Connect with us

Generico

Cagliari, la stagione del fallimento: i motivi della disfatta

Pubblicato

:

baselli

“Una terra, un popolo, una squadra”. Così recita uno dei moti recitati dai tifosi e scritti nella Unipol Domus, casa del Cagliari, che rappresenta non solo una città ma gran parte del popolo sardo. Un legame che unisce e rappresenta a livello nazionale un intera regione, che gioisce o piange insieme alla sua squadra. Purtroppo in questo caso parliamo di una grande sconfitta.

Doveva essere la stagione in grado di risollevare il morale per trovare la continuità nei risultati. Invece, dopo l’incredibile salvezza dell’anno scorso conquistata con il grande lavoro di Leonardo Semplici, si è trasformata in un incubo. Dopo 6 anni, il club di proprietà di Tommaso Giulini, incontra nuovamente l’inferno, tornando in Serie B. L’ambiente è ormai spaccato: vanno ormai avanti da tempo le tante contestazioni da parte dei tifosi rossoblù nei confronti del presidente che invece continuerà la propria strada con questa società. Ma quali sono state le cause della stagione, o di una serie di decisioni, che hanno portato alla retrocessione del Cagliari?

L’INIZIO

Pronti via, arriva dopo solo tre giornate una decisione abbastanza forte da parte della dirigenza. Mister Semplici viene esonerato dopo la sconfitta interna contro il Genoa, dopo la rimonta subita dai padroni di casa dal 2-0 al 2-3. La scelta è maturata dopo già qualche malumore nato prima che la stagione potesse iniziare. Infatti, il presidente Giulini avrebbe preferito ingaggiare un allenatore più altisonante in grado di portare anche la propria squadra sino all’Europa. Ecco che quindi viene scelto il numero 1 della lista del proprietario dei sardi: Walter Mazzarri. Ma facciamo ancora un passo indietro.

Leonardo Semplici è stata la persona in grado di riportare entusiasmo e voglia nel tentativo di conquistare la salvezza. Precedentemente ci era riuscito anche in quel di Ferrara, dove è ancora ben ricordato per gli anni passati alla Spal. Dopo un girone di ritorno straordinario, il tecnico porta a casa il compito in una squadra con evidenti lacune ma con grande passione e grinta. Così guadagna anche la fiducia per il campionato successivo.

Il mercato però non porta a quello richiesto ed il Cagliari si trova dunque senza un regista di centrocampo, un attaccante di peso che possa far rifiatare un acciaccato Pavoletti e qualche aggiustamento in difesa non viene di fatto preso in considerazione, mentre si punta ancora su un Godin che con tanti malumori rimane alla base e viene firmato un difensore in fase calante come Martin Caceres. Unica nota positiva del mercato sarà l’arrivo del giovane Bellanova che si rivelerà comunque un ottima sorpresa.

TRA ALTI E BASSI

Si riparte dunque da Mazzarri, prima scelta di Giulini che non è mai stato convinto totalmente di Semplici nonostante i risultati ottenuti nella scorsa stagione. Gli ultimi acquisti portati dal mercato estivo sono l’attaccante Keita Balde, il centrocampista Alberto Grassi ed il terzino sinistro Dalbert. Tranne che per l’arrivo di Grassi che ha poi trovato un ruolo chiave nel centrocampo visti i continui infortuni di Strootman, altro acquisto che si è rivelato fallimentare, i nuovi arrivati non hanno risolto i veri problemi del Cagliari. Questo diranno anche i risultati pessimi del girone di andata. In ben 19 partite il club sardo vince una sola partita, quella in casa contro la Sampdoria. Tranne che per il reparto offensivo dove Joao Pedro, capitano della squadra, ha tenuto in vita la squadra con preziosi pareggi, gli altri reparti sono rimasti in estrema difficoltà, per lo più quello difensivo.

Così arriva una forte presa di posizione della società: dopo la pesante sconfitta contro l’Udinese per 4-0 subita in casa, alcuni giocatori lasciano in maniera immediata la squadra nel mercato invernale. Mentre i tanti supporter del team chiedevano dunque l’esonero di Mazzarri, le colpe sono ricadute su altri.

“Walter Mazzarri resta di sicuro il nostro allenatore, su questo non ci sono dubbi nonostante le voci. Invece andranno via dei calciatori che non si sono dimostrati degni di indossare questa maglia, ci vuole rispetto”.

Stefano Capozucca, ds Cagliari post partita Cagliari Udinese 0-4

Lasciano dunque Diego Godin e Caceres, mentre Giorgio Altare viene considerato fra i titori insieme anche al giovane Carboni. I risultati iniziano a vedersi sia con il lavoro che grazie al mercato, dopo gli arrivi di Lovato e Baselli. Dopo venti giornate il Cagliari conquista la sua seconda vittoria in campionato battendo ancora una volta la Sampdoria per 2-1. In otto partite, quindi sino alla 27 giornata, i rossoblù vincono altre 3 partite, con alcuni risultati pesanti come quelli contro l’Atalanta e il Torino, sconfitti entrambi per 2-1 fuori casa. L’altra vittoria arriva invece con il gol all’ultimo minuto di Gaston Pereiro, contro il Bologna sempre per 2-1, giocatore che nel girone di ritorno sembrava aver svoltato gli equilibri della squadra.

LA MANCATA SALVEZZA

Poi di nuovo il buio. Una serie di 5 sconfitte che ha portato la squadra di nuovo nella zona retrocessione con un Genoa e una Salernitana in enorme ripresa. Per rispondere alle dirette concorrenti, ecco l’importante vittoria casalinga alla 33 contro il Sassuolo, che arriva prima dello scontro diretto proprio contro il Grifone. Una bella dose di fiducia per una partita decisiva. E invece ecco quello che nessun tifoso del Cagliari si sarebbe aspettato. Il Genoa vince agli ultimi minuti con un gol di Badelj la delicata sfida salvezza mettendo pressione dunque sui sardi. Ed è qui che troviamo il secondo momento della spaccatura fra allenatore, società ma anche giocatori.

Il Cagliari perderà anche la sfida contro l’Hellas Verona e Giulini prende la terza scelta che determina la stagione del suo club: esonera Walter Mazzarri dopo un presunto litigio fra tecnico e squadra affidando le sorti salvezza ad Agostini, allenatore della primavera con cui stava ottenendo grandi risultati ma con nessuna esperienza in A.

Si arriva quindi alla sfida, forse, più importante dell’anno: Salernitana-Cagliari. Dopo una partita combattuta all’Alechi, i rossoblù agguantano il pareggio al minuto novantanove con Altare ponendo quindi ancora speranze per la permanenza nel massimo campionato italiano. Ma tutto questo non basterà. Il Cagliari perderà infatti la difficile sfida contro l’Inter per 3-1 e nell’ultima giornata, nonostante la batosta subita dalla Salernitana contro l’Udinese per 4-0, non riesce a segnare il gol vittoria a Venezia che condanna il club alla retrocessione. Dopo 7 lunghi anni di sogni e disfatte, il Casteddu torna in Serie B.

Questa volta non basterà affrontare con la categoria con i rimasti dallo smantellamento come nel 2015/2016, ma servirà programmazione e gestione per salire di nuovo in Serie A. Cosa che è mancata in questa stagione ma anche nella scorsa, con ben 4 allenatori che si sono divisi il compito di guidare una squadra in una piazza importante del nostro campionato.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

L’Italia scopre Buchanan: tre italiane si fanno sotto

Pubblicato

:

Una delle nazionali che maggiormente si è guadagnata la simpatia e gli apprezzamenti di tifosi e addetti ai lavori nel corso di Qatar 2022 è stata senza dubbio quella del Canada; nonostante gli zero punti conquistati dai nordamericani nel girone possano far pensare il contrario, Davies e soci hanno infatti messo in mostra un calcio audace e propositivo, peccando probabilmente di ingenuità contro squadre ben più esperte ed attrezzate come Croazia Belgio, che al Mondiale precedente avevano addirittura raggiunto il podio finale.

Tuttavia, come di consueto, la rassegna iridata è stata un’ottima occasione per diversi talenti in rampa di lancio di mettersi in mostra; tra di essi spicca il nome di Tajon Buchanan, ala classe ’99 attualmente in forza al Club Brugge, che in Qatar ha impressionato per la sua facilità nel saltare l’uomo e per la sensibilità del suo piede destro. Tali doti non sono sfuggite solo alla dirigenza del Napoli, al cui interessamento si era già accennato nei giorni scorsi, ma neanche a quelle di Milan e Juventus, che secondo alcune indiscrezioni provenienti dal Belgio avrebbero deciso di iniziare a monitorare il 23enne canadese.

Continua a leggere

Flash News

Il Barcellona è pronto a farsi avanti per Martinelli dell’Arsenal

Pubblicato

:

Il Barcellona sta preparando il colpo di gennaio per assicurare a Xavi un nuovo innesto in zona offensiva.

Il nome è quello di Gabriel Martinelli, attualmente in forza all’Arsenal. Il giovane talento brasiliano sta partecipando al mondiale in Qatar con la nazionale verdeoro e si sta mostrando una valida alternativa la davanti nonostante gli svariati fuoriclasse che ha il Brasile in attacco.

Per il classe 2001 questo è l’anno dell’esplosione definitiva, al momento in Premier League ha già collezionato 5 gol e 2 assist in 14 partite, ovvero la sua squadra parte 1-0 una partita su due.

Potrebbe quindi essere il profilo giusto per il Barcellona attualmente primo in classifica e con un’Europa League da vincere a tutti i costi.

 

 

Continua a leggere

Flash News

Inzaghi esalta il Frosinone: “Per batterlo servirà la miglior Reggina”

Pubblicato

:

Brescia Lopez

Scontro ad alta quota in Serie B, dove si affrontano Reggina e Frosinone. Nella conferenza della vigilia Filippo Inzaghi, tecnico dei calabresi, ha presentato così la sfida contro la capolista:

“A inizio ho sempre detto che Genoa, Cagliari e Parma hanno squadre superiori rispetto alle altre, ma non scopriamo il Frosinone. Noi siamo un po’ il Frosinone dello scorso anno. Hanno azzerato, hanno lottato e così si ritrovano ai vertici”.

Entrando nei particolari del match:

” A loro piace comandare la partita, esattamente come noi, credo che sarà una bella partita. Non mi preoccupo degli avversari, penso alla grande occasione che abbiamo davanti al nostro pubblico. Per vincere servirà la miglior Reggina“.

Ha poi parlato anche del possibile 11 titolare:

” Ci attendono due gare ravvicinate, 4-5 giocatori tra domani e il fine settimana li cambierò, ma ho ancora questa notte per pensarci. Menez? Ha lavorato bene e si merita quello che ha. Ho un gruppo fantastico, mi si spezza il cuore a lasciare qualcuno fuori“. Infine un’ultima battuta anche sulla classifica: “Si sta chiudendo il girone di andata e, nonostante qualche battuta d’arresto non mi sono mai scoraggiato. Servono solo stimoli ulteriori per mantenere la classifica che, se abbiamo, è perché ce la siamo meritata”.

Continua a leggere

Generico

Salernitana, Iervolino a sorpresa: “Saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato”

Pubblicato

:

Salernitana

Ospite della trasmissione Si gonfia la rete su Radio CRC, è intervenuto il presidente della Salernitana Danilo Iervolino. Il patron dei campani, tra le varie domande, riportate da SalernoSport24, ha espresso il proprio parere sul cammino della squadra e sul campionato di Serie A.

Sulla Salernitana

“Non vorrei essere troppo mieloso, ma penso che il nostro campionato sia straordinario, ricordo che quando ero piccolo vi era un grande dislivello mentre oggi anche le squadre meno facoltose si scontrano a viso aperto con le prime della classe. Dobbiamo continuare su questa strada, cercando di ottenere punti anche con le big”.

Sul campionato

“Penso che non si debba perdere la concentrazione e l’impegno, e al riguardo la sosta sicuramente non avrà tale effetto. Le squadre che hanno fatto bene continueranno a fare bene. Noi saremmo contenti come Salernitana, di avviare il progetto della città della Sport a Salerno. L’obiettivo è quello di creare una vera e propria cittadella dello sport salernitano. Non ci cambierebbe l’entusiasmo, arrivare decimi o dodicesimi, ci importa fare bel gioco e saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969