Connect with us
Buona la prima per Sampaoli

Generico

Buona la prima per Sampaoli

Pubblicato

:

Argentina

Buona la prima per Jorge Sampaoli alla guida della Seleccion Argentina. Il tecnico ex Siviglia esordisce con una vittoria di misura sui rivali storici del Brasile, infliggendo la prima sconfitta dell’era Tite.

LA PARTITA

Esordio incoraggiante per el hombrecito Jorge Sampaoli sulla panchina dell’Albiceleste. Vittoria importante per il morale, per la speranza e anche perché è stata inflitta ai rivali verdeoro, che non perdevano da circa 1 anno, eliminati dal Perù nella Copa America Centenario. La seleccion parte forte, e nel primo tempo crea le occasioni più pericolose della partita,  con Di Maria che colpisce un palo in avvio, sfiora il vantaggio con Dybala e poi sul finire della prima frazione con la orca, Gabriel Mercado trova finalmente l’1-0 sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Nella ripresa cala un po’il ritmo, complici anche i diversi cambi effettuati dai  2 commissari tecnici, ma non mancano le emozioni con il Brasile che colpisce 2 pali nella solita azione, con Gabriel Jesus e Willian. Nel finale poi rimane a terra l’attaccante del City, dopo l’ennesimo colpo subito dai vari Otamendi e Maidana, a conferma che di amichevole nel Superclasico de las Americas, non ci sia proprio niente.

LE SCELTE  DI SAMPAOLI

La prima Argentina dell’era Sampaoli assomiglia molto al Siviglia di questa stagione. A partire dalla novità della  difesa a 3, oltre all’attuale difensore sevillista Mercado infatti, c’erano Otamendi e Maidana a comporre un terzetto inusuale a livello di Seleccion, ma abituale nel club andaluso. Inoltre c’è stato l’esordio da titolare di Jose Luis Gomez, terzino 23enne del Lanus, schierato inizialmente come centrocampista esterno, per poi ripiegare sulla linea dei difensori in fase di non possesso, ricordando molto Mariano. A centrocampo doppio pivote, con Biglia e Banega che rappresentano i 2 veri punti fermi di questa squadra, entrambi in grado quest’oggi di dare geometrie, copertura ed equilibrio. Davanti spazio al Fideo sulla fascia mancina e a Dybala e Messi liberi di scambiarsi, a supporto di Gonzalo Higuain.

 

RIVOLUZIONE

E’ partita ufficialmente la rivoluzione di Sampaoli. Il coraggioso tecnico argentino ha finalmente convocato giocatori nuovi e allo stesso tempo meritevoli, di avere una chance di rappresentare il proprio Paese. Sintomo di un rinnovamento sia tattico che generazionale. Partendo dal terzino Gomez, che ha giocato una discreta partita sulla corsia di destra, (soprattutto nell’apporto in fase offensiva) nonostante abbia manifestato qualche problema nell’affrontare Willian.

L’esordiente Jose Luis Gomez ha completato 27 passaggi sui 31 totali, vincendo 3/4 dei duelli individuali.

Bene anche la difesa a 3, con Nico Otamendi in gran spolvero e vero leader della retroguardia insieme a Mercado. Qualche dubbio lo ha lasciato invece Maidana, il centrale del River ha sofferto molto la dinamicità e la velocità dei vari Gabriel Jesus e Paulinho, ma nell’economia del match si è dimostrato solido. Buone notizie arrivano soprattutto però dalle trame offensive con Messi e Dybala che finalmente hanno iniziato a cercarsi, e con un Di Maria sempre volenteroso e vera spina nel fianco dei brasiliani sulla corsia mancina, come non lo si vedeva da diverso tempo.

Messi ha completato il 96% dei suoi passaggi(24/25), ed il giocatore con cui ha avuto più scambi andati a buon fine è stato Dybala.

L’unica nota stonata è arrivata da Gonzalo Higuain, sostituito all’intervallo dopo che nell’arco dei primi 45 minuti è stato il giocatore argentino con meno passaggi effettuati. Sampaoli ha così deciso di inserire un falso nueve come il Tucu Correa, giocatore migliorato molto in quest’ultima stagione a Siviglia e pupillo del Ct,  che si è reso protagonista di una buona prestazione nel corso della ripresa, attaccando la profondità e cercando soprattutto di interagire con Messi. Una scelta curiosa visto che in panchina oltre all’infortunato Icardi, c’era anche Lucas Alario, centravanti del River, ma Sampaoli ha preferito sperimentare un modulo senza  punti di riferimento, come fatto anche al Siviglia quest’anno, nella nazionale cilena e nella U de Chile.

Higuain è stato il giocatore che ha effettuato meno tocchi nel 1T, (13).

Anche se magari solo per un tempo si sono viste trame offensive interessanti, e alcuni concetti, come quello del possesso palla e di non essere mai rinunciatari, già messi in pratica dai giocatori. Un cambiamento importante e radicale se guardiamo agli ultimi incontri disutati sotto la guida del paton Bauza, in cui la strategia di gioco assomigliava più al vecchio catenaccio e contropiede (partita contro il Cile al Monumental per rendere l’idea), un vero spreco di talento per una squadra ricca di buoni palleggiatori.

Banega è il giocatore che ha effettuato più tocchi nella prima frazione (65)

LINFA NUOVA

Oltre ai già citati Gomez, Correa e Maidana, il Ct ha dato la possibilità anche al laterale mancino, Nicolas Tagliafico di giocarsi una mezz’ora importante di gara, visto che Marcos Rojo tornerà dall’infortunio al ginocchio solo verso Novembre. L’attuale capitano dell’Independiente è uno dei giocatori con l’andamento più regolare del campionato locale, dalla fallimentare esperienza europea al Real Murcia del 2012, il classe 92 è stato protagonista della risalita del Banfield in Primera Division, per poi essere ceduto ad una big del calcio argentino come l’Independiente. Bauza durante la sua gestione ne aveva parlato bene sottolineando però che avrebbe pagato la sua statura di 1,71 m. Niente di più sbagliato, basti pensare a terzini di livello internazionale come Jordi Alba(170cm) oppure alle recenti prestazioni dello stesso Tagliafico, impiegato con ottimi risultati da difensore centrale nel proprio club.

Tagliafico nel suo esordio con l’albiceleste, impegnato nel duello con Willian

Sempre nel reparto arretrato è stato riproposto nei minuti finali il classe 96 Emanuel Mammana, entrato al posto dell’infortunato Mercado. Uno scampolo di partita anche per il trequartista del West Ham, Manuel Lanzini che fa il suo debutto in nazionale mostrandosi funzionale nel gioco del Ct, per la sua buona tecnica ed il palleggio, fondamentali in una squadra che ricerca sempre di essere padrona del gioco. Si è trattato invece di un esordio assoluto per il centrocampista dell’America di Città del Messico e scuola River Plate, Guido Rodríguez. Il mediano che venne ceduto dal River per dar spazio a Kranevitter qualche stagione fa, si è preso una piccola rivincita sull’attuale centrocampista del  Siviglia, che nonostante quest’anno abbia lavorato costantemente con Sampaoli, non è riuscito a meritarsi la convocazione. Per i vari Papu Gomez, Paredes, Fazio, Alario e Nacho Fernandez ci sarà spazio sicuramente nella prossima amichevole  con Singapore.

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Nessun aumento di capitale fino al 2025 per la Juventus

Pubblicato

:

Tifosi bianconeri

Come è noto, sono giorni difficilissimi in casa Juventus. I risultati sul campo latitano, l’unica gioia in Coppa Italia, e e la situazione societaria, se vogliamo, è messa ancora peggio. Dopo i 15 punti revocati, i bianconeri temono nuove sanzioni, ma bisogna comunque rispondere sul campo e restare concentrati. Nel frattempo in casa Juve si analizza anche il capitale da investire.

Come riporta Tuttosport, nelle scorse ore la Juventus ha diffuso il documento che spiega come fino al termine della stagione 2024-2025 non siano previsti ulteriori aumenti di capitale. Piove sul bagnato a via Druento.

 

 

Continua a leggere

Flash News

Ultim’ora Milan: Ismaël Bennacer salterà il derby contro l’Inter

Pubblicato

:

Milan

Pessima notizia per il Milan. Come evidenziato dagli esiti degli esami svolti questo pomeriggio, Ismail Bennacer salterà il derby contro l’Inter. Come riportato da Antonio Vitiello, la risonanza magnetica ha evidenziato una lieve lesione muscolare al bicipite femorale della gamba sinistra.

Ora l’algerino verrà rivalutato settimana prossima e punterà a rientrare entro il match di Champions contro il Tottenham. Salgono le quotazioni di Krunic per un posto da titolare domenica sera.

Continua a leggere

Champions League

Mbappé va ko: il comunicato lo esclude dalla sfida contro il Bayern

Pubblicato

:

Mbappé

Kylian Mbappé si ferma per infortunio. Il fuoriclasse del PSG ha accusato un problema muscolare durante la sfida contro il Montpellier, da cui è dovuto uscire anzitempo. Oggi il francese si è sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato una lesione muscolare, che, di fatto, lo esclude dagli ottavi d’andata contro il Bayern Monaco in Champions League. Di seguito, riportiamo il comunicato della società parigina, che annuncia come Mbappé sarà out per tre settimane:

Dopo essere stato sottoposto ad esami, Kylian Mbappé ha riportato un infortunio alla coscia sinistra a livello del bicipite femorale. Dovrebbe restare fermo per tre settimane. Oggi verranno effettuati altri test per Sergio Ramos

Continua a leggere

Calciomercato

La Rassegna Social del Diez – Enzo al Chelsea, impresa Cremonese!

Pubblicato

:

Punto d’informazione, di impressioni e passioni condivise, i social network oggi più che mai raccontano le emozioni dei tifosi. Numero Diez vi presenta la rassegna dedicata ai più importanti messaggi della giornata di ieri.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969