro all’insegna della qualità: idea Firmino a parametro zero

Pubblicato

:

Firmino

Le difficoltà economiche dell’Inter hanno bloccato il mercato invernale lasciando intatta la rosa a disposizione di Inzaghi. Per il futuro non cambierà la ricetta, in quanto gli stenti economici della società di Zhang non scompariranno con un tocco di bacchetta magica, ma è il presidente in prima persona, secondo la Gazzetta dello Sport, a voler programmare la prossima Inter con colpi sì contenuti economicamente, ma di qualità di primo livello.

Il primo nome che fa la Gazzetta è quello di Roberto Firmino, in scadenza a giugno con il Liverpool. Klopp vorrebbe rimanesse con i Reds, ma a 6 mesi dalla fine del suo naturale contratto, il brasiliano è libero di potersi accordare con la sua prossima squadra, e l’Inter ci sta facendo più di un pensiero a riguardo. L’ostacolo più grande rimarrebbe l’ingaggio, che al Liverpool è di circa 10 milioni di euro, cifra oltre la soglia dettata dalla società. Ma se Firmino decidesse di accettare uno stipendio inferiore, grazie al Decreto Crescita ci sarebbero dei vantaggi fiscali che farebbero pesare meno l’arrivo dell’attaccante e agevolerebbero la riuscita della trattativa.

Continua a leggere

Calciomercato

Bologna, occhi sul terzino: sondaggio per Augello

Pubblicato

:

Augello

Il Bologna ha vissuto sin qui una stagione altalenante, pochi però sin qui gli investimenti sul mercato in questa stagione. Ora però secondo quanto riportato da Gianluca Di Marzio, emergono nuovi nomi per la squadra felsinea. Con questa nuova immissione di capitale da parte della dirigenza si opererà sul mercato.

IL TERZINO SINISTRO CHIESTO DA MOTTA

Il Bologna ha infatti effettuato un sondaggio per Augello della Sampdoria. Il terzino italiano potrebbe quindi partire per una nuova avventura in Serie A e diventare il nuovo padrone della fascia sinistra. Augello, ad oggi, conta 18 partite e 1 gol in questa stagione. Il Bologna vorrebbe prendere il giocatore in prestito con diritto di riscatto, mentre la Sampdoria spinge per la  cessione a titolo definitivo. Per questo, la società rossoblu sta cercando altri profili, nel caso in cui la loro prima opzione non andasse in porto.

Il secondo nom, quindi,  è quello di Kai Wagner, terzino sinistro del 97, gioca nei Philadelphia Union. In quattro anni nella MLS ha disputato 107 partite, segnando 3 reti e 20 assist.

Continua a leggere

Calciomercato

In standby la trattativa per Ziyech: la formula ostacola la Roma

Pubblicato

:

Ziyech

Ziyech è da tempo l’obiettivo numero uno in caso di partenza di Zaniolo, ma ora, secondo quanto riportato da Gianluca Di Marzio, emergono dei nodi che potrebbero bloccare l’ingaggio del marocchino.

 

LA QUESTIONE DELLO SLOT PRESTITI

Il Chelsea non può cedere il giocatore in prestito, in quanto ha riempito tutti gli otto slot previsti dal regolamento. Nel caso in cui quindi la Roma si seriamente intenzionata a prelevare il calciatore, potrà aggiudicarselo unicamente a titolo definitivo. Il calciatore, inoltre, al Chelsea guadagna circa 6 milioni di euro all’anno, una cifra che i giallorossi non andrebbero a spendere a cuor leggero. Al momento, per Ziyech i Blues chiedono circa 20 mln, anche se la cifra potrebbe rapidamente scendere nel caso in cui venisse avviata una reale trattativa.

Continua a leggere

Flash News

Carlo Castellani, l’attaccante dell’Empoli morto a Mauthausen

Pubblicato

:

Oggi è il 27 gennaio, riconosciuto a livell0 mondiale come “Giorno della Memoria”. Infatti, ormai 78 anni fa, il campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau fu liberato: le truppe sovietiche al suo interno trovarono solo 7000 superstiti. Ma oltre al campo di concentramento polacco, molti altri furono in funzione fino a pochi giorni dalla caduta della Germania: Dachau, Bergen-Belsen e Mauthausen sono i più noti. Proprio all’interno di un sottocampo di quest’ultimo morì Carlo Castellani, calciatore italiano nato nelle campagne fiorentine. Ma perché i nazisti lo trasferirono come deportato nel campo di concentramento austriaco?

Carlo Castellani nasce a Montelupo Fiorentino nel 1909; dal 1926 inizia a giocare con l’Empoli, segnando 49 gol in sole 77 presenze. Dopo due esperienze sfortunate con Livorno e Viareggio, Castellani fa ritorno a Empoli, chiudendo il percorso da calciatore con 61 reti in maglia azzurra. Nella notte tra il 7 e l’8 marzo 1944 un rastrellamento eseguito dalle truppe naziste porta all’arresto del padre di Carlo. Il giovane si offre volontario per sostituirlo, probabilmente convinto che si tratti di un controllo di routine da eseguire in una caserma.

Il ragazzo, tuttavia, non farà più ritorno in Toscana: caricato su un treno diretto a Mauthausen, Castellani viene imprigionato come detenuto politico nel sottocampo di Gusen (la sua famiglia aveva posizioni antifasciste) e sfruttato per i lavori forzati. Consumato dalla fatica, Carlo Castellani muore nell’agosto del 1944. In suo ricordo, gli stadi di Empoli e Montelupo Fiorentino portano ancora oggi il suo nome.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969