Connect with us

Calciomercato

Calciomercato, i giudizi del Diez: Udinese

Pubblicato

:

ACQUISTI

Pontisso (d, Spal, fp), Iniguez (c, Tigre, fp), Lasagna (a, Carpi, fp), Mallé (a, Granada), Barak (c, Slavia Praga, 3), Bizzarri (p, Pescara, gratuito), Pezzella (d, Palermo, 4.5), Ingelsson (d, Kalmar, 0.75), Nuytinck (d, Anderlecht, 3), Bajic (a, Koniaspor, 5.5), Caiazza (d, Benevento), Behrami (c, Watford), Stryger Larsen (d, Austria Vienna, 1.5), Maxi Lopez (a, Torino, gratuito), Coulibaly (c, Pescara, 2), Sierralta (d, UD de Chile)

CESSIONI

Kums (c, Gent, fp), Zapata (a, Napoli, fp), Felipe (d, Spal), Faraoni (d, Crotone), Heurtaux (d, Verona), Badu (c, Bursaspor), Gabriel Silva (d, Saint Etienne), Insua (d, Panathinaikos), A. Zapata (a, Millionarios), Thereau (a, Fiorentina), Karnezis (p, Watford), Koné (c, AEK Atene), Wague (d, Watford), Lucas Evangelista (c, Estoril, p), Coulibaly (c, Pescara, p), Guilherme (c, Deportivo La Coruna, 4.5)

LE PARTENZE

Nell’economia generale della squadra pesano le partenze dei giocatori importanti, non rimpiazzati adeguatamente dalla società. Vi è il timore che il campo non possa smentire questa probabile bocciatura di mercato. Bocciatura che non arriva solo dagli addetti ai lavori, ma anche dalla tifoseria che si sente tradita dalle scelte finali e che fino all’ultimo ha sperato in un colpo in avanti.

La partenza che fa più male è sicuramente quella di Thereau. Non è stata tanto criticata la cessione del francese, ormai un atto dovuto – da un paio d’anni infatti voci lo volevano lontano da Udine – ma la ragionevole speranza era che si puntasse a una alternativa importante. Un sostituto in grado di reggere il confronto realizzativo del francese, a segno ben 12 volte nello scorso campionato.

Parliamo ora dell’altro partner d’attacco: Zapata. La sua cessione segue le fredde logiche del mercato. Arrivato il termine del prestito è ritornato a Napoli, poi è stato sedotto dal progetto della Sampdoria. Le sue dichiarazioni poi hanno definitivamente chiuso le porte in faccia ad un ipotetico ritorno della società bianco nera per una ricompra.

La cessione di Karnezis è stata, invece, una scelta tecnica della dirigenza e dell’allenatore. L’Udinese aver già scelto come numero 1 per la prossima stagione il giovane Scuffet, alla ricerca della definitiva consacrazione dopo alcune stagioni in prestito. Il portiere greco giocherà in Premier, al Watford (società sempre di proprietà dei Pozzo). Bellissime le parole con cui ha lasciato l’ambiente friulano:

 Un pezzo del mio cuore rimarrà per sempre a Udine. Tiferò sempre questa squadra.

Dopo 5 lunghi anni ha salutato anche Heurtaux, per approdare a Verona. Anche lui ha dedicato sul suo profilo Instagram belle parole a società, tifosi e compagni. Lascia un buco al centro della difesa difficile da colmare. Toccherà a Del Neri far crescere bene il giovane Nuytinck, arrivato dall’Anderlecht.

Buco importante anche quello lasciato da Felipe. Arrivato a Udine giovanissimo, è maturato nella società friulana trascorrendovi otto stagioni. Dopo le presenze con Cesena, Fiorentina, Parma e Inter è tornato dove tutto era iniziato. Lascia Udine e l’Udinese con l’amaro in bocca. Avrebbe voluto fortemente finire nel capoluogo friulano la sua carriera ma, sempre secondo le sue parole, ciò non è stato possibile.

GLI ARRIVI

Se andiamo ad analizzare la campagna acquisti dal punto di vista numerico, l’Udinese ha sicuramente fatto un buon lavoro. Ha infatti venduto meno giocatori di quelli comprati, allungando così la rosa. Ma come sappiamo benissimo, non è la quantità che conta, ma la qualità. Qualità che in questa sessione di mercato non è stata sufficiente. Vi è un dato che fa chiarezza su questa insufficienza: l’Udinese ha ceduto sei titolari. Più di metà squadra. Le alternative che sono arrivate però non sembrano essere del tutto all’altezza.

Ultimo acquisto, sicuramente il più discusso, è stato Maxi Lopez. Arrivato per sostituire Thereau, non ha trovato folle festanti al suo arrivo. I tifosi conoscono molto bene la situazione dell’argentino. La punta arriva da stagioni sicuramente non esaltanti, ed i chili di troppo che si porta dietro da altrettanti anni sono ormai di dominio pubblico. Mihajlovic non è riuscito a trasformarlo, ma chissà che un ambiente ed un allenatore più rilassato come Del Neri riescano nell’impresa. Eguagliare i 12 gol di Thereau non sarà per niente semplice.

Arriva con molte aspettative il nuovo centrale difensivo, Bram Nuytinck, che fornisce grande fisicità e dominio del gioco aereo. Con una buona esperienza internazionale (con l’Anderlecht ha giocato sia in Champions che in Europa League) si porta sulle spalle un importante paragone; quello con Jap Stam. Come l’olandese, Nuytinck è un difensore centrale mancino dotato di una grande struttura fisica. Può, naturalmente, essere un’arma in più anche nei calci piazzati a favore. Migliorato nel tempo sia in marcatura che in fase di impostazione del gioco, Nuytinck perde qualche punto sulla velocità, caratteristica non facile da avere per i giocatori sopra i 190 cm.

Altro gigante interessante per i friulani è Rijad Bajic. Al contrario di Nuytinck lui però gioca in attacco. Classe ’93, possiede caratteristiche fisiche simili a Zapata. Mancino affilato, ama puntare l’avversario per rientrare sul suo piede preferito e scaricare verso la porta avversaria. Bravo anche nel calciare le punizioni dalla media distanza.

Antonin Barak rappresenta una scommessa della società bianconera. Trequartista forte fisicamente, arriva dal campionato ceco. Una buonissima duttilità tattica gli ha permesso di essere schierato in qualche occasione come seconda punta o, più frequentemente, come centrale di centrocampo, soprattutto in veste di mezzala in proiezione offensiva. Barak ha nelle sue corde sia il dribbling che l’assist, sebbene la specialità della casa sia il tiro da fuori. Tuttavia, il campionato italiano, inutile a dirsi, è profondamente diverso da quello ceco. Inoltre la concorrenza è più che agguerrita, con Jankto, Fofana, Hallfredsson e De Paul.

Importanti per l’Udinese sono indubbiamente le permanenze di Jankto e Fofana (il secondo ha anche rinnovato fino al 2022, allontanando qualsiasi voce di mercato), già decisivi nella scorsa stagione. Sta a loro ripetersi anche quest’anno compiendo il definitivo salto di categoria. L’Udinese riparte da loro due, dopo aver però perso molte pedine importanti. I ricambi di pari livello non sono arrivati, ma si è deciso di puntare su delle scommesse.

Ora che il mercato ha finalmente chiuso i battenti non ci sono più distrazioni: bisognerà trovare la formula giusta per far funzionare questa rosa, con l’obiettivo, come dichiarato da Del Neri, di migliorare la posizione dell’anno scorso.

VOTO: 5

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Dumfries verso la cessione, il piano dell’Inter

Pubblicato

:

Dumfries

L’Inter dovrà a malincuore privarsi di uno dei suoi pezzi pregiati per esigenze di bilancio. Il Corriere dello Sport fa il punto della situazione riguardo al bilancio dei nerazzurri, che è direttamente collegato al calciomercato.

Per far tornare i conti, l’Inter dovrà registrare una voce in attivo di 60 milioni, che non sono stati raggiunti la scorsa estate quando sembrava Skrinar a dover lasciare Appiano Gentile, salvo poi rimanere. E così tutti gli indizi portano a Dumfries, con le parole di Rafaela Pimenta a Calciomercato l’Originale che hanno fatto intuire come si stia già lavorando per trovare una sistemazione per l’olandese. L’agente del calciatore ha dichiarato che spera che la valutazione non salga troppo durante l’ottimo Mondiale che l’ex PSV sta disputando, così da non complicare le trattative per il trasferimento. Parziale ammissione.

IL PIANO DELL’INTER

La speranza dell’Inter è che si possa trovare un accordo per la cessione già nella sessione invernale, ma che l’esterno olandese possa rimanere in prestito a Milano fino alla fine della stagione.

Su Dumfries ci sarebbe sempre il Chelsea, che sembra la candidata numero uno ad essere la prossima destinazione dell’esterno, ma sempre secondo il Corriere anche il Tottenham di Conte potrebbe farci più di un pensiero.

Continua a leggere

Calciomercato

Trattenere i big e un nome per la fascia: la Lazio muove i primi passi sul mercato

Pubblicato

:

Milinkovic

Ci si avvicina alla ripresa della Serie A ed inevitabilmente diventa tempo di calciomercato. La Lazio è tra le più attive in questo momento, con l’intenzione di aggiungere qualche tassello utile alla squadra per plasmare ancora di più i biancocelesti secondo le volontà di Maurizio Sarri.

LE MANOVRE DEI BIANCOCELESTI

Il principale nodo da risolvere riguarda i big da trattenere. Milinkovic-Savic su tutti, che le voci di mercato vorrebbero già lontano da Formello a gennaio. L’intenzione della società biancoceleste sarebbe quella di trattenerlo almeno fino a fine stagione, per non privarsi di un cardine fondamentale e determinante a stagione in corso.

Anche Pedro rimarrà alla Lazio, dopo che qualche voce di corridoio lo vedeva tornare a Barcellona.

L’altra questione riguarda il terzino sinistro: come fa sapere Il Messaggero, Lotito sembrerebbe intenzionato a coprire quella casella, e l’indiziato sarebbe Nico Schulz del Borussia Dortmund. Rimangono da capire costi e modalità, con il contratto del tedesco che scadrà nel 2024.

Continua a leggere

Calciomercato

Bologna su Terzic, muro della Fiorentina

Pubblicato

:

Thiago Motta

Come riportato da La Gazzetta dello Sport, il Bologna è interessato al terzino classe 1999 Aleksa Terzic. Il serbo piace molto a Thiago Motta ma la Fiorentina non ne vuole sapere.

LA TRATTATIVA

Il Bologna, però, consapevole delle resistenze della Fiorentina che non vuole veder partire il calciatore, proverà anche ad acquistare in questa sessione di mercato Pietro Beruatto, terzino del Pisa.

Terzic rimane centrale nella rosa, data la forte stima di Italiano che ritiene il calciatore serbo come un ottimo sostituto in entrambe le fasce dove può sostituire sia Biraghi che Dodò.

Continua a leggere

Calciomercato

Roma al lavoro per il rinnovo di Zaniolo, nuovo incontro settimana prossima

Pubblicato

:

Zaniolo

Il percorso per il rinnovo di Zaniolo procede anche se a rilento, ma Pinto vuole dare una scossa e velocizzare la trattativa con l’agente del calciatore.

 

LA TRATTIVA PER IL RINNOVO

Oggi Il Messaggero ha riportato che Tiago Pinto ha avuto il via libera dai Friedkin per trattare il prolungamento di Zaniolo. Attualmente il contratto è in scadenza 2024, a livello di cifre c’è distanza, Zaniolo chiede 4 mln più bonus e la Roma offre massimo 3,5 mln. Le parti si incontreranno prima del ritiro in Portogallo, che inizierà il 15 dicembre. In caso di mancato accordo i discorsi saranno rinviati dopo il ritiro.

Zaniolo al momento viene da un inizio di stagione non esaltante, manca il gol al calciatore che non sta riuscendo a trovare continuità sotto porta. Appena una rete in questa prima parte di stagione nelle 11 gare giocate.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969