Connect with us

Flash News

Camavinga ed un futuro lontano da Rennes

Pubblicato

:

Eduardo Camavinga, centrocampista offensivo classe ‘2002 al 99% non rinnoverà il contratto con il Rennes e saluterà il club francese. Secondo The Athletic il futuro del giovane francese sarà separato da quello del club bretone e potrebbe avere un punto di separazione inaspettato: estate 2022, ovvero quando il calciatore si libererà a parametro zero. Questa ipotesi però sembrerebbe abbastanza lontana, per due motivi:

  • Il Rennes ha bisogno di monetizzare dalla cessione di Camavinga
  • Le pretendenti per il jolly di centrocampo non mancano

Immagine presa da transfermarkt.it

Le pretendenti per Eduardo, infatti, sono di un certo spessore, in prima fila per lui c’è il Real Madrid. I blancos intendono fare sul serio per il ragazzo; e lui vorrebbe fare il salto di qualità in una big del calcio mondiale. Soprattutto a lui piacerebbe giocare nell’attuale campionato più importante al mondo: la Premier League. Lo fa capire anche le parole dell’agente , che ha dichiarato che lo vedrebbe bene nel campionato inglese, nonostante il ragazzo non abbia ancora completato il suo processo maturativo.

Secondo quanto raccolto da TMW, il Real Madrid e l’agente del calciatore francese hanno già allacciato i contatti e nelle prossime settimane la trattativa potrebbe entrare nel vivo. Su di lui vi sono anche alcune big del calcio italiano, quali Milan e Juventus; ma attualmente in pole position sembra che ci siano i blancos.

PERCHE’ CAMAVINGA NON VUOLE RINNOVARE?

Ormai si sa che nel calcio di oggi, quando un giovane talento riesce a fare l’exploit in un club di medio livello, quello che il calciatore sogna è fare la differenza in una squadra importante. Dietro alla scelta di non rinnovare, da parte di Camavinga c’è però ben altro oltre alla volontà di “esplodere” in un club di livello…

Infatti, il giovane talentino ha preso la decisione di lasciare il Rennes dopo l’addio di Stephan, che per Eduardo è stato un vero e proprio padre calcisticp. Da quel momento in poi tra l’entourage del calciatore e il Rennes è calato il gelo, inoltre l’attuale posizione del club francese in Ligue 1 (settima posizione) non garantirebbe a Camavinga di partecipare alle competizioni europee.

Immagine presa da footballexplorer.it

Tutto ciò fa pensare ad un ormai certo addio da parte di Camavinga verso piazze importantissime, come Parigi, Madrid (sponda blancos) oppure Torino (sponda bianconera).

Eduardo Camavinga, grazie al Rennes è diventato un vero e proprio crack del calcio mondiale, ed è pronto al grande calcio.

 

Fonte immagine in evidenza: eurosport.it

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Qatar 2022 con più spettatori nella fase a gironi rispetto a Russia 2018

Pubblicato

:

Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar è unico per diversi motivi ma, per quanto riguarda le partite in campo, sta avendo alti livelli di gradimento. In giornata, la FIFA ha pubblicato un report sul numero di spettatori durante le 48 partite della fase a gironi.

Si è verificato un aumento rispetto a Russia 2018, con 2,45 milioni di spettatori dal vivo contro i 2,17. Elevati anche i biglietti venduti, ben il 96% e la partita con più spettatori è stata Argentina-Messico, allo  stadio Lusail di Al Daayen, dove sono stati riempiti tutti i 88.966 spettatori.

Continua a leggere

Flash News

Scaloni nel post-partita: “Di Maria? Speriamo che possa migliorare”

Pubblicato

:

Scaloni

Lionel Scaloni, commissario tecnico dell’Argentina, si è presentato nella consueta conferenza stampa dopo la vittoria contro l’Australia per 2-1 che ha garantito il pass per la qualificazione ai quarti di finale. Nonostante ai nastri di partenza fosse considerato come un avversario non molto ostico, il CT dell’ Albiceleste ha sottolineato le criticità della sfida visti i meriti degli avversari:

È stata una partita difficile, ci hanno messo una pressione soffocante, che ci è costata soprattutto nel primo tempo. All’intervallo abbiamo però fatto delle correzioni. Menomale che poi Leo Messi ha aperto la partita e poi abbiamo alzato il ritmo”

Un grande assente della sfida è stato Angel Di Maria e Scaloni ha voluto approfondire le sue condizioni fisiche:

“Questa sera non poteva giocare, anche se averlo in panchina è sempre una tentazione. Speriamo che con il passare dei giorni possa migliorare e mettersi in gioco. L’Australia è stata un avversario complicato: bene che tutti capiscano che la difficoltà di questa competizione è massima“.

Continua a leggere

Flash News

Mbappé MVP due volte, ma non si presenta alle interviste: il motivo

Pubblicato

:

Mbappé

Tre gol e un assist in due partite e mezzo. Il Mondiale di Kylian Mbappé è iniziato sotto i migliori auspici. Alla luce di queste performance, sufficienti per il passaggio del turno della Francia, che giocherà domani alle 16 il suo ottavo di finale contro la Polonia, è stato premiato per ben due volte con il premio di migliore in campo.

Nonostante ciò, però, il giocatore del PSG non si è mai mostrato alla stampa. Secondo L’Equipé, Mbappé non ha mai compiuto questo protocollo, ordinario per tutti i giocatori insigniti di questo premio, in quanto è sponsorizzato da Budweiser. Il giocatore francese non vuole promuovere alcun brand di alcolici, sulla scia anche di quello che è successo nello scorso Europeo.

Un gesto forte da parte del numero 10 che sta usando la sua immagine per promuovere anche importanti messaggi.

Continua a leggere

Flash News

La gioia di Romero: “Diamo sempre il massimo, siamo pronti per tutto”

Pubblicato

:

Romero

Ai sorrisi a metà di Leo Messi, si contrappone in casa Argentina la gioia di Cristian Romero. Il difensore del Tottenham, con un passato in A con Atalanta e Genoa, è apparso nel post-partita contentissimo per il risultato e ambizioso per il prossimo futuro.

Il classe 1998 è al suo primo Mondiale e vuole impressionare tutti e ottenere il miglior risultato con la casacca della sua nazionale.

Ecco le sue parole, che hanno uno sguardo anche alla sfida di settimana prossima contro l’Olanda per i quarti di finale:

Una gioia immensa. Nel finale abbiamo chiuso in sofferenza per merito dell’avversario, ma abbiamo mostrato carattere, gioco e personalità. Sono contento per questo gruppo, può succedere di tutto ma dimostriamo di dare sempre il massimo. Dobbiamo giocare ogni partita come una finale. L’Olanda sarà un’avversaria molto difficile, adesso ci godiamo qualche ora quello che sta succedendo ma poi penseremo a come giocare contro di loro. Siamo un gruppo giovane e siamo pronti a tutto”. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969