Seconda giornata del gruppo C valevole per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar del 2022. L’Italia si impone per la prima volta nella sua storia in casa della Bulgaria, ottenendo tre punti importanti pur senza brillare. Mancini opera sei cambi nell’undici titolare azzurro rispetto alla partita di giovedì contro l’Irlanda del Nord e porta a casa il ventiquattresimo risultato utile consecutivo.

LE PAGELLE DELLA BULGARIA

Iliev 6,5 – Incolpevole sui gol subiti, nega la gioia del gol ad Immobile per due volte nel giro di dieci minuti.

Dimov 5 – Causa il rigore con il fallo su Belotti ed è costantemente in affanno nel contenere Insigne.

Antov 5 – Si perde Belotti sul lancio di Verratti che porta al palo dello stesso attaccante granata e, in generale, non dà mai una sensazione di sicurezza, rischiando di causare un secondo rigore sempre su Belotti.

Bozhikov 5,5 – Ammonito e spesso in ritardo anche lui, rischia a metà secondo tempo con un intervento in area al limite su Belotti.

Cicinho 5 – Fatica molto a contenere uno scatenato Spinazzola e, infatti, Petrov lo lascia negli spogliatoi (dal 46′ Karagaren 6,5 – entra bene in partita e reclama un calcio di rigore per un sospetto tocco di mani di Sensi. Propositivo).

Chochev 5,5 – Non riesce ad opporre resistenza al cospetto di un pur non brillantissimo centrocampo azzurro.

Kostadinov 5,5 – Vertice basso nel centrocampo a cinque, il capitano della Bulgaria si fa ammonire e non disputa certo una gara memorabile (dal 62′ Malinov 6 – poco meglio del suo capitano).

Vitanov 6 – Gioca senza strafare. Compitino (dall’89’ Raynov SV).

Tsvetanov 6 – Meglio nella ripresa con qualche cross interessante, aiutato anche dal fatto che, questa sera, l’Italia attacca molto di più a sinistra con Spinazzola e Insigne.

Delev 6,5 – In campo al posto dell’infortunato Despodov, svaria sul fronte offensivo e smista molti palloni. Il migliore dei suoi (dal 78′ Iliev SV).

Galabinov 5,5 – Cerca di giocare di sponda e aiutare la squadra a salire e ripartire, ma non impensierisce mai il duo Bonucci-Acerbi.

CT Petrov 6 – cambia modulo rispetto al 3-4-2-1 visto contro la Svizzera, impostando una partita comunque molto difensiva. Non si poteva chiedere di più ai suoi.

LE PAGELLE DELL’ITALIA

Donnarumma 6 – Praticamente mai chiamato in causa, effettua l’unica parata della sua partita a gioco fermo.

Florenzi 5,5 – L’Italia sfrutta molto di più la fascia sinistra per sviluppare le sue azioni d’attacco. Non brillantissima la prova del terzino del PSG, che si rivela il meno brillante della linea difensiva di Mancini (dal 68′ Di Lorenzo 6 – ordinato e disciplinato)

Bonucci 5,5 – Non corre rischi dietro ma non è un fattore in fase di costruzione come in altre serate, peccando spesso di precisione.

Acerbi 6 – si occupa più di Galabinov e lascia a Bonucci i compiti d’impostazione. Mai impensierito.

Spinazzola 6,5 – Particolarmente ispirato il terzino della Roma che mostra la solita verve e una grande gamba. Scalzato Emerson Palmieri nel ruolo di terzino sinistro titolare?

Barella 5,5 – Meno aggressivo del solito, non lascia il segno

Sensi 5,5 – Mancini lo schiera da titolare nonostante il centrocampista dell’Inter, in questa stagione, sia partito dal primo minuto solamente in due occasioni. Come il suo compagno di squadra Barella non brilla (dal 68′ Locatelli 7 – decisamente meglio di chi lo ha preceduto, segna il suo primo gol – e che gol – in Nazionale, chiudendo definitivamente i conti)

Verratti 6 – Sin dai primi minuti scambia spesso la posizione con Sensi, ma è spesso impreciso. Si guadagna la sufficienza con il lancio per Belotti che porta al palo dell’attaccante granata e con il colpo di tacco per Insigne che da il là all’azione dello 0-2 (dall’88’ Pessina SV)

Chiesa 5 – Male l’esterno juventino, che disputa una gara contraddistinta dall’imprecisione e dal nervosismo. Si sono viste sue versioni migliori. (dal 75′ Bernardeschi SV)

Belotti 7 – Si procura e trasforma il rigore che sblocca il risultato, siglando il suo undicesimo gol in nazionale. Sfiora la doppietta centrando il palo a metà secondo tempo e non riuscendo a ribadire in rete (dal 75′ Immobile 5,5 – sbatte due volte contro Iliev fallendo maldestramente un rigore in movimento).

Insigne 6,5 – Si intende bene con Spinazzola e, anche in una partita dove non eccelle, lascia il segno con l’assist per Locatelli.

CT Mancini – Primo tempo non giocato benissimo ma comunque sbloccato nei minuti finali. Poco meglio nella ripresa, ma l’importante erano i tre punti, raggiunti anche oggi. Ventiquattresimo risultato utile consecutivo

Photo shared by Nazionale Italiana di Calcio on March 28, 2021 tagging @mrmancini10. May be an image of 1 person and standing.

Fonte: profilo Instagram Azzurri

fonte immagine in evidenza: profilo Instagram Azzurri